Filtering by: oggi
Catania: Gli Impressionisti a Catania
Oct
20
to Apr 21

Catania: Gli Impressionisti a Catania

  • Palazzo della Cultura Catania (map)
  • Google Calendar ICS

Mostra 'Gli Impressionisti a Catania' dal 20 ottobre 2018 al 21 aprile 2019
„Dal 20 ottobre 2018 al 21 aprile 2019 appuntamento a Catania, al Palazzo della Cultura, con la mostra dedicata agli 'Impressionisti'. Saranno in scena le opere, tra gli altri, di Delacroix, Degas, Cezanne, Manet, Gauguin, Millet, Renoir. “

View Event →
Siracusa: Cenere-Delitto e Castigo
Jan
27
to Feb 24

Siracusa: Cenere-Delitto e Castigo

  • Palazzo Beneventano Lentini (map)
  • Google Calendar ICS

*Cenere* delitto e castigo

Una installazione di Momò Calascibetta e un racconto di Dario Orphèe intorno al "sistema" dell’Arte.

a cura di Andrea Guastella
coordinamento Giorgio Franco


Vizi, Virtù, Godimenti, dei signori dell'Arte in Sicilia.

Si inaugura domenica 27 gennaio 2019, alle ore 18.00, presso il Museo d’arte contemporanea di Palazzo Beneventano a Lentini(SR) la rassegna di Momò Calascibetta e Dario Orphée Cenere–Delitto e Castigo, a cura di Andrea Guastella.
Si dice che l’assassino torni sempre sul luogo del delitto; nel nostro caso, sono piuttosto i luoghi a inseguire gli assassini. E non è certo un caso che gli autori di Cenere, su cui ricade la colpa di aver ucciso e seppellito i potenti dell’arte in Sicilia – Dario Orphée ha raccontato di una mostra nata morta, Momò Calascibetta invece i morti li ha risuscitati, sigillandoli in loculi di 69x69 cm. ciascuno –, se ne siano accorti proprio a Lentini, patria di quel sofista che, arrivando a teorizzare l’innocenza di Elena, non era lontano dall’ammettere l’universalità del male: se tutti sono innocenti, nessuno è incolpevole.

Men che meno gli autori che, come il protagonista dell’immortale romanzo di Dostoevskij, dopo essersi accaniti contro i pupi siciliani, sono assaliti dai sensi di colpa e si struggono, tra una risata e una vodka, in attesa di un perdono che non chiederanno mai.La rassegna, itinerante, inaugurata alla Farm di Favara lo scorso 16 giugno, e che ha già toccato il Polo Museale A. Cordici di Erice, l’ex chiesa di San Giovanni a Gela, Palazzo La Rocca a Ragusa e il Museo Mandralisca a Cefalù, toccherà i principali musei della Sicilia per poi spostarsi in Italia e in Europa.

Momò Calascibetta nasce a Palermo. Si laurea in architettura con Gregotti ma sceglie di dedicarsi esclusivamente alla pittura; pittura che Leonardo Sciascia definirà “il racconto dettagliato dell’imbestiamento di una classe di potere già sufficientemente imbestiata nella più lata avarizia e nella più lata rapacità...”. I suoi personaggi hanno assistito “alla caduta degli dei” ma conservano l’imprinting del mito più alto; i suoi “relitti umani” divorano con cupidigia, godono e si preparano all’atto unico, forse finale, dell’effusione amorosa, della totale consunzione carnale dell’individuo, del deliquio dei sensi nella sfrenatezza di un’avida passione. Nel 1982 si trasferisce a Milano dove nascono Comiso Park, Piazza della Vergogna, De l’amour, Labirinto Verticale: serie di opere che verranno esposte alla Fondazione Corrente, alla Fondazione Mudima, alla Galleria Jannone, alla Galleria Daverio ed in fiere internazionali come Arte Fiera di Bologna, MiArt, Artexpo New York Coliseum, Art Basel, Arco Fiera di Madrid. Nel 2002 la Fondazione Mudima, a cura di Philippe Daverio, organizza una mostra-evento dal titolo Terromnia, dove vengono per la prima volta raccolte le sculture e i dipinti più rappresentativi di tutte le serie. La mostra susciterà l’interesse di Gillo Dorfles, Alessandro Riva, Marco Meneguzzo, Liana Bortolon e Giovanni Quadrio Curzio. Nel 2004 è ospite coi suoi lavori alla trasmissione Passepartout di Philippe Daverio su RAI 3 e nel 2005 un suo grande dipinto, Il gelato di Tariq, viene utilizzato per l’allestimento del set delle nove trasmissioni estive di Passepartout. Memorabile la sua esperienza di (non) partecipazione alla Biennale di Venezia del 2005, in occasione della quale organizza il progetto collaterale Esserci al Padiglione Italia, mostra di protesta contro un “mondo dell’arte” dominato da lobby finanziarie cieche ed arroganti, sempre più separate dalla vita reale. Nel 2005 col progetto Plotart a cura di Gianluca Marziani è coinvolto in diverse gallerie d’arte in Europa (Studio Senko, Danimarca; Dot Galerie, Svizzera; Fondazione Carlo Molineris, Svizzera; Galerie Kiron, Francia; Rar Galerie, Olanda; Galerie Hartdiest, Belgio; Blanca Soto, Spagna; Galleria Arturarte, Italia; La Sala Naranja, Spagna). Data al 2007 un’antologica intorno al tema del “sorriso” a cura di Vincenzo Consolo al Museo Mandralisca di Cefalù e al 2009 l’acquisizione di una sua opera al Museo Guttuso di Bagheria. Nel 2016 è il turno di Momeide, un’antologica alla Civica Raccolta Cappello a Ragusa, a cura di Andrea Guastella, e nel 2017 di un’istallazione alla Farm Cultural Park di Favara da titolo provocatorio Agrigentèrotique, a cura di Dario Orphée. Cenere, l’ultimo progetto itinerante realizzato in collaborazione con lo scrittore Dario Orphée e a cura di Andrea Guastella, lo vede presente dal 2018 al 2019 nei principali siti espositivi e musei della Sicilia, terra in cui l’artista, come hanno rilevato Sciascia, Bufalino e Consolo, è profondamente radicato. E anche in questo ciclo non vengono meno i tratti del disegnatore satirico di razza evidenziati un po’ da tutti i critici – da de Micheli a Soavi, da Dentice a Testori, da Daverio a Dorfles a Meneguzzo – che lo hanno seguito da vicino.



Nato ad Agrigento, Dario Orphée ha conseguito la maturità scientifica e la laurea magistrale in filosofia. Insegna Estetica ed Etica della Comunicazione presso l’Accademia di Belle Arti di Agrigento e Progettazione delle Professionalità presso l’Accademia di Belle Arti di Catania. Critico e curatore indipendente, collabora con numerose riviste – scrivendo di critica d’arte e teatrale, estetica, filosofia della natura e filosofia dell’agricoltura – tra cui “Segno”, “Il Pickwick”, “Permacultura & Transizione” e “Balarm”. Attualmente si occupa dello studio del sentimento, di gnoseologia dell’arte, di estetica ecobiologica e di scienze naturali.

View Event →
Ragusa: Percorsi di Archeologia Iblea
Feb
1
to Jun 14

Ragusa: Percorsi di Archeologia Iblea

  • Ente Liceo Convitto Modica (map)
  • Google Calendar ICS

L' Ente Liceo Convitto è lieto di invitarvi a partecipare all'incontro di "Archeologia Iblea " con la collaborazione della Soprintendenza BB.CC.AA di Ragusa.
Il primo incontro si terrà venerdì 1 Febbraio alle ore 17,30 e verterà su " Ragusa. I primi uomini della provincia . Recenti scoperte.", a cura di Saverio Scerra e Giuseppe Terranova.

View Event →
Siracusa: visite guidate al Castello Maniace
Feb
3
to May 5

Siracusa: visite guidate al Castello Maniace

  • Castello Maniace Ortigia (map)
  • Google Calendar ICS

Con questa visita guidata andremo a riscoprire uno dei più emblematici monumenti siracusani: il castello Maniace che con la sua caratteristica mole, domina la punta dell'isola di Ortigia.
Da pochi mesi è terminata una prima fase di restauri, il che ci consentirà di visitare la suggestiva sala ipostila, oltre all'antiquarium ed alla fortezza borbonica con le sue incantevoli vedute sulla baia del porto grande.
La visita guidata sarà curata dalle guide turistiche autorizzate di Hermes Sicily Guides & Tours. La visita ha una durata di circa 1h30m.
-
Il percorso di visita nella fortezza non presenta particolari difficoltà, si consiglia, in ogni caso, un abbigliamento comodo.
______________________________________________________
DATE e ORARIO

3 febbraio 2019

- gruppo 1, incontro 10.15; partenza 10.30

5 maggio 2019

- gruppo 1, incontro 10.15; partenza 10.30
______________________________________________________
Quota di partecipazione alla visita guidata: € 7 (bambini 6-13 anni ridotto € 3,50, gratuito fino a 5 anni). Diritti di prevendita esclusi.
______________________________________________________
Prenotazione

Utilizzare il modulo al link sottostante o cliccare su "biglietti".
Selezionare poi la data e l'orario e inserire i dati personali e quelli della carta prepagata (es. Postepay) o carta di credito per il pagamento.
La prenotazione è cancellabile gratuitamente fino a 48 ore prima del tour.

https://fareharbor.com/embeds/book/hermes-sicily/items/90429/?full-items=yes&flow=64406


NEWSLETTER
Per rimanere aggiornati sulle nostre visite guidate ed escursioni di gruppo, iscrivetevi alla nostra mailing list al link: http://eepurl.com/dHwE05

View Event →
Palermo: Corso di base della Storia dell'Arte
Feb
5
to May 7

Palermo: Corso di base della Storia dell'Arte

L'arch. Adriana Chirco continua il corso di storia dell'arte con il secondo modulo di 7 lezioni che copriranno il periodo tra l'arte egiziana e quella dei primi secoli del Cristianesimo.
Martedì 5 febbraio: l'arte del bacino del Mediterraneo dall'antico Egitto a Micene.
Martedì 19 febbraio: l'arte greca arcaiaca e le colonie della Sicilia.
Martedì 5 marzo: la Grecia Calssica ed ellenistica.
Martedì 19 marzo: l'arte ertusca.
Martedì 2 aprile: l'arte romana delle origini.
Martedì 16 aprile: Roma e l'impero.
Martedì 7 maggio: i primi secoli del Cristianesimo.
Contributo di 25 euro per i soci, di 30 per i non soci, di 20 per chi ha frequentato il primo modulo lo scorso anno.

