L’amore per Palermo di “Cortile Nostalgia”

Nuovo libro. Nuova città. Palermo.

Le sue vie, i suoi mercati (Ballarò, il Capo), gli odori, il suo dialetto. La sua realtà, i nomi dei suoi abitanti.

In tutto questo i due protagonisti, i giovani Mario e Melina. Giovanissimi oggi, uomo e donna acerbi  che ancora teenagers nella Palermo degli anni ‘60 contraggono il matrimonio, come riscatto, come via di fuga e come unica possibilità di autoaffermazione nel mondo.

La storia di questi due sposi è al centro dell’ultimo romanzo di Giuseppina Torregrossa, “Cortile nostalgia” (Rizzoli). Ed è proprio in questo cortile, originariamente chiamato delle Sette Fate e poi ribattezzato Nostalgia, per la dimensione personale assunta nella mente del giovane, durante la sua permanenza nella città eterna, che prende vita e forma il rapporto tra i due amanti, con la nascita della figlia Maruzza. È la presenza della figlia che costituisce il primo vero legame tra i due, che fino a pochi istanti prima e dopo le nozze erano ancora estranei. E la gamma dei sentimenti si carica di sostanza e si fa azione.  

Questo cortile infatti non è solo animato dalle loro vicende. Altri colori e odori qui prendono forma. Sono quelli della donna che tutti chiamano Mamma Africa, che qualcosa sembra avere in comune con le “sette fate”, durante le prime migrazioni dal Bangladesh, dall’India, dalla Tunisia, dal Marocco che arrivano in Sicilia.  

Con la scrittura asciutta e vivace di Giuseppina Torregrossa, il romanzo manifesta la sua dimensione corale in tutti i suoi 37 capitoli che corrono l’uno dopo l’altro, come le scene di un film.

La lettura non stanca, si poggia su ritmi alterni che entusiasmano chi legge di fronte ad ogni nuova giornata raccontata.

La narrazione non dimentica nessuno, perché il racconto privilegia il bisogno di ciascuno di sentirsi accolto ed essere parte di qualcosa, che si tratti di un affetto o di una comunità o di una città, come la Palermo tanto amata dalla scrittrice.

Consigliamo questo libro a tutti coloro che vogliono abbandonarsi per qualche ora, magari sotto l’ombrellone, ad una lettura snella e coinvolgente che propone una storia curiosa e vivace.

Un libro che conferma ancora una volta lo stile avvincente della dottoressa Torregrossa che anche in questa sua ultima fatica palesa la sua attenzione per il mondo femminile, ‘uccidere una femmina è come estirpare la radice della vita’, confessa il suo protagonista.

 

Daniela Tralongo

/
Print Friendly and PDF