Back to All Events

Catania: Vernissage collezione "Filamenti" di Stefano Schirò

  • Mondadori Bookstore Catania (map)
23621343_2003631079894839_1845588081704081890_n.jpg

Interverrà la professoressa Graziella Longo dell' IOS "A. Musco" di Catania.
Parteciperanno: Ivan Caruso violinista e Francesca Lo Verdi arpista, studenti dell'IOS "A. Musco".
---
Spesso siamo incapaci di dichiarare i nostri amori, di comunicare schiettamente i nostri malumori, le nostre fragilità; un rimedio potrebbe essere la creazione, lo sviluppo di forme che hanno lo stesso valore dell'arte rupestre; che profumano della stessa magia; bastano orbene pochi pezzi di carta spessa, ruvida o meno (che essi derivino da una scatola di riso o di plasmon, o di scarpe non importa), queste carte recano le impronte inconsapevoli della quotidianità. Una sorta di pop art? Forse, qui conta sviscerare le emozioni, narrarle al mondo, esponendole come su un podio. Quanto ci costa parlare di un uomo vissuto, perduto, scomparso tra i folli meandri dell'ego? Ecco allora che questi filamenti invadono ossessivamente ogni spazio del supporto, irradiando tensione, insicurezza, lacerazione, scandalo, eppure amore, i filamenti come scorciatoia, come onda radio per trasmettere un messaggio genuino, autentico di vita, di sviluppo, di amore nitido. I colori, come le viuzze di una casba, come "gnommeri" si intersecano tra loro, sono pastelli, sono imperfetti, insignificanti; a volte qualche frase tratta da Goliarda Sapienza o da Giuseppe Fava, o magari qualche parola in arbëresh tramandano in maniera nuova spaccati letterari da conoscere, da approfondire, le parole simboleggiano i filamenti, i filamenti sono parole: chi osserva deve pescarli e pesarli, perdersi, illuminarsi, confondersi, nutrirsi, vomitare pigmenti, euritmie. l'arte indica nuovi sentieri, l'arte rappresenta una breccia, una voragine in stile Kapoor che ci fa sprofondare in emisferi altri, che squarcia ogni velo e ci mostra le trame, i filamenti di questi stessi veli, l'arte come zoom, come blow up del cuore. La esplosione di Stefano Schirò "Filamenti" non si prefigge alcun obiettivo se non quello di inondarvi di.....