View Event →
Palermo: PROROGA - Visite al Kouros ritrovato
Feb
7
to Mar 31

Palermo: PROROGA - Visite al Kouros ritrovato

  • Palazzo Branciforte Palermo (map)
  • Google Calendar ICS
kouros ritorvato.jpg

Prosegue fino al 31 marzo 2019 a Palazzo Branciforte l’eccezionale esposizione del Kouros ritrovato, che sarà visitabile dal martedi al venerdi in orario mattutino dalle 9.30 alle 14.30, e sabato e domenica fino alle 19.30, con la possibilità di partecipare inoltre ai tour guidati per gli appassionati e i non specialisti, e alla visita esplorazione dedicata a tutta la famiglia.

Per gli adulti, ogni sabato e domenica alle 17.30 e alle 18.00, è disponibile la visita guidata "Ritrovando il kouros", per avvicinare il pubblico alla scoperta di questa eccezionale testimonianza della scultura greca e del suo pregevole restauro e approfondirne le vicende storiche.

Ogni domenica alle 16.30, speciale visita-gioco per famiglie con bambini “Ho visto un ragazzo…di marmo!”: i kouroi raffiguravano fanciulli e decoravano le antiche tombe greche per rappresentare la bellezza e la perfezione. Il nostro Kouros spiegherà “come siamo fatti” dalla testa ai piedi per imparare giocando a conoscere meglio il corpo umano.

Entrambe le visite durano trenta minuti e sono prenotabili allo 091.7657621; costo 2 euro a persona- oltre ingresso.

Per i gruppi organizzati, su prenotazione, è sempre disponibile anche la visita tematica “I kouroi: arte per l’aldilà” volta approfondire il significato dei kouroi all’interno delle pratiche funerarie del mondo greco, una tematica particolarmente rilevante all’interno della Sala della Cavallerizza, che custodisce numerosi reperti funerari dai corredi di Selinunte.

Per conoscere nel dettaglio l’avvincente storia del Kouros ritrovato, ma anche per comprendere le caratteristiche, la funzione e l’immaginario simbolico di questa altissima espressione dell’arte greca, è stata ideata una speciale proposta didattica per le scolaresche di ogni ordine e grado consultabile al link http://www.palazzobranciforte.it/public/news/file/file_583.pdf?451

L'esposizione del prezios Kouros ritrovato è stata realizzata grazie all'intervento della Fondazione Sicilia - in collaborazione con l’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e al Centro Regionale Progettazione e Restauro- che ha sostenuto l’intervento conservativo e di pulitura delle superfici marmoree della scultura.

Biglietto di ingresso speciale Kouros 5,00 euro (gratuito fino a 18 anni) - Informazioni e prenotazioni visite guidate 091.7657621 info@palazzobranciforte.it

View Event →
Catania: Libertinia - mostra e presentazione libro
Feb
18
to Feb 23

Catania: Libertinia - mostra e presentazione libro

  • Monastero dei Benedettini di San Nicolò l'Arena (map)
  • Google Calendar ICS
libertinia.jpg

LIBERTINIA | Eletta Massimino Stefania Licciardello
lunedì 18 febbraio 2019 | ore 16:00
Monastero dei Benedettini | Sala “Coro di Notte”
PRESENTAZIONE DEL LIBRO
INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA FOTOGRAFICA

a seguire: Monastero dei Benedettini | “Vecchie Cucine”
VISITA MOSTRA FOTOGRAFICA

La mostra fotografica resterà aperta al pubblico dal 19 al 23 febbraio 2019 | h 9:00 > 13:00 | 16:00 > 19:30
Sabato 23 la mostra sarà aperta dalle 9:00 alle 13:00 | Monastero dei Benedettini | “Vecchie Cucine”

Interverranno:

SEBASTIANO TUSA
Assessore regionale ai Beni Culturali e alla Identità Siciliana

NOVELLA PRIMO
Docente DISUM

PIPPO PAPPALARDO
Critico Fotografico

VITTORIO GRAZIANO
Presidente Mediterraneum Associazione culturale

GIUSEPPE LI MOLI
Sindaco di Ramacca

PIERO RISTAGNO
NeonEdizioni

MASSIMO PALUMBO
Dirigente di Ricerca CREA

______________________

Performance teatrale del Laboratorio CORPI INSOLITI
a cura di Monica Felloni e Manuela Partanni
NeonTeatro

View Event →
Catania: workshop di incisione su linoleum
Feb
19
to Mar 19

Catania: workshop di incisione su linoleum

incisione su linoleum.jpg

La linoleografia è una tecnica di stampa artistica diretta, di immagini e grafiche su carta, cartone o stoffa mediante l'uso di una matrice ricavata per incisione da una porzione di linoleum adatto. Il termine "linoleografia" deriva dal nome del supporto (linoleum) e dal greco "grapho" (scrivere). La matrice può venire utilizzata per stampare diverse copie del progetto, fino a che non sia usurata. In ogni caso la linoleografia è una tecnica di stampa ad alta tiratura. È una tecnica di stampa relativamente recente, soprattutto se paragonata a tecniche quali la serigrafia. In origine, infatti, il linoleum era semplicemente un materiale da pavimentazione e solo a partire dall'inizio del 1900 venne usato come materiale artistico.

Quali sono gli obiettivi del corso?
Negli incontri si imparerà a realizzare una matrice linoleografica , per creare una stampa d’arte riproducibile per multipli.

A chi è rivolto?
A principianti di tutte le età amanti dell'arte e a chiunque voglia imparare la tecnica incisoria, non è richiesta abilità nel disegno.

Il workshop si svolgerà in 4 lezioni:

1. Introduzione teorica sulla tecnica di incisione diretta di stampa e spiegazione del concetto di “positivo” e “negativo” propedeutico all'incisione xilografica e linoleografica , scelta del soggetto da realizzare ( tramite disegno o collage) e adattamento al linguaggio incisorio .

2. Preparazione della matrice e incisione su linoleum.

3. Prove di stampa con la tecnica del cucchiaio.

4. Preparazione di un piccolo libretto d’artista da rilegare a mano con la tecnica della cucitura.

Per chiunque volesse realizzare un soggetto in particolare è consigliabile portare l’immagine di riferimento già alla prima lezione.

Tempi e costi:

Ogni lezione avrà durata di 3 ore e il contributo di partecipazione è comprensivo di tutti i materiali necessari (matite, gomme, fogli, fogli trasparenti, carta carbone, linoleum, sgorbie, tempera, inchiostro adatto alla stampa, rullo , ago e filo).

Giorni e orari degli incontri sono da concordare con i partecipanti.

Il contributo complessivo del workshop è di 40 € per tutte le 12 ore di corso che è rivolto a un massimo di 10 partecipanti.

Cristiana Piraino aka CVP
Nasce a Patti, un paese in provincia di Messina e una volta finito il liceo parte alla volta di Roma, dove si diploma in trucco estetico e cineteatrale e lavora a progetti fotografici, in cortometraggi, pubblicità e per sfilate di moda.
Negli anni successivi si laurea in Arti visive e Pittura, facendo da assistente ad un maestro incisore xilografia.
Torna in patria e per due anni porta avanti un progetto che coniuga arti visive e musica elettronica, creato insieme al partner artistico dj e produttore musicale.
Il progetto multimediale di nome BEANK (beat+ink) ha carattere site-specific, adattandosi di volta in volta allo spazio ospitante.
Nel 2018 si diploma come tatuatrice e piercer a Milano, trovando il giusto equilibrio tra arti pure e arti applicate.
Da qualche anno porta avanti un piccolo progetto di artigianato dal nome MOODDEEKA, che realizza monili con elementi di derivazione naturale.
La sua ricerca spazia dal figurativo all’astrazione, mediante differenti medium come l’illustrazione, il collage, la pittura, l’incisione, l’artigianato e il tatuaggio.
Al momento organizza workshop in giro per la Sicilia, mettendo a disposizione ciò che ha appreso nei suoi anni di formazione.

View Event →
Palermo: Ferdinando Scianna "Viaggio, racconto, memoria" alla GAM di Palermo
Feb
21
to Jul 28

Palermo: Ferdinando Scianna "Viaggio, racconto, memoria" alla GAM di Palermo

  • GAM - Galleria d'Arte Moderna Palermo (map)
  • Google Calendar ICS
scianna.jpg

"Non sono più sicuro, una volta lo ero, che si possa migliorare il mondo con una fotografia. Rimango convinto, però, del fatto che le cattive fotografie lo peggiorano"

Ferdinando Scianna

 

Con circa 200 fotografie in bianco e nero stampate in diversi formati, la rassegna attraversa l’intera carriera del fotografo siciliano e si sviluppa lungo un articolato percorso narrativo, costruito su diversi capitoli e varie modalità di allestimento.

Ferdinando Scianna è uno tra i più grandi maestri della fotografia non solo italiana. Ha iniziato ad appassionarsi a questo linguaggio negli anni Sessanta, raccontando per immagini la cultura e le tradizioni della sua regione d’origine, la Sicilia. Il suo lungo percorso artistico si snoda attraverso varie tematiche – l’attualità, la guerra, il viaggio, la religiosità popolare – tutte legate da un unico filo conduttore: la costante ricerca di una forma nel caos della vita. In oltre 50 anni di racconti non mancano di certo le suggestioni: da Bagheria alle Ande boliviane, dalle feste religiose - esordio della sua carriera - all’esperienza nel mondo della moda, iniziata con Dolce & Gabbana e Marpessa. Poi i reportage (fa parte dell’agenzia foto giornalistica Magnum), i paesaggi, le sue ossessioni tematiche come gli specchi, gli animali, le cose e infine i ritratti dei suoi grandi amici, maestri del mondo dell’arte e della cultura come Leonardo Sciascia, Henri Cartier-Bresson, Jorge Louis Borges, solo per citarne alcuni.

