Back to All Events

Agrigento: Premio Andromeda

  • Teatro Adromeda Santo Stefano Quisquina Italia (map)

Il premio Andromeda ai Talenti umbratili,che quest'anno celebra la quarta edizione, è stato assegnato alle archeologhe Valentina Caminneci, Maria Concetta Parello e Maria Serena Rizzo e all'avvocato-scrittore Stefano Vivacqua.
Il premio, che consiste in una scultura di Lorenzo Reina, vuole riconoscere quei talenti che rifuggono dalla ribalta, preferiscono il margine, l'autoesclusione piuttosto che l'irretimento subalterno e compromissorio. 
Quei talenti che spiccano per profondità, originalità del loro sguardo sulla condizione umana del nostro tempo e del nostro territorio.
Le tre archeologhe, in servizio presso il Parco archeologico e paesaggistico Valle dei Templi, hanno contribuito notevolmente alla scoperta del teatro antico di Akragas con un lavoro sottotraccia, nell'ombra, guardando con occhi nuovi luoghi da sempre esplorati, ma mai visti nella loro più autentica dimensione. Adesso sempre con lo stesso spirito ma con una apertura alla curiosità e all'orgoglio locale, stanno contribuendo allo scavo dell'area per portare alla luce le strutture superstiti dell'imponente edifico teatrale. 
Il premio vuole riconoscere e indicare nei loro meriti professionali la fondamentale importanza di un campo, quello dei beni culturali, decisivo per lo sviluppo quantitativo e qualitativo del nostro territorio che sempre di più deve trovare in se stesso le condizioni del proprio riscatto.
L'avvocato Stefano Vivacqua, professionista di primissimo ordine nel campo dell'Avvocatura, viene qui premiato per un'opera letteraria sorprendente 'Il complesso di Atlante'. Un romanzo di formazione che ricostruisce luoghi persone e personaggi della città di Agrigento e della sua provincia dal secondo dopoguerra fino agli anni settanta narrando l'irruzione della modernità nelle nostre case e nei nostri costumi, lo sgretolarsi dei legami familiari tradizionali e l'affermarsi del brutto urbano come pegno alla spartizione più larga dei nuovi consumi .
La consegna dei premi avverrà al teatro Andromeda il 4 agosto alle ore 18.30.
A seguire l'inaugurazione della mostra "ROVI" del Maestro Alfonso Leto nella Torre della Fattoria dell'Arte.

I MATTANZA
"Dal 1976, i Mattanza realizzano musica che incrocia la tradizione popolare calabro-sicula e la freschezza della modernità, attraverso la ricerca e la valorizzazione di testi antichi ma rielaborati con un sound contemporaneo. La vera mattanza va evitata perché, come recitano i musicisti a conclusione di ogni concerto: "un popolo senza storia è come un albero senza radici. È destinato a morire”. Dopo l’uscita nel 1997 dell’album Razza Marranchina, per i Mattanza inizia un’intensa attività concertistica. Nel 2003, il gruppo torna in studio per Nesci Suli, un album di forte impatto emotivo, un mash-up di tradizione popolare e raffinatezza di suoni. Due brani di questo lavoro vengono inseriti nella compilation Etno1, voluta dagli ideatori di RaiRadio1. Nel 2005, la band si autoproduce Viaggio, ancora oggi in continua ristampa. I Mattanza ottengono svariati riconoscimenti, tra cui il premio Anassilaos 2004, e partecipano ad importanti festival come il Cous Cous Fest, a San Vito Lo Capo e il Kalàka Folkfestival di Miskolc, in Ungheria. Ospiti al “Lamezia Demofest” organizzata da Demo in collaborazione con Ruggero Pegna nel luglio 2006 vengono premiati con l’ “Etnodemo Award” come miglior gruppo etnico della trasmissione “Demo” di Radio1 Rai, ideata e condotta da Michael Pergolani e Renato Marengo. Nel 2010 la IWM pubblica una loro raccolta "Il Meglio…", nel 2012 esce Cu non ha non è e nel 2014 la soundtrack “I bronzi di Riace” per un video commemorativo del Museo Archeologico di Reggio Calabria. La prematura e improvvisa scomparsa, nel 2015, del leader e cantante Mimmo Martino non impedisce alla band di continuare e rinnovare l’attività arricchendosi di continue collaborazioni che hanno creato la “factory Mattanza”, uno spazio creativo aperto che consenta collaborazioni fra professionisti e artisti emergenti senza limiti di genere e linguaggi espressivi."
______________________________________
Ore 21:00
TORRE DELLA FATTORIA DELL'ARTE
Apertura della personale di pittura "ROVI" del Maestro Alfonso Leto
______________________________________
Costi:
Solo Ingresso e concerto I MATTANZA
Euro 15,00
Pizza in Fattoria (incluso ingresso e concerto):
Euro 20,00 A PERSONA

Prenotazione inviando un messaggio PRIVATO sulla pagina di Teatro Andromeda indicando:

1) Il Numero di Partecipanti
2) Tipo di pacchetto scelto (Solo Ingresso / Ingresso + Cena)
3) Indirizzo email e numero di cellulare

Potrete pagare i vostri biglietti all'ingresso dell'azienda, il giorno stesso dello spettacolo