I libri estivi da leggere ai vostri figli

“Mi domando se le stelle sono illuminate perché ognuno possa un giorno trovare la sua”. Così scriveva Antoine de Saint-Exupèry nel suo bellissimo capolavoro Il Piccolo Principe. Questo libro è stato uno dei più belli che io abbia mai letto, perché con semplicità riesce a regalare emozioni uniche e ci fa comprendere quali siano le cose e i sentimenti che realmente contano. Spesso per i bambini la lettura è vista solo come un’attività scolastica obbligatoria, vedere o immaginare un bambino con un libro in mano diventa sempre più raro, mentre è più facile trovarsi di fronte ad un bambino che gioca con i videogames. Il tema che vogliamo affrontare in questo articolo è la lettura intesa come strumento in più che possiamo regalare ai nostri figli affinché riescano a comprenderne l’importanza. In occasione delle vacanze estive vi propongo una serie di libri, un misto di grandi classici e nuove pubblicazioni, da leggere sotto l’ombrellone, in vacanza o dovunque voi siate, per grandi e per piccini.

 

3-5 anni

1.jpg

 Per i bambini dai 3 ai 5 anni consiglio Le sei storie delle emozioni, una travolgente lettura di Sara Agostini che permette loro di conoscere ed entrare a contatto con le emozioni. Blu dalla paura, Rosso di vergogna, Giallo di gelosia, Verde di invidia, Arancione di gioia e Grigio di tristezza: tanti racconti illustrati da leggere che permetteranno ai vostri bambini di dare un volto ai sentimenti, divertendosi.

 

 I bambini sin dalla propria infanzia pongono delle domande alla quale noi adulti spesso non sappiamo come rispondere tra cui “Perché crescono i capelli?” “Perché si deve studiare?” o ancora “Perché i fiori sono profumati?” . Il libro dei perché è caratterizzato da una serie di brevi racconti che rispondono in maniera carina e divertente ai tanti “perché” che da sempre incuriosiscono i bambini. É un libro illustrato, ricco di fantasia, scritto da Gianni Rodari che alterna spiegazioni più creative ad altre più puntuali.

 

 

 6-10 anni

 Write here...

Write here...

 Il Piccolo Principe di Antoine De Saint-Exupèry, che ho accennato precedentemente, è un romanzo fantastico, adatto ai bambini di età dai 6 ai 10 anni, che senza pretese cerca di essere d’insegnamento alle persone che lo leggono, evidenziando degli aspetti importanti della crescita. Il significato del libro sta nello spiegare i valori: la purezza, l’armonia e l’amore per l’universo, oltre che per tutti gli esseri viventi che lo popolano. É uno di quei libri che non smetterei mai di leggere in quanto abbracciano tutte le fasce d’età.

 

 Storie della buonanotte per bambine ribelli è un libro illustrato per bambine (ma anche per bambini) cheracconta storie vere di 100 donne eccezionali (in versione semplificata, come fossero storie della buonanotte). 100 esempi di forza e coraggio al femminile, per tutte le donne, grandi e piccole, che puntano sempre in alto. Le due autrici Elena Favilli e Francesca Cavallo, parlano direttamente alle bambine ribelli di tutto il mondo dicendo loro di sognare più in grande e lottare con più energia. Un libro di fiabe diverso, insomma, in cui non si incontrano principesse ma donne vere e inarrestabili, che hanno lottato contro i pregiudizi e gli stereotipi di genere per affermare la propria personalità. Da Jane Austen a Michelle Obama, da Maria Montessori a Marie Curie, da Rita Levi Montalcini a Frida Kahlo, passando per figure più o meno note ma altrettanto d'ispirazione, questa raccolta di racconti brevi eppure potentissimi, riempie il cuore e la mente della stessa forza che brucia nell'animo delle donne che ne sono protagoniste.

 

10-13 anni

La pre-adolescenza è il modo comune per definire chi non è più bambino e non ancora adolescente. É quell’età indefinita delle scuole medie dove i “ragazzini” (e quindi i non bambini e i non ancora ragazzi) vanno alla ricerca del proprio io, della propria personalità, della propria identità. Perciò ancora più importanti diventano gli interessi personali e in particolar modo la lettura. Si iniziano a scegliere i libri con la propria testa e non più tramite consiglio dei genitori o degli insegnanti. Per i “non più bambini” è utile cimentarsi con letture come “Alice nel paese delle meraviglie” di Lewis Carroll, ma anche con “La casa dei ragazzi speciali. Miss Peregrine” di Ransom Riggs dal quale Tim Burton ha tratto l’omonimo film, o ancora “Storia di una ladra di libri” di Markus Zusak.