Avendo deciso di raccogliere in questa mostra la più ampia antologia dei suoi lavori fotografici, con la solita e spiccata autoironia, Ferdinando Scianna, in apertura del percorso espositivo, sceglie un testo di Giorgio Manganelli: "Una antologia è una legittima strage, una carneficina vista con favore dalle autorità civili e religiose. Una pulita operazione di sbranare i libri che vanno per il mondo sotto il nome dell’autore per ricavarne uno stufato, un timballo, uno spezzatino..."

Ferdinando Scianna del suo lavoro scrive: "come fotografo mi considero un reporter. Come reporter il mio riferimento fondamentale è quello del mio maestro per eccellenza, Henri Cartier-Bresson, per il quale il fotografo deve ambire ad essere un testimone invisibile, che mai interviene per modificare il mondo e gli istanti che della realtà legge e interpreta. Ho sempre fatto una distinzione netta tra le immagini trovate e quelle costruite. Ho sempre considerato di appartenere al versante dei fotografi che le immagini le trovano, quelle che raccontano e ti raccontano, come in uno specchio. Persino le fotografie di moda le ho sempre trovate nell’azzardo degli incontri con il mondo."

 

Le sezioni della mostra:

  • LA MEMORIA, Bagheria - La Sicilia - Le feste religiose

  • IL RACCONTO, Lourdes - I bambini - Kami - Il dolore

  • OSSESSIONI, Il sonno - Le cose - L’ombra - Bestie - Gli specchi

  • IL VIAGGIO, America - Deambulazioni - I luoghi

  • RITRATTI

  • RITI E MITI, Le cerimonie - Donne - Marpessa.

    Ferdinando Scianna è nato a Bagheria, in Sicilia, nel 1943. Proprio nella sua città inizia a dedicarsi alla fotografia ancora giovanissimo, agli inizi degli anni Sessanta, raccontando per immagini la cultura e le tradizioni della sua terra d’origine. Decide molto presto di diventare fotografo, sconvolgendo i progetti dei propri genitori che lo volevano avvocato o dottore. Già i primi ritratti delle persone di Bagheria, che Scianna ritrae con tono curioso e partecipe, risultano carichi d’intensità. Nel 1961 si iscrive a Lettere e Filosofia all’Universitá di Palermo, mentre la sua passione per la fotografia inizia a strutturarsi. Conosce il grande critico Cesare Brandi e mostra le proprie foto a Enzo Sellerio attraverso il quale scopre l’universo culturale bressoniano. Sono anche gli anni in cui si forma una coscienza politica determinante per l’evoluzione della sua fotografia, così come il vincolo con la propria terra d’origine e le tradizioni siciliane.

    Circa due anni dopo fa un incontro fondamentale per la sua vita professionale e personale: entra in contatto infatti con Leonardo Sciascia, lo scrittore con il quale a soli 21 anni pubblica il saggio Feste Religiose in Sicilia, libro che ottiene il prestigioso Premio Nadar. ll libro crea molte polemiche, soprattutto a causa dei testi di Sciascia, che mostra l’essenza materialistica delle feste religiose. Ma anche le foto del giovane Scianna hanno il loro impatto.

    "La fotografia era la possibilità del racconto di una vicenda umana. Questo il mio maestro mi fece capire, e mi introdusse ad una certa maniera di vedere le cose, di leggere, di pensare, di situarsi nei confronti del mondo"

    Sull’onda del successo del libro, Scianna si trasferisce a Milano dove lavora per l’Europeo come fotoreporter, inviato speciale e corrispondente da Parigi, dove vive per 10 anni. A Parigi inizia anche a dedicarsi con successo alla scrittura. Collabora con varie testate giornalistiche, fra cui Le Monde Diplomatique e la Quinzaune Litterarie. "Mi ritrovavo più a scrivere che a fotografare, ma sapevo di essere un fotografo che scrive", racconta Scianna. Proprio nella capitale francese, il suo lavoro viene particolarmente apprezzato, da Henri Cartier-Bresson, che nel 1982 lo inviterà a presentare la sua candidatura all’agenzia Magnum Photos, da lui fondata nel 1947. Torna a Milano e lascia l’Europeo per dedicarsi alla fotografia: "L’agenzia é lo strumento di un gruppo di fotografi indipendenti, una struttura in grado di valorizzare il tuo lavoro tanto meglio quanto più sai utilizzare questo strumento. Magnum continua a sopravvivere secondo l’utopia egualitaria dei suoi fondatori, in modo misterioso riesce a far convivere le più violente contraddizioni".

    A Milano lavora per vari giornali. Inizia anche a fotografare per due giovani designer emergenti, Dolce e Gabbana. Un incontro casuale, che darà vita ad una delle collaborazioni meglio riuscite nella fotografia di moda. A Scianna viene richiesto di realizzare un catalogo inserendo la splendida modella Marpessa nel contesto della sua Sicilia. Scianna riesce a mescolare magistralmente i registri visivi del mondo della moda con l’esperienza del fotoreporter, creando un risultato originale che spezza la monotonia patinata della fotografia di moda. É un successo che lo porterà a collaborare con prestigiose riviste internazionali e a realizzare altri servizi di moda in cui affianca con maestria artificio ed autenticità.

    Questa improvvisa ed inaspettata svolta, apre il mondo fotografico di Scianna a nuove esperienze, parallele a quelle più tradizionali del fotogiornalismo: pubblicità e fotografie commerciali, senza mai abbandonare il reportage sociale, i ritratti ed il giornalismo: "Adesso, con immutata passione, divertimento ed ironia, opero nei campi più diversi. Faccio un po’ di moda, un po’ di pubblicità, il reportage e cerco piú che mai di fare ritratti. Inoltre recupero materiale dal mio archivio fotografico per numerosi progetti. Nelle mostre non faccio distinzioni tra le immagini nate dal lavoro di fotoreporter e quelle di moda, per esempio. Le inserisco tutte in una continuità che è poi quella della mia pratica professionale".

    In oltre un secolo di storia la Galleria d’Arte Moderna ha attraversato un lungo percorso che ha portato all’incremento delle collezioni, ma soprattutto alla sua affermazione come una delle istituzioni culturali più moderne e vitali della città di Palermo.

    Il Museo espone una collezione permanente di oltre duecento dipinti e sculture, suddivise in quattordici sezioni tematiche e monografiche che illustrano il percorso delle arti figurative in Italia tra Otto e Novecento a testimonianza del ruolo che pittori e scultori di rilievo nazionale hanno assunto nelle vicende della Palermo modernista.

    Tra i più grandi capolavori: le grandi tele di formato monumentale di Giuseppe Sciuti, i paesaggi di Francesco Lojacono, il naturalismo di Antonio Leto, i rimandi Art nouveau di Ettore De Maria Bergler, il gusto scintillante e luministico di Giovanni Boldini e la densa stagione del Novecento, testimoniata da autori come Massimo Campigli, Felice Casorati, Mario Sironi, Renato Guttuso, Franz von Stuck, che ci restituiscono le atmosfere e le suggestioni di una moderna capitale europea.

    A supporto della visita è possibile usufruire di numerosi servizi per i singoli e per i gruppi. Un’ampia offerta educativa è dedicata alle famiglie e alle scuole.

    Il Complesso monumentale di Sant’Anna che ospita il Museo, è totalmente accessibile ai diversamente abili.

FERDINANDO SCIANNA - Viaggio, racconto, memoria

Periodo
21 febbraio – 28 luglio 2019

Sede
Palermo, Galleria d’arte Moderna
Via sant'Anna 21

Orari
Dal martedì alla domenica ore 9.30 – 18.30
Lunedì chiuso
La biglietteria chiude un’ora prima

Biglietti Acquista
Intero € 10,00
Ridotto € 7,00 per gruppi (minimo 15 persone), visitatori tra i 19 e i 25 anni, maggiori di 65 anni, titolari di apposite convenzioni
Gratuito per visitatori fino ai 18 anni, scolaresche, 1 accompagnatore per classe, visitatori diversamente abili con accompagnatore, studenti dell’Accademia Belle Arti di Palermo, giornalisti (iscritti all’Albo o accreditati), soci ICOM, guide turistiche
Cumulativo Mostra + Museo € 12,00
Audioguida (italiano – inglese) € 2,00

Info e prenotazioni
091.8431605 
Mail: info@gampalermo.it

Prenotazioni visite guidate per gruppi e scolaresche
091.8431605 
Mail: didattica@gampalermo.it

CONTEST:

In occasione della mostra è stato lanciato un concorso fotografico con una giuria composta da Ferdinando Scianna, Denis Curti e Paola Bergna.

Aspettiamo i tuoi scatti sui temi “Viaggio, Racconto, Memoria”.

Scopri il regolamento

View Event →

Palermo: Scianna incontra il pubblico al Teatro Santa Cecilia
Feb
20
7:00 PM19:00

Palermo: Scianna incontra il pubblico al Teatro Santa Cecilia

  • Real Teatro Santa Cecilia Palermo (map)
  • Google Calendar ICS
scianna.jpg

Il 20 febbraio alle ore 19.00, presso il Real Teatro di Santa Cecilia, Ferdinando Scianna incontra il pubblico di Palermo: un vero e proprio abbraccio con la città, aperto a tutti, in cui il Maestro presenterà la mostra "Viaggio Racconto Memoria", che apre al pubblico il 21 febbraio 2019.
Ferdinando Scianna risponderà alle domande del pubblico, modera il co-curatore Denis Curti.
Al termine dell'incontro, ai partecipanti sarà riservata una visita all'esposizione nella vicina GAM - Galleria d'Arte Moderna di Palermo.
L'ingresso alla mostra sarà consentito fino alle 21.30 esclusivamente ai possessori dell’apposito coupon che verrà rilasciato al pubblico presente all’incontro.
Ferdinando Scianna firmerà il catalogo e le sue pubblicazioni presso il bookshop del museo, fino alle ore 21.30.

