Prorogata “Abstracta - da Balla alla Street Art”, al Museo Gagliardi di Noto

SIRACUSA - Le sale del Museo Gagliardi di Noto continueranno ad ospitare fino al 28 ottobreAbstracta - da Balla alla Street Art”, l’esposizione curata da Giuseppe Stagnitta, Giancarlo Carpi e Raffaella Bozzini, che documenta il percorso innovativo dell’astrattismo italiano dai precursori futuristi agli ultimi esperimenti di street art dei più significativi artisti italiani contemporanei di questa corrente. La mostra doveva rimanere esposta fino al 30 settembre, ma le numerose richieste arrivate da tutta Italia e l’interesse crescente delle scuole siciliane hanno fatto slittare la chiusura alla fine del prossimo mese.

36029593_2131821460363352_6499499156346765312_o.jpg

La Mostra è patrocinata dal Comune di Noto ed inserita fra i Grandi Eventi della Regione Sicilia, costituisce di oltre 70 lavori, provenienti da fondazioni, archivi e importanti collezioni private, opere significative dei più celebri artisti italiani che dialogano con le opere dei contemporanei.

“Abstracta” descrive l’evoluzione dell’Astrattismo italiano, che nasce con i primi esperimenti di Giacomo Balla con una serie di quadri denominati “compenetrazioni iridescenti” del 1912 per passare all’astrattismo analogico dello stesso Balla, di Fortunato Depero, Julius Evola e in parte di Enrico Prampolini e Gerardo Dottori, nella seconda metà degli anni dieci, fino alle sperimentazioni di Prampolini in chiave di “idealismo cosmico” negli anni trenta. L’esposizione presenta poi gli artisti che descrissero l’elaborazione astratta intorno alle teorie di Kn di Carlo Belli, tra Milano e Como, Carla Badiali, Alberto Magnelli, Fausto Melotti, Mario Radice, Mauro Reggiani, Manlio Rho, Atanasio Soldati, Luigi Veronesi. 

Nel complesso clima dell’immediato dopoguerra, fino a tutti gli anni cinquanta del secolo scorso, la mostra procede per decenni, intersecando gli esponenti dei due principali gruppi astrattisti dell’epoca, Forma e MAC, quali Carla Accardi, Pietro Consagra, Piero Dorazio, Achille Perilli, Giulio Turcato, Antonio Sanfilippo, e, per il MAC, tra Milano, Torino e Firenze, Gianni Bertini, Annibale Biglione, Oreste Bogliardi, Enrico Bordoni, Angelo Bozzola, Nino Di Salvatore, Albino Galvano, Jean Leppien, Mario Nigro, Ideo Pantaleoni, Adriano Parisot, Bruna Pecciarini, Regina, con la produzione coeva di alcuni astrattisti fondatori dell’Art Club, Enrico Prampolini, Joseph Jarema, fino ad alcuni esponenti dello Spazialismo, come Lucio Fontana e Roberto Crippa, e alle espressioni di artisti più anziani di ascendenza figurativa come Corrado Cagli e Quirino Ruggeri, fino ancora al principale esponente di Origine, che è Giuseppe Capogrossi, con una apertura verso l’informale di Afro Basaldella, nonché verso il percorso originale, tra informale e astrazione lineare, di Bice Lazzari. 

Nella sezione dedicata agli anni sessanta, vengono delineate le ulteriori proposizioni astrattiste del Gruppo 1, composto da Gastone Biggi e Achille Pace, fino alle esperienze dell’arte cinetica e ottica, da Getulio Alviani ad Alberto Biasi a Grazia Varisco. Tra sessanta e settanta, la mostra presenta anche le declinazioni di pittura analitica o “radical painting” di Claudio Verna, Paolo Cotani e Marcia Hafif, e l’astrazione fenomenica di Michele Cossyro. 

Come ponte verso le espressioni di Street art astratta più recenti, situate entro coordinate post-pop, all’interno dell’esposizione troverete l’astrattismo pop di Davide Nido, Roberto Pan, Alberto Parres e Veronica Montanino, fino agli ultimi esperimenti di astrattismo nella Street Art con 108, GUE’, CT, Etnik, Moneyless, 2501, Sten Lex, Alberonero, Ligama, Tellas e Bros.

Un’esperienza colorata e coinvolgente, che ci fa percorrere un viaggio a ritroso fino ai giorni nostri, tra linee e colori dell’astrattismo italiano.


Francesca Brancato

©riproduzione riservata