 

Storia di una ladra di libri è un romanzo realistico storico e si svolge durante la seconda guerra mondiale, tra il 1939 e il 1943. La protagonista è una bambina di 10 anni che riesce a guardare la realtà diversamente dagli altri: attraverso i suoi libri. É un libro commovente, in cui la storia di un popolo intero si mescola a quella personale della protagonista che trova la salvezza nelle parole dei libri. Scritto da Markus Zusak, è uno dei romanzi più belli degli ultimi anni, consigliato sia ai ragazzi sia agli adulti, anche a chi non ama le vicende legate alla Storia.

 

Alice nel paese delle meraviglie è considerato il capolavoro nonsense di Lewis Carroll che ci catapulta direttamentein un “mondo alla rovescia”. Uno dei temi principali del romanzo è il rapporto conflittuale tra età infantile ed età adulta. Precipitando nel mondo immaginario del Bianconiglio e della Regina di cuori, Alice si confronta con una realtà in cui le norme e le regole del mondo normale sono di fatto capovolte e stravolte. Un libro non solo per bambini, ricco di significati nascosti, celati fra le righe della narrazione.

 

 

La casa per bambini speciali di Miss Peregrine è un romanzo fantasy, il primo della serie Miss Peregrine, dello scrittore statunitense Ransom Riggs. Narra la storia di un ragazzo che, a seguito di una terribile tragedia familiare, segue gli indizi che lo portano in una casa di bambini abbandonati su un'isola gallese. Uno stile scorrevole, linguaggio semplice, buona capacità di rendere visive le descrizioni e una trama diversa dalle solite

 

 

 

14-18 anni

In Città di Carta tornano gli argomenti classici della narrativa per ragazzi: l’amicizia, l’amore, bullismo. Ma c’è anche altro: c’è una riflessione profonda dell’autore su un problema piuttosto diffuso tra i più giovani e non solo: l’incapacità di non lasciarsi coinvolgere dai pregiudizi, siano essi positivi o negativi. Non è uno young adult e non c’è l’eroe che va alla ricerca della sua principessa ma ci sono l’amore, nella sua forma più incredibile e potente del colpo di fulmine, e l’amicizia. Un libro dunque che parla di apparenza e realtà, ma anche che racconta di tutti i turbamenti e le ansie che interessano un periodo della vita particolarissimo, in cui il futuro è incerto e pare che venga chiesto di crescere all’improvviso.

 

Novecento è un monologo teatrale di Alessandro Baricco pubblicato da Feltrinelli nel 1994, nel quale si narra la vita stravagante di Danny Boodmann T. D. Lemon Novecento, "il più grande pianista che abbia mai suonato sull'Oceano", un uomo nato, vissuto e morto sul piroscafo Virginian senza mai metter piede sulla terraferma. Novecento suona il suo pianoforte con quella maestria e libertà proprie di chi quei tasti li sente sulla pelle, è una delle prime opere di questo autore che ho avuto modo di leggere e che va riscoperto ogni volta con una nuova e mutata consapevolezza.

 

Il Grande Gatsby è uno di quei romanzi classici che vale la pena leggere almeno una volta nella vita. Ricchissimo, potente, invidiato, Jay Gatsby è il re senza corona di West Egg. Ma non è felice: Gatsby insegue disperatamente il sogno di ritrovare Daisy, suo amore giovanile, e di far rivivere il legame con la donna che in passato lo ha respinto.  Questo libro affronta vari argomenti: il desiderio di rivivereil passato e allo stesso tempo la voglia dicancellarlo, l'amore puro e indimenticabile, la società di inzio ‘900, le "false amicizie. É un romanzo affascinante, in cui la personalità dei protagonisti è il vero centro della trama.

 

Ogni libro in qualche modo contribuisce a renderci persone migliori, a cambiare una parte di noi e il modo stesso in cui vediamo le cose.

La lettura ha cambiato la mia vita in meglio, ogni libro custodisce una parte di me e chi adora leggere inevitabilmente adora scrivere, per questo vi dico che leggere è uno svago, un divertimento ed è di fondamentale importanza. I libri ci offrono sensazioni uniche, permettono anche di sfogarsi comunicando i propri pensieri e ideali, possono risvegliare interessi su un determinato argomento facendoci quindi appassionare, sviluppando lo spirito critico e suscitanto innoi tanti interrogativi. É una porta aperta che ci può condurre in tutti i luoghi che vogliamo.  Leggendo si viaggia senza nemmeno spostarsi fisicamente. 

Claudia Pavano