Per l’occasione, anche la Caffetteria GAM sarà aperta dalle ore 20.00 fino alle 22.30 (aperitivo 10 euro, accesso libero alla caffetteria).
Info 091.8431605

https://www.gampalermo.it/news-eventi/museo/627-scianna-cecilia.html

View Event →
Siracusa: incontro e workshop con la fotografa Olga Ingurazova
Feb
16
to Feb 18

Siracusa: incontro e workshop con la fotografa Olga Ingurazova

olga ingurazova.jpg

Libreria Zaratan presenta:

Incontro e Workshop con la fotografa Olga Ingurazova

Il workshop si articolerà in tre incontri diversi:

* Giorno 1 (Sabato 16 Febbraio, ore 16.30 - 19.00, Libreria Zaratan)
La giornalista e fotografa internazionale pluripremiata Olga Ingurazova parlerà delle attuali tendenze del giornalismo fotografico; dell'importanza di cancellare i confini tra l'artista e il pubblico e di come le arti visive siano in grado di stabilire un dialogo tra le persone e provocare importanti cambiamenti sociali.

Solo per i visitatori della Libreria Zaratan, Olga mostrerà il materiale esclusivo del suo ultimo progetto fotografico "Le Cicatrici dell'Indipendenza: La Storia del Lupo" e vi racconterà come per quattro anni ha raccolto storie di abitanti di Stati non riconosciuti del Caucaso Russo e dei paesi dell'ex Unione Sovietica.

Invitiamo tutti a trascorrere la serata in nostra compagnia, partecipando alla discussione con Olga.

Costo per la giornata di Sabato 16 Febbraio: 5 euro

----------------------------------------------------------------

* Giorno 2 (Domenica 17 Febbraio, ore 10.00 - 13.00, Ortigia)

Passeggiata fotografica con Olga Ingurazova.
Avrete l'occasione di creare un progetto fotografico sulle strade di Siracusa in cui voi stessi sarete creatori e protagonisti coadiuvati dalla fotogiornalista.

Durante la passeggiata, vi libererete dagli stereotipi associati all'arte della fotografia, imparerete a trovare idee creative e capirete come raccontare visivamente una storia.

Il workshop non ha limiti di età e non richiede competenze tecniche. È necessario semplicemente avere una macchina fotografica (di qualsiasi marca e qualità: nel caso in cui non avete la macchina fotografica potrete anche usare il cellulare).

Appuntamento presso la Libreria Zaratan alle ore 10:00.

Costo per la giornata di Domenica 17 Febbraio: 5 euro

----------------------------------------------------------------

* Giorno 3 (Lunedì 18 Febbraio, ore 18.00 - 21.00, Libreria Zaratan)

Olga Ingurazova discuterà insieme ai partecipanti dell'attività svolta e dell'esperienza maturata durante il workshop.
Anche quest'incontro sarà aperto a tutti coloro che sono interessati a capire come costruire una storia attraverso la fotografia.

I partecipanti del workshop di Domenica sono invitati a portare i propri lavori fotografici o visuali (massimo 30 foto, o un video) per la lettura portfolio con Olga Ingurazova.

Costo per la giornata di Lunedì 18 Febbraio: 5 euro

----------------------------------------------------------------

Olga Ingurazova è una fotografa e giornalista documentaria. Nata a Mosca nel 1985, Olga ha iniziato la sua carriera documentando gli effetti dei conflitti militari in diversi paesi del mondo. Nel 2015 è stata inserita nelle liste internazionali delle "30 donne fotografe sotto i 30 anni che vale la pena di vedere" e dei "30 migliori giovani fotografi documentaristi" secondo l'agenzia fotografica Magnum Photo. Da allora, le sue opere sono state premiate ed esposte a livello internazionale.

Oggi Olga collabora con i media di tutto il mondo. Usa le sue capacità professionali per creare nuove piattaforme in cui artisti e pubblico diventano un'unica comunità.

Ulteriori informazioni su Olga:
www.ingurazia.com
https://www.facebook.com/olga.ingurazova

View Event →
Catania: MACS Loves you | regala l'arte!
Feb
14
10:30 AM10:30

Catania: MACS Loves you | regala l'arte!

  • MACS - Museo Arte Contemporanea Sicilia (map)
  • Google Calendar ICS
macs.jpg

A SAN VALENTINO REGALA L'ARTE!
Il MACS festeggia l'amore: le coppie che visitano il museo pagano un solo biglietto.


10.30 | 17.30
info@museomacs.it | www.museomacs.it
via crociferi | via s. francesco d'assisi 30 | catania




Opera in copertina di Ramona Zordini.






*Non è cumulabile con ulteriori riduzioni!

View Event →
Catania: 12° Corso Base di Fotografia
Feb
13
4:30 PM16:30

Catania: 12° Corso Base di Fotografia

  • ACAF - Associazione Cataniese Amatori Fotografia (map)
  • Google Calendar ICS
fotografia.jpg

XXII Corso di Fotografia ACAF.
Primo incontro mercoledì 13 febbraio 2019 ore 20:00.
Per informazioni potete scrivere a formazione@acaf.it

Riparte il nuovo corso base di fotografia Acaf giunto alla sua XXII edizione! ·impara ad usare la tua fotocamera in manuale
·esercitati con docenti dalla pluriennale esperienza
·coltiva e sviluppa la tua passione fotografica
·ricevi l attestato di partecipazione ·partecipa ed invita i tuoi amici alla mostra finale: PRIMI SCATTI !
Chi ama la fotografia è il benvenuto all'ACAF !
Corso riconosciuto FIAF V01/2019

#formazioneacaf #acafcatania #acaf #fiaf #corsodifotografia #catania #fotografi #fotoamatori #fotoamatoricatania

View Event →
Catania: Storie a colori del Tardo Barocco Siciliano - visite guidate
Feb
4
to Feb 5

Catania: Storie a colori del Tardo Barocco Siciliano - visite guidate

  • Sito Storico Monastero di San Benedetto (map)
  • Google Calendar ICS

In occasione delle celebrazioni relative alla Festa della Padrona di Catania, Sant'agata, lunedì 4 e martedì 5 febbraio alle 10.00 e alle 12.00 sarà possibile visitare la Chiesa di San Benedetto con le visite guidate a cura di Officine Culturali scoprendo così i luoghi più significativi e le vicende legate all’ordine benedettino femminile, alla nascita di una delle chiese più rappresentative del territorio catanese e il tripudio di colori realizzato da Giovanni Tuccari.

View Event →
Siracusa: La Jeunesse de la photographie - Luca Dimartino
Feb
2
to Feb 16

Siracusa: La Jeunesse de la photographie - Luca Dimartino

la jeunesse.jpg

La fotografia della fotografia.
Nel tempo dell'uso/abuso delle immagini, Dimartino richiama all'ordine, lo fa con un abile coup de théâtre fotografico attraverso la duplice rappresentazione negativo-positiva di una serie di ritratti propri dell'universo dell'artista. Il bianco e il nero come richiamo agli inizi della fotografia (La jeunesse...), ma anche alla sua filosofica ambiguità, alla poesia e a tutto ciò che riesce a evocare negli intimi risvolti dell'umanità. Un invito alla riflessione e un omaggio alla fotografia nell'immaginario del pubblico.

View Event →
Catania: Agatha Mea 2019
Feb
2
to Feb 7

Catania: Agatha Mea 2019

Ci risiamo! La festa di Sant’Agata ed i suoi travolgenti e chiassosi festeggiamenti sono già nell’aria e in Atelier torniamo a raccontare Agatha Mea, la mia Agata.
Ho chiesto ai tanti artisti e creativi che colorano l’Atelier di realizzare la loro Agata.
Scoprirete chi ne è completamente coinvolto e travolto, chi invece la conserva nascosta in un cassetto della memoria, chi ne ama i colori chiassosi e i profumi travolgenti.
Un piccolo percorso a tema vi attende nel cuore del barocco catanese.
Quest’anno avremo anche un racconto di Sant’Agata nella storia dell’arte italiana curato dal prof Antonio Scifo e dei ‘sapori’ di Agata curato dalla Cucina del Sole di Monica Consoli
In via Crociferi 72
Primo piano
Catania
Orario di apertura
Lun- Sab 10,00 - 13,00/ 16,30 - 20,00

Ingresso libero

View Event →
Palermo: Il Liberty a Palermo
Feb
1
6:30 PM18:30

Palermo: Il Liberty a Palermo

il liberty a palermo.jpg

Venerdì 1 Febbraio alle 18.30, il Professore Ettore Sessa sarà ospite alla Palazzina dei Quattro Pizzi per un incontro dal titolo “Il Liberty a Palermo”: Basile, Ducrot, Bergler e altri sono i protagonisti della stagione architettonica più raffinata e raggiante del capoluogo siciliano.
Introduce Vincenzo Prestigiacomo.

Prenotazione obbligatoria al numero:
+39 3913242207
Ingresso: € 5
Casa Florio, Palazzina dei Quattro Pizzi – Via Discesa Tonnara, 4 B - 90142

“Palermo è una città essenzialmente Liberty, quasi una piccola capitale dell’art nouveau“, scrisse Leonardo Sciascia.
Nel periodo compreso tra il 1897 e il 1924, in Sicilia, assistiamo a una capillare diffusione dello stile Liberty, fenomeno che coinvolse non solo l’architettura ma anche la pittura, la scultura, la grafica e il design. In particolare a Palermo, sono numerosissime le testimonianze di questo nuovo stile: Villa Igiea, il Villino Favaloro, il Chiosco Ribaudo, il Villino Florio all’Olivuzza, sono alcuni degli esempi di questa stagione artistica caratterizzata da eleganti e sinuose linee floreali ed elementi ornamentali ispirati al mondo vegetale e animale.
Le famiglie più influenti di quel tempo, come i Whitaker e i Florio, furono i principali committenti e promotori di architetti e ingegneri che definirono lo stile della Belle Èpoque.

View Event →
Palermo: Parco dell'Oreto, polmone verde della città
Jan
30
5:00 PM17:00

Palermo: Parco dell'Oreto, polmone verde della città

  • pin Museo Salinas-Polo regionale di Palermo per i Parchi e Musei Archeologici (map)
  • Google Calendar ICS
parco dell'oreto.jpg

Sono maturi i tempi per sensibilizzare l'opinione pubblica alle problematiche ambientali cittadine e in particolare a quelle connesse al fiume Oreto.

Il corso di questo fiume, una volta dalle acque limpide e pescose, si è degradato nel corso del tempo e specie negli ultimi decenni a causa di utilizzi e sversamenti impropri e illegali; da diverse parti si registra adesso un risveglio d'interesse ambientale con diverse ipotesi progettuali per il suo recupero.

Il progettato Parco dell’Oreto costituirà in futuro caratteristica oasi verde della città, il fiume diventerà un nuovo e inaspettato percorso naturalistico urbano, con positive ricadute su tutta l'area urbana circostante.

