Back to All Events

Palermo: BAM prima Biennale Arcipelago Mediterraneo


  • BAM Biennale Arcipelago Mediterraneo Palermo Italia (map)

Dal 10 febbraio al 12 marzo 2017 apre la Biennale Arcipelago Mediterraneo (BAM) a Palermo, che celebra le culture e le arti del nostro Mare. La prima edizione della biennale è promossa dall’Assessorato comunale alla Cultura. Il Mar Mediterraneo è da sempre il cuore dei crocevia di popoli, culture, lingue e tradizioni, all’interno del quale la città di Palermo assume un ruolo da protagonista. Dialogo, confronto, integrazione e compartecipazione sono gli elementi portanti di questa manifestazione, che si svolgerà su tutto il territorio cittadino, con il coinvolgimento di spazi pubblici ed associazioni private. Verrà creato una sorta di ponte tra il Mediterraneo ed il resto del mondo attraverso teatro, musica ed arti visive. Inoltre BAM è pronta a proporsi come interlocutore privilegiato per importanti rapporti internazionali.

Il 10 febbraio l’inaugurazione tra le chiese di S. Euno e S. Giuliano (presso Piazza Magione) con il primo appuntamento: “Punte brillanti di Lance”, in collaborazione con Fondazione Merz, Fondazione Sicilia e il Comune di Palermo, in cui l’autore Wael Shawsky diventa cantore delle storie legate alle crociate, con un punto di vista non occidentale. In primavera la Fondazione Merz proseguirà con “Le vie di Merz” in collaborazione con il Museo Archeologico A. Salinas (fino al 2018).

Dal 18 febbraio il padiglione ZAC dei Cantieri della Zisa accoglieranno il progetto “Imago Mundi – Luciano Benetton Collection” dedicato al Mar Mediterraneo. Una mostra che apre uno sguardo sul “mare di mezzo” con quasi 3500 tele ed altrettanti artisti, un progetto no – profit di arte contemporanea voluto e promosso da Luciano Benetton: 20.00 artisti da tutto 120 Paesi che si confrontano sullo stesso tema e con gli stessi supporti. Quella esposta a Palermo è solo una parte della collezione complessiva, esposta in prima mondiale, e prende il nome di “Contemporary Artists from Sicily”: 220 opere, un accumulo di interpretazioni, ispirazioni, rappresentazioni, modi di ricercare e agire, visioni in cui la Sicilia costruisce la sua storia.

Il 19 febbraio verrà proiettato il documentario “Shame and Soul” del fotografo inglese Giles Duley e dell’artista siriano Semaan Khawam, esule in Libano.

Il 18 febbraio il sindaco di Palermo Leoluca Orlando siederà allo stesso tavolo dei rappresentanti istituzionali dei Paesi del Mediterraneo, per un’unica conferenza e un dialogo comune.

Dal 24 febbraio il fotografo cinese Liu Bolin esporrà gli scatti che ha realizzato a Mineo, dove ha dato vita alla raccolta “Migrants”. Ai Cantieri della Zisa in mostra i lavori realizzati a Catania, con la tecnica del body painting, che fonde il corpo umano con lo sfondo, fino a farlo scomparire in esso.

Dal 26 febbraio Domenico Pellegrino riempirà l’acqua del Porticciolo di S. Erasmo con 22 isole luminose, disposte a creare una vera e propria “Cosmogonia Mediterranea”. In questa installazione i 22 Paesi del Mar Mediterraneo diventano altrettanti isolotti galleggianti o le stelle di un immaginifico cosmo che l’artista crea davanti gli occhi dello spettatore.

Un programma vasto e variegato con elementi ancora da svelare. Tutte le manifestazioni, le mostre, le proiezioni sono ad ingresso gratuito. Il ricavo del contributo di 1€ per l’ingresso alla BAM, verrà investito nel progetto di restauro di un bene monumentale della città, che verrà scelto dal “popolo social”.