Il Garden Club Palermo in collaborazione con il Museo Salinas-Polo regionale di Palermo per i Parchi e Musei Archeologici, CoopCulture e Feudo Disisa organizzano un incontro per focalizzare questi temi importanti per tutta la città di Palermo.

Introducono
Francesca Spatafora [Direttore Museo Salinas]
Virginia Fatta Martinez Tagliavia [Presidente Garden Club Palermo]

Relatori
Silvano Riggio Università degli Studi di Palermo - Younipa
"Ambiente e Natura"

Beatrice Raffagnino UpPalermo
"Cittadinanza attiva e criticità"

Manfredi Leone Università degli Studi di Palermo - Younipa
"Il paesaggio fluviale urbano"

Ingresso libero

View Event →
Catania: TEX, 70 anni sotto il vulcano
Jan
26
to Feb 9

Catania: TEX, 70 anni sotto il vulcano

  • GAM - Galleria d'Arte Moderna di Catania (map)
  • Google Calendar ICS
tex.jpg

INGRESSO GRATUITO - CHIUSA LA DOMENICA
La mostra vuole essere un omaggio ai 70 anni di Tex Willer, personaggio iconico della cultura pop italiana dal dopoguerra ad oggi, storico simbolo della casa italiana Bonelli, un'iniziativa atta al recupero di figure intramontabili. Inoltre vuol proporsi come punto di partenza per la città etnea segnando una svolta "pop" nel panorama culturale.

View Event →
Catania: workshop "Direttore della fotografia"
Jan
25
to Jan 27

Catania: workshop "Direttore della fotografia"

direttore della fotografia.jpg

Vi presentiamo il primo workshop targato Cine Corporation Masterclass.
Dal 25 al 27 gennaio Pierluigi Diotallevi, direttore della fotografia di La7 e Supertennis, dirigerà il workshop "Direttore della fotografia".
Un week end full immersion in cui si approfondiranno le tecniche di ripresa e di illuminazione.
Durante il workshop, che avrà una durata di 20 ore, ci saranno anche esercitazioni e verifiche pratiche.

Il workshop si terrà negli studi televisivi di Futura Production, Vecchia Dogana, via Cardinale Dusmet 2.

Numero minimo/massimo parteciparti: 12/20 allievi.
Per informazioni, costi e iscrizioni: http://www.cinecorporation.com/2018_11_Dop.html / info@cinecorporation.com

Responsabili del workshop: Fabio Fagone e Michelangelo Mignosa.

View Event →
Catania: Mostra cimeli agatini
Jan
20
to Feb 12

Catania: Mostra cimeli agatini

  • Chiesa Monumentale di San Placido Catania (map)
  • Google Calendar ICS
mostra cimeli agatini.jpg

Nella Chiesa di San Placido è possibile visitare la mostra “Cimeli agatini e arte popolare”.

Come ogni anno L'associazione Sant'Agata Basilica Cattedrale promuove l'arte popolare affiancata al culto di Sant'Agata.

La mostra è aperta tutti i giorni dalle ore 9:00 alle ore 12:00 e dalle ore 16:30 alle ore 19:30.

View Event →
Palermo: La quarta parete
Jan
18
7:00 PM19:00

Palermo: La quarta parete

la quarta parete.jpg

Lo spazio espositivo di Baco about photographs inaugura il nuovo spazio espositivo a Palermo, in via Giacalone 35, ospitando Massimiliano Tommaso Rezza il quale dialogando con gli spazi della galleria mette in mostra la sua "Quarta Parete".

"La Quarta Parete", nel gergo teatrale, è quell’invisibile parete divisoria che separa lo spazio scenico dalla platea, l’attore dal pubblico, la finzione dalla realtà. Per il pubblico essa è come un rettangolo-immagine nel quale si svolge lo spettacolo, per l’attore inondato di luce proveniente dai faretti, invece, essa è un lucido muro accecante che gli impedisce di vedere il pubblico e, quindi, lo isola dal mondo reale.
I social media creano una Quarta Parete ancor più spessa e ancor più invisibile. Il soggetto, isolato dal mondo fisico, accecato dalla speranza di avere una voce autonoma, di essere ammirato e ascoltato, lancia messaggi oltre il muro abbagliante della Quarta Parete.
Nell’ultimo anno, vincendo la resistenza a postare foto di se stesso e l’imbarazzo per l’eventuale motivazione puramente narcisista, il fotografo Massimiliano Tommaso Rezza, ha cominciato a comporre un autoritratto per frammenti allegorici.
Tra cliché, che il mezzo favorisce, e deliri formali, tra rivelazioni mascherate e finzioni verosimili, il suo intento è stato quello di tendere la narrativa che governa un autoritratto fino a renderla sottilissima, quasi al limite della rottura dell’unità psichica attorno alla quale si dovrebbe comporre un’immagine coerente di sé.
Le foto del lavoro La Quarta Parete sono state tutte fatte con un telefono cellulare; il progetto rivela una riflessione a posteriori sulle foto postate giorno dopo giorno su Facebook e su Instagram che escludono l’altro perché non lo interpellano per davvero.
Un autoritratto veritiero è sempre impossibile, perché manca di visione dall’alto, dall’esterno, dall’altro e manca soprattutto della visione dell’altro. Un autoritratto diventa una dannazione, un compito infinito e stancante.

Baco about photographs è un produttore e contenitore di progetti legati alla fotografia che vive e si rigenera nel costante dialogo e scambio con realtà e individui esterni, credendo nella fotografia come un’esperienza tattile oltre che visiva. Nato a Palermo alla fine del 2017 dalla sinergia tra Andrea Campesi, fotografo e stampatore e Valentina Sestieri curatrice. BACO è una camera oscura e dal 2019 sarà uno spazio espositivo.

Massimiliano Tommaso Rezza è nato nel 1967 e si è laureato in farmacologia chimica nel 1992. Nel 2010 si diploma in fotografia a Roma. Il suo lavoro è stato esposto in mostre personali e collettive: Fotografia Europea (Reggio Emilia), Colli Independent Gallery (Roma), Fotografia Festival di Roma ( settima e ottava edizione) Desc. Photo Espana (Madrid), Su Palatu. Nel 2015 pubblica il suo primo libro, ATEM, edito da Yard Press.
Scrive articoli di fotografia pubblicati da American Suburb X e Archivio Magazine. Insegna Photography For The Media alla Richmond University di Roma. Il lavoro di Rezza si misura sia con la responsabilità del fotografo cosi come con quella del pubblico ricevente, enfatizza il potere delle immagini e la retorica della forma fotografica usata.


Baco about photographs
Via Giacalone 35, Palermo
La Quarta Parete, 18 gennaio – 1 febbraio
Mercoledì-Sabato, 2-8 pm
Inaugurazione
Baco about photographs
venerdì 18 gennaio
7-9pm

www.bacoaboutphotographs.com

View Event →
Catania: Never Stop Exhibition
Jan
12
to Jan 26

Catania: Never Stop Exhibition

never stop.jpg

Never Stop Exhibition.
Dopo la conclusione del crowdfunding iniziano le mostre del nostro progetto con la presentazione del relativo libro. Prima tappa a Catania, spazio 2LAB.
Ricordiamo inoltre che le donazioni per Arouna sono ancora aperte, per info contattare Carmelo o Mattia.
Open e Vernissage Sabato 12 gennaio 2019 18.00pm
Closing Domenica 27 Gennaio 2019 19.00pm
Lun-Ven 17.00pm/19.00pm
Sab 11.00am/13.00pm e 17.00pm/19.00pm

View Event →
Catania: Il corpo nudo
Jan
11
8:00 PM20:00

Catania: Il corpo nudo

  • SAL - Spazio Avanzamento Lavori Catania (map)
  • Google Calendar ICS
il corpo nudo.jpg

SEF Scuola Elementare di Fotografia e l'Ass. Culturale Photo Graphia hanno il piacere di ospitare Salvatore Zito, responsabile della Fototeca Siracusana per un meeting sulla storia del nudo fotografico.

SAL Via Indaco 23 - Catania. 11 gennaio 2019 h20

IL CORPO NUDO

Sintesi sostenibile della complicata storia del nudo fotografico.
A cura di Salvatore Zito (Resp.le Fototeca Siracusana)

Fin dalle origini della fotografia, la fotografia di nudo è una tematica costantemente presente, da metà Ottocento sino ai giorni nostri.
Un genere costantemente dibattuto tra finalità accademiche ed erotiche se non addirittura pornografiche; dalle censure dell’età vittoriana fino ad una parziale accettazione sociale del nudo concepito come strumento funzionale tecnico e documentario quando, oltre la dimensione artistica, è stato posto al servizio delle scienze, della medicina e dell’etnografia.
Il nudo come genere autonomo comincia timidamente a caratterizzarsi già verso la fine del XIX secolo per avviarsi definitivamente verso una propria identità con l’emancipazione della tematica, avvenuta durante gli anni Venti attraverso i movimenti artistici e gli esponenti che maggiormente sono stati sinonimo di rivoluzioni concettuali fino alla contemporaneità.

View Event →
Catania: mostra fotografica "La fine del mondo" di Emanuele Pappalardo
Jan
3
7:00 PM19:00

Catania: mostra fotografica "La fine del mondo" di Emanuele Pappalardo

  • Teatro Coppola Teatro dei Cittadini (map)
  • Google Calendar ICS
la fine del mondo.jpg

MOSTRA FOTOGRAFICA "LA FINE DEL MONDO"
di Emanuele Pappalardo
a cura di Alessandro Disca


3 Gennaio, ore 19:00

INGRESSO CON SOTTOSCRIZIONE VOLONTARIA


***


Questa mostra inizierà con una presentazione e un discorso sulla visione artistica del fotografo (Emanuele). Sarà strutturata secondo un percorso emozionale che rappresenterà alcuni attimi catturati per le strade di Catania, seguiti da un mini-progetto fotografico composto da quattro foto che citano opere d'arte passate, di cui una, l'ultima, intitolata "La fine del mondo", qui si spiega il titolo della mostra, mai resa pubblica dal fotografo e che potrebbe provocare chi la guarda.
La mostra, strutturata diversamente e distante dai soliti canoni, vede protagonisti oltre che gli scatti del fotografo i "visitatori" chiamati ad interagire e quindi ad essere loro stessi parte della mostra.
Ogni scatto sarà accompagnato da un taccuino all' interno del quale ogni visitatore potrà descrivere le sensazioni da lui provate.



***


http://www.teatrocoppola.it/

Ufficio stampa:
info@teatrocoppola.it
3470112200

View Event →
Palermo: Visita guidata al Kuros ritrovato
Dec
15
to Jan 13

Palermo: Visita guidata al Kuros ritrovato

  • Palazzo Branciforte Palermo (map)
  • Google Calendar ICS

Fino al 13 gennaio a Palazzo Branciforte l’eccezionale esposizione del Kouros ritrovato, che sarà visitabile anche ogni sabato e domenica pomeriggio con tour guidati per gli appassionati e i non specialisti, con appuntamenti dedicati a tutta la famiglia.

Per gli adulti, ogni sabato e domenica alle 17.30 e alle 18.00, è disponibile la visita guidata "Ritrovando il kouros", per avvicinare il pubblico alla scoperta di questa eccezionale testimonianza della scultura greca e del suo pregevole restauro e approfondirne le vicende storiche.  

Ogni domenica alle 16.30, speciale visita-gioco per famiglie con bambini “Ho visto un ragazzo…di marmo!”: i kouroi raffiguravano fanciulli e decoravano le antiche tombe greche per rappresentare la bellezza e la perfezione. Il nostro Kouros spiegherà “come siamo fatti” dalla testa ai piedi per imparare giocando a conoscere meglio il corpo umano. 

Entrambe le visite durano trenta minuti e sono prenotabili allo 09.7657621; costo 2 euro a persona- oltre ingresso.

Per i gruppi organizzati, su prenotazione, è sempre disponibile anche la visita tematica “I kouroi: arte per l’aldilà” volta approfondire il significato dei kouroi all’interno delle pratiche funerarie del mondo greco, una tematica particolarmente rilevante all’interno della Sala della Cavallerizza, che custodisce numerosi reperti funerari dai corredi di Selinunte. 

Per conoscere nel dettaglio l’avvincente storia del Kouros ritrovato, ma anche per comprendere le caratteristiche, la funzione e l’immaginario simbolico di questa altissima espressione dell’arte greca, è stata ideata una speciale proposta didattica per le scolaresche di ogni ordine e grado consultabile al link http://www.palazzobranciforte.it/public/news/file/file_583.pdf?451 

L'esposizione del prezios Kouros ritrovato è stata realizzata grazie all'intervento della Fondazione Sicilia - in collaborazione con l’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e al Centro Regionale Progettazione e Restauro- che ha sostenuto l’intervento conservativo e di pulitura delle superfici marmoree della scultura.

Biglietto di ingresso speciale Kouros 5,00 euro (gratuito fino a 18 anni) - Informazioni e prenotazioni visite guidate 091.7657621 info@palazzobranciforte.it

View Event →
Siracusa: Percorsi di Luce - Artemide, Demetra e Lucia
Dec
15
to Jan 6

Siracusa: Percorsi di Luce - Artemide, Demetra e Lucia

  • Museo Archeologico Regionale P. Orsi Siracusa (map)
  • Google Calendar ICS
percorsi di luce.jpg

Un viaggio tra l'antico ed il moderno, tra miti ,simboli, riti e miracoli dove la luce in vari modi si manifesta. 
Artemide ,Demetra e Lucia, Dee e Sante che come madri, sorelle ed amiche ci accompagneranno verso un mondo magico che non è poi cosi distante da noi.
Siracusa da sempre città di eternità,di luce, e di donne...

A voyage between past and present day, through myths,symbols, rites and miracles where the light shines
Arthemis, Demeter and Lucia, Goddesses and Saints like mothers, sisters and friends guiding us into a magic world, not so far from us.
Siracusa, eternal land of light and women

I luoghi del percorso:
Museo archeologico Paolo Orsi
Piazza della Vittoria
Piazza Santa Lucia
Itinerary:
Archaeological Museum Paolo Orsi 
Santa Lucia square

Da sapere:
Date 15/22/23/29/30 Dicembre 2018
5/6 gennaio 2019
costo a persona: 15,00 (comprensivo di ingresso al museo)
8-18 anni : 10,00euro
fino a 8 anni: gratuito

richiesta la prenotazione al 3333784101 / 3393513862 (anche via whatsapp)
o qui sul gruppo AGTSiracusa
durata: quasi 3 ore.
Appuntamento: h. 9.30 museo Paolo Orsi
to know: 
Dates: 15/22/23/29/30 Dicembre 2018
5/6 gennaio 2019
price per person : 15,00 euro (entrance fees included)
8-10 years: 10,00 euro
up to 8 years: free
please take a reservation on 3477533898 
time : about 3h

con chi: guide turistiche qualificate AGT Siracusa
with the qualified Tourist guides of AGT Siracusa

English,French,Spanish & Portuguese Language tours available

View Event →
Siracusa: Incontro con il prof. A. R. Tomagra
Dec
14
6:30 PM18:30

Siracusa: Incontro con il prof. A. R. Tomagra

prof tomagra.jpg

Un pomeriggio di conversazione con il prof. Tomagra dell'Accademia di Belle Arti di Catania (Corso di Fotografia) con il quale si parlerà su come riuscire a raccontare una storia per andare oltre “la bella fotografia” o su come produrre immagini che siano elementi di un progetto ragionato. 
E’ questo il salto di qualità che può fare il fotografo che non è più semplice amatore produttore di tanti singoli scatti, magari belli ma estemporanei e slegati l’uno dall’altro, ma un fotografo in grado di produrre un progetto fotografico.
Questo approccio ha un valore aggiunto ancora maggiore nell’era del digitale che ha portato ad un’enorme produzione di immagini.

View Event →
Palermo: mostra "Antonello da Messina" al Palazzo Abatellis
Dec
14
to Feb 10

Palermo: mostra "Antonello da Messina" al Palazzo Abatellis

Da venerdì 14 dicembre 2018 al 10 febbraio 2019, alla Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis di Palermo è allestita la più grande mostra dedicata ad Antonello da Messina (soprannome di Antonio di Giovanni de Antonio, Messina, 1430 – Messina, 1479).

La mostra è curata da Giovanni Carlo Federico Villa, che ha curato la mostra-evento alle Scuderie del Quirinale nel 2006, ed è promossa dalla Regione Siciliana e da MondoMostre e rientra nel cartellone di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018.

Per i saloni dello spazio espositivo si possono ammirare dipinti provenienti da alcune delle più prestigiose collezioni e musei italiani e internazionali tra cui la celebre Annunciazione. Il dipinto è una rivoluzione dell'arte perché raffigurando la Vergine Maria nel momento in cui le viene annunciato che sarà la madre di Dio, l'artista sceglie di non rappresentare l'angelo annunciatore.

Presenti lungo il percorso espositivo anche una Crocifissione proveniente dal Museo Nazionale Brukenthal Sibiu della Romania e una meravigliosa Tavoltetta devozionale con l’Ecce Homo sul fronte mentre sul retro un San Gerolamo nel deserto (ritrovamento del critico Federico Zeri, 1981).

Dalla Galleria degli Uffizi è arrivato il Trittico con la Madonna con Bambino, San Giovanni Battista e San Benedetto e dalla Pinacoteca Malaspina di Pavia il Ritratto di giovane gentiluomo (a lungo considerato un autoritratto). Infine il ritratto d'uomo detto Ritratto di ignoto marinaio e la Visita dei tre angeli ad Abramo.

«Si tratta di un’occasione unica per permettere la visione unitaria dell’opera di un grande artista - dice l’assessore regionale ai Beni culturali e dell’Identità siciliana Sebastiano Tusa - raggruppando opere che altrimenti dovrebbero ammirarsi in tempi diversi a distanza di migliaia di chilometri».

View Event →
Palermo: Salinas by night
Dec
7
to Dec 28

Palermo: Salinas by night

  • Salinas - Museo Archeologico di Palermo (map)
  • Google Calendar ICS
salinas by night.jpg

Serate speciali di aperture straordinarie alla scoperta dei capolavori del Museo archeologico "Antonino Salinas", in compagnia di un archeologo: tutti i venerdì di dicembre in tre turni - alle 20, alle 20.45 e alle 21.30 l'appuntamento è con "Salinas by Night".
7 euro (intero), 5 euro (ragazzi al di sotto dei 18 anni)Prenotazione consigliata al numero 091 7489995.

View Event →
Siracusa: personale fotografica di Filippo Sproviero "Sale"
Dec
7
to Jan 6

Siracusa: personale fotografica di Filippo Sproviero "Sale"

Venerdì 7 dicembre prossimo, alle ore 18:30, presso la galleria di Fototeca Siracusana, s’inaugurerà “Sale”, mostra personale di Filippo Sproviero, fotografo di origine nissena, da molti anni residente a Perugia. 
Appassionato cultore del bianco e nero, il “richiamo del sangue” l’ha condotto spesso in Sicilia ad annotare nel suo taccuino d’immagini, luoghi, storie e volti. “Sale” è un compendio di questi appunti, selezionati per la mostra allestita presso la Fototeca Siracusana. 
Fotografo di eventi musicali importanti come Umbria Jazz, il suo punto di vista sulla narrazione fotografica non prevede orpelli o furbe spettacolarizzazioni: Sproviero mira al cuore dei fatti, filtra il senso della scena dalle informazioni ridondanti, a favore di una sintesi sempre convincente. 
Tra i diversi libri che ha pubblicato: "I colori del Jazz" (Ed. F.Motta Ed., 2010); "La fontana Maggiore di Perugia, Immagini di un restauro" (Ed. Guerra 1999); "Jazzbackstage in black&white" (Futura Ed. 2010); coautore del libro "Jazz e… solo Jazz" (FIAF Ed. 2002); "Umbria Jazz trent'anni come far suonare un libro" (Quattroemme Ed. 2003); coautore del libro "Tra l’Halycus e l’Himera" (Ed. Gruppo Culturale dell’Immagine 1985).

View Event →
Catania: mostra fotografica "Mediterraneum Collection"
Dec
7
to Jan 5

Catania: mostra fotografica "Mediterraneum Collection"

mediterraneum collection.jpg

Venerdì 7 Dicembre 2018, alle ore 17,30, si svolgerà il vernissage della collettiva fotografica MEDITERRANEUM COLLECTION, composta da oltre cinquanta opere di maestri e autori italiani e stranieri donate all'archivio fotografico "Mediterraneum Collection" (tra questi gli italiani Ferdinando Scianna, Mario Cresci, Nino Migliori, Lisetta Carmi, Giovanni Chiaramonte, Piergiorgio Branzi, Francesco Cito, Ilaria Abbiento, Tony Gentile, Giuseppe Leone, Gabriele Croppi, Roberto Strano, Pino Ninfa, Roberta Baldaro, Nuccia Cammara e gli stranieri Frank Horvat, Carlos Freire, Pep Escoda, Antigone Kourakou, Fang Tong, Ramon Giner, Anastasia Cherniyavsky, Meeri Matilda Koutaniemi, Gabin Ben Avraham).

L'ingresso è gratuito.

La mostra rimane aperta al pubblico fino a domenica 6 Gennaio 2019 (finissage) presso le sale espositive dell'ex Convento di Santa Chiara di pertinenza dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Catania.

Nell’ambito dell'evento è stato pubblicata la prima edizione del catalogo degli autori le cui opere fanno parte della “Mediterraneum Collection” e che riporta il logo degli enti istituzionali che hanno patrocinato l'evento e quello delle aziende sostenitrici.

COME DA CALENDARIO: 
APERTA AL PUBBLICO DAL LUNEDI' AL SABATO (ORE 09:00/19:00)
LA DOMENICA E I GIORNI FESTIVI RIMANE CHIUSA.

View Event →
Catania: Il sapere dell'Università e le mirabilia siciliane
Dec
1
to Dec 22

Catania: Il sapere dell'Università e le mirabilia siciliane

  • Università degli Studi di Catania (map)
  • Google Calendar ICS
il sapere dell'università.jpg

Sabato 1° dicembre alle 9:30, al Palazzo Centrale dell'Università degli Studi di Catania, sarà inaugurata la mostra "Il #sapere dell’Università e le #mirabilia siciliane", curata dal Sistema Museale di Ateneo (#SiMuA).

L’idea progettuale nasce con lo scopo di valorizzare e rendere vivo e partecipato, alla più ampia collettività e alla comunità scientifica, il patrimonio dei saperi e dei beni, che sono il frutto dello svolgersi della secolare attività di #ricerca, di #didattica e di divulgazione dell'Ateneo.

La mostra rappresenta il nodo centrale di una rete di partecipazione del #patrimonio tangibile (collezioni, raccolte, patrimonio storico-artistico) e intangibile (tradizioni della ricerca e grandi personalità dell’ateneo) in cui i visitatori potranno approfondire le diverse tematiche grazie alla segnalazione dei nodi periferici rappresentati dalle strutture museali già esistenti (Monastero dei Benedettini di San Nicolò l'Arena - Catania, Orto botanico di Catania (Pagina Ufficiale), Museo di Zoologia e Casa delle farfalle, Museo della Rappresentazione - DICAR - Università di Catania, Museo di Biologia e Anatomia Umana "Lorenzo Bianchi", Città della Scienza - Università di Catania). 

L'iniziativa è realizzata con il contributo dell'Assessorato dei Beni culturali e dell'Identita' siciliana (Regione Siciliana).

L’allestimento prevede i seguenti percorsi didattico-educativi:

- La storia dell'Ateneo con materiali custoditi in: Collezione storico-artistica, Archivio Storico, Archivio Ceramografico;
- La giurisprudenza e ricerca storica con materiali custoditi in: Collezione storico-artistica, Fondo storico della Biblioteca di Scienze giuridiche;
- Il progresso nella ricerca medica e fisica con materiali custoditi in: Museo di Biologia e Anatomia Umana "Lorenzo Bianchi", Collezione di strumenti antichi della Fisica;
- La progettazione del territorio e la ricerca con materiali custoditi in: Museo della Rappresentazione - DICAR - Università di Catania;
- L’Archeologia del territorio e la ricerca con materiali custoditi in: Museo di Archeologia dell'Università di Catania, Museo della Fabbrica del Monastero dei Benedettini di San Nicolò l'Arena - Catania, Collezione archeologica del Polo regionale di Catania per i siti culturali.
- L’ambiente naturale e la ricerca con materiali custoditi in: Collezioni di Mineralogia, Petrografia e Vulcanologia, Collezione di Paleontologia, Museo di Zoologia e Casa delle farfalle, Orto botanico di Catania (Pagina Ufficiale) ed Herbarium, Collezione di Strumenti di misura di Scienze della Terra, Collezione Entomologica, Collezione di Agrobiodiversità, Banca del Germoplasma.

La mostra, a #ingressogratuito, sarà visitabile fino al 22 dicembre, dal lunedì al sabato dalle 10 alle 14 e dalle 15 alle 19 (esclusi festivi).

View Event →
Catania: mostra "Io Dalì" al Castello Ursino
Nov
20
to Jan 7

Catania: mostra "Io Dalì" al Castello Ursino

  • Museo Civico Castello Ursino (map)
  • Google Calendar ICS
io dalì.jpg

Io Dalí: un grande viaggio nella mente di uno dei più geniali artisti del XX secolo


Dalla costruzione di un mito, all’immortalità. In occasione del trentennale della scomparsa del maestro catalano (23 gennaio 1989) la mostra svela l’immaginario di Salvador Dalí portando i visitatori nella Vita segreta del genio poliedrico. “io Dalí”, al Museo Civico Castello Ursino dal17 novembre 2018 al 10 febbraio 2019, passerà in rassegna, attraverso 16 dipinti, 21 opere su carta, 24 video, 86 fotografie e 29 riviste il modo in cui il pittore è stato capace di creare il proprio personaggio rendendo opera d'arte ogni suo gesto; indagando e rivelando l’altra vita dell’artista catalano, quella meno conosciuta, fondamentale per comprendere la sua incredibile personalità.
La mostra è stata fortemente voluta dal Comune di Catania nelle persone del Sindaco Salvo Pogliese e dell'Assessore alla Cultura Barbara Mirabella e nasce in collaborazione con la Fundació Gala-Salvador Dalí nella persona di Montse Aguer, Direttrice dei Musei Dalí. La direzione generale è diAlessandro NicosiaPresidente di C.O.R. Creare Organizzare Realizzare che l’ha realizzata e co-organizzata. Inoltre è supportata dal Ministero della Cultura spagnolo.
L'esposizione è curata da Laura Bartolomé, Lucia Moni per la Fundació Gala-Salvador Dalí e da Francesca Villanti direttore scientifico di C.O.R. Creare Organizzare Realizzare, con la consulenza scientifica di Montse Aguere di Rosa Maria Maurell.
“Dalí non solo arriva alla genialità - scrive Laura Bartolomé - ma assicura anche un’eccezionale immortalità al suo genio”.
Salvador Dalí è un creatore nel senso più ampio del termine, un artista che travalica l’ambito ristretto della pittura. Dalí è pittore, disegnatore, pensatore, scrittore, amante delle scienze, catalizzatore delle correnti d’avanguardia, illustratore, designer, cineasta, scenografo. È un artista che si cimenta in tutti i campi della creazione, compresi i più innovativi quali le installazioni e le performance. Elabora la propria opera partendo tanto da linguaggi artistici complessi ed eterogenei, quanto dalla costruzione del proprio personaggio. Lo fa in maniera sistematica, quasi programmatica, con il desiderio di suggestionare la società di massa. 
Dai primi autoritratti, pitture e disegni degli anni '20 e '40, è evidente il desidero dell’artista di presentarsi al mondo con la sua genialità. Nella mostra vediamo l’Autoritratto con il collo raffaellesco (1921) e diversi disegni per la sua autobiografia Vita segreta, pubblicata nel 1942. Dalí è il genio, il personaggio, l’artista che trasforma se stesso in una delle sue creazioni più celebri, diventando riferimento naturale di artisti del calibro di Andy Warhol.
“Per Dalí – spiega Francesca Villanti - l’uso dei media diventa, come l’utilizzo di una lingua, un atto performativo, che può produrre risultati altissimi, uno degli strumenti più potenti a disposizione del singolo per la messa in scena di se stesso, per la narrazione e, soprattutto, per la propaganda di sé. Dalí inizia a pensare a se stesso in termini di un brand da promuovere e controllare. Scopre che l’immagine mediale è sì comunicazione, ma soprattutto un processo creativo”.
Nell’esposizione si vedranno anche i filmati, le performance e le frequenti apparizioni, tutt’altro che improvvisate, nei mezzi di comunicazione: dalle copertine della riviste - tra cui il Time del 1936 - alla sua partecipazione in veste di ospite a un concorso televisivo americano di grande popolarità comeWhat’s My Line?trasmesso nel 1957 dall’emittente CBS.
Pronto ad affrontare qualsiasi sfida, fosse quella di disegnare un oggetto di design, di creare la copertina di una rivista, di collaborare con una scenografia a una scena teatrale, di immaginare abiti per un ballo, Dalí era sempre attento anche alle novità del mondo scientifico. Tanto da confrontarsi con la ricerca della terza dimensione, anticipando quello che sarebbe stato il 3d. Nucleo centrale, attorno al quale gira l’esposizione, sono i suoi capolavori della fine degli anni Sessanta e di tutti i Settanta: opere stereoscopiche che permettono di vedere la pittura in tre dimensioni. Questi dipinti, che saranno esposti con attrezzature per consentirne di valutarne gli effetti tridimensionali, rappresentano perfettamente l’interesse di Dalí per le nuove frontiere della visione.
E poi ci saranno le fotografie: straordinarie quelle di Philippe Halsman che hanno come soggetto i suoi celeberrimi baffi. Se qui Dalí è in posa, in altri scatti assistiamo a momenti della sua vita quotidiana; una quotidianità, la sua, resa tutte le volte straordinaria. Ogni fotografia, ogni evento, erano vissuti come una performance. Si deve a lui l’invenzione dell’artista come divo, che si impegna affinché il suo aspetto e il suo comportamento vengano considerati surrealisti, come la sua arte. 
“Man mano che la popolarità di Dalí aumenta, – scrive Lucia Moni – l’artista diventa consapevole di dover adottare alcuni semplici e precisi attributi che lo identifichino agli occhi del grande pubblico, qualcosa che possa resistere al tempo, che sia facilmente riconoscibile e che lo aiuti a rendere la sua immagine eterna, immortale. Ecco quindi il perché di baffi e occhi sgranati, che fissano l’obiettivo, sia fotografico che televisivo, uno sguardo penetrante che arriva allo spettatore e che rimane impresso nella mente e nella memoria collettiva.
Si tratta di un grande viaggio nella mente di uno dei più geniali interpreti del XX secolo di cui la mostra farà comprendere l’attualità, il talento, l’unicità. Alla fine si capirà realmente il significato della parola genio.
“Con Dalí ci addentriamo - scrive Montse Aguer - in un universo singolare, complesso e sconvolgente, che ci affascina e inquieta, ci interroga e ci invita a sognare, nel senso più ampio del termine”.

Costo biglietto 
Intero € 12,00
Ridotto € 9,00 (over 65 e giornalisti) 
Ridotto gruppi € 8,00 (tale tipologia di ridotto sarà applicata a gruppi di almeno 10 persone) Ridotto giovani € 7,00 (per ragazzi dai 14 ai 26 anni) 
Ridotto bambini € 5,00 (per bambini dai 6 ai 13 anni) 
Ridotto scuole € 5,00 (per gruppi scolastici) 
Omaggio (persone con disabilità e accompagnatori, guide turistiche autorizzate, giornalisti previo accredito, una insegnante ogni 10 bambini in visita scolastica, bambini fino ai 5 anni)
La biglietteria chiude un’ora prima

iodali@corperlacultura.it.
095 345830.

View Event →
Palermo: mostra "Acinque - un archivio di immagini e parole per la Sicilia"
Nov
19
to Nov 25

Palermo: mostra "Acinque - un archivio di immagini e parole per la Sicilia"

  • Oratorio di San Mercurio (map)
  • Google Calendar ICS

ACINQUE un archivio d’immagini e parole per la Sicilia
La mostra
a cura di Giuseppe Mendolia Calella 

inaugurazione 17 Novembre 2018 ore 19.00
Oratorio di San Mercurio – Palermo
Cortile S. Giovanni degli Eremiti, 2
18 novembre – 25 novembre 2018 ore 10.00/18.00*

S’inaugura Sabato 17 Novembre 2018 alle ore 19.00 nel suggestivo Oratorio di San Mercurio di Palermo il progetto espositivo ACINQUE un archivio d’immagini e parole per la Sicilia.

All’interno dell'Oratorio di San Mercurio, di grande interesse per la presenza degli stucchi di Giacomo Serpotta, sarà allestita la mostra che raccoglie circa 40 libri d’artista prodotti da artisti visivi, operatori culturali, curatori e addetti ai lavori del sistema culturale ed artistico siciliano, italiano (e non solo), chiamati a riflettere sul patrimonio materiale e immateriale della Sicilia.

Contenuti di diversa natura, che spaziano dalla fotografia all’illustrazione, dal disegno alla grafica digitale fino alla mail art, alla manipolazione dei materiali e al collage, tutti accomunati da un unico parametro ovvero le dimensioni del formato A5 (148 x 210 mm).

La Call è stata lanciata lo scorso maggio nell’ambito del progetto ATTRAVERSO arti in rassegna, un intenso calendario di mostre e incontri promossi da un gruppo di giovani curatori che operano tra Palermo e Catania (Valentina Barbagallo, Cristina Costanzo, Danilo Lo Piccolo, Giuseppe Mendolia Calella). Il progetto ATTRAVERSO e la relativa mostra e call per la creazione dell’archivio ACINQUE rientrano nel programma di eventi di Palermo Capitale della Cultura 2018.

La mostra in oggetto presenta il primo step della creazione di questo archivio “d’immagini e parole per la Sicilia” e intende arricchirsi, nei prossimi mesi, di nuove partecipazioni e di un vero e proprio tour di presentazioni in giro per la Sicilia e l’Italia. La call, infatti, rimarrà aperta e sarà possibile visionare il bando completo al link: http://www.balloonproject.it/opencall_a5/

Il progetto ACINQUE è stato ideato e verrà curato da Giuseppe Mendolia Calella cofondatore di Balloon | Contemporary Art and Publishing(www.balloonproject.it), piattaforma che dal 2012 porta avanti una ricerca nell’ambito del libro d’artista e della microeditoria indipendente nelle arti visive contemporanee.

Di seguito i nomi degli artisti che ad oggi hanno risposto alla chiamata:

Roberta Abeni, Fabrizio Ajello, Daniela Ardiri, Calogero Enzo Barba, Ludovica Antonella Barba, Vincenzo Barba, Gaetano Blaiotta, Giovanna Brogna Sonnino, Laura Cantale, Carmen Cardillo, Federico Caruso, Claudia Castello, Mario Chiavetta, Maria Grazia Cipolla, Alessandro Costanzo, Paolo Cremona, Eleonora Cumer, M. Elena Danelli, Gabriele D’Angelo, Pasquale De Sensi, Francesco Di Giovanni, Giorgio Distefano, Zoltan Fazekas, Alessandro Federico, Rosa Franceschino, Rosario Ganci, Angelo Licciardello e Sebastiano Sicurezza, Mario Margani e Andrea Nicolò, Laura Maugeri, Giuseppe Mendolia Calella, Gaetana Milazzo, Pietro Milici, Gianluca Monaco e Melania De Luca, Claudio Parentela, Francesco Pietrella, Maurizio Pometti, Gabriella Sapienza, Stefania Scamardi, Caterina Scandurra, Federico Severino, Giacomo Simonetta, Samantha Torrisi, Ilenia Vecchio.

Ufficio Comunicazione

Account senior: Valentina Barbagallo | Giuseppe Mendolia Calella 

Account junior: Lucia Maniscalco con Roberto D’Angelo, Alessandra Randazzo, Martina Randazzo

Addetta alle relazioni esterne Amici dei Musei Siciliani
Cinzia Di Marco

Per maggiori informazioni
http://attraversoartiinrassegna.tumblr.com/ | http://www.balloonproject.it/

Contatti: attraverso.info@gmail.com

Sede espositiva
Oratorio di San Mercurio – Palermo
Cortile S. Giovanni degli Eremiti, 2, 90134 Palermo PA

www.amicimuseisiciliani.it

Partner:
091 Art Project - Arte Moderna e Contemporanea | Alab PalermoAssociazione liberi artigiani – artisti Balarm | Archivio Pappalardo | Associazione Amici dei Musei Siciliani | Balloon | Contemporary Art and Publishing | Associazione Intona Rumori | Associazione la Settimana delle Culture| Studio Keramos Arte e Restauro | Radio Lab | Scuola FuoriNorma, Catania

Wine Sponsor: Costantino Wines

http://www.costantinowines.it/

Un sentito ringraziamento all’Associazione Amici dei Musei Siciliani e a Bernardo Tortorici Montaperto di Raffadali.

*Opening: ingresso gratuito. Dal 18 al 25 novembre 2018 con contributo per il mantenimento dei siti monumentali: Intero 3€, ridotto 2€.

View Event →
Palermo: Notte a Villa Palagonia
Nov
16
8:00 PM20:00

Palermo: Notte a Villa Palagonia

  • 3 Piazza Garibaldi Bagheria, Sicilia, 90011 Italia (map)
  • Google Calendar ICS
notte a villa palagonia.jpg

Visite serali alla Villa dei Mostri, la magnificente Villa Palagonia
Venerdì 16 novembre dalle ore 20 | Contributo: € 7
Piazza Garibaldi, 3 - Bagheria (PA)
Prenotazione obbligatoria: 329.8765958 – 320.7672134 - www.terradamare.org/infoline

Venerdì 21 settembre dalle ore 20: visite serali alla splendida dimora nobiliare voluta dal Principe di Palagonia, conosciuta come la "Villa dei Mostri" per le misteriose statue di cui è circondata. 
Come in un percorso iniziatico, si ammireranno: lo scalone monumentale a doppia rampa in marmo di Billiemi, le tante sale della Villa, tra cui l'enigmatica "Sala degli Specchi" con il suo gioco di sovrapposizioni tra magia e realtà e gli affreschi settecenteschi raffiguranti le Fatiche di Ercole.
Prenotazione obbligatoria, chiamando i numeri 329.8765958 – 320.7672134 o scrivendo a eventi@terradamare.org

__________
La storia di Villa Palagonia si inserisce su più livelli di narrazione, conosciuta come splendida dimora nobiliare, costruita a partire dal 1715 per conto di Ferdinando Francesco I Gravina Cruyllas, principe di Palagonia, ad opera dell'architetto Tommaso Maria Napoli e, altrettanto celebre, per le storie connesse alle misteriose statue raffiguranti figure mostruose che circondano la villa.
Quest'ultima aggiunta, cosi suggestiva ed emblematica, causa della denominazione della villa come Villa dei mostri, si deve all'omonimo nipote Ferdinando Francesco II, detto Il negromante.
Ma al di lá dell'alone di mistero, resta eccezionale il patrimonio artistico della dimora bagherese. 
Difatti, dall'impressionante facciata principale, animata da uno scenografico scalone a doppia rampa, si giunge al piano nobile.
Come un percorso iniziatico, il visitatore resta incantato dal vestibolo di forma ellittica fatto affrescare alla fine del Settecento con scene raffiguranti le Fatiche di Ercole.
Questo spazio è il proscenio dell'eccezionale Sala degli specchi, un grande salone di forma quadrangolare con il soffitto ricoperto da specchi posizionati con angolature varie in modo da, in un gioco di sovrapposiozioni tra magia e realtà, riflettere e deformare i presenti e contemporaneamente rendere unico questo spazio di altri tempi.

View Event →
Agrigento: Pensati Libera #2 - Consapevolezza Estetica
Nov
16
to Nov 17

Agrigento: Pensati Libera #2 - Consapevolezza Estetica

consapevolezza estetica.jpg

Prima artista-tutor del Modulo I di Libera Tutti è Valentina Coccia di BWSTW.BeautyWillSaveTheWorld, cosulente di stile, comunicazione e marketing - venerdì 16 / sabato 17 novembre 2018 dalle ore 15:00 alle 19:00 – spazio ‘Nzemmula FARM CULTURAL PARK.

Consapevolezza Estetica.
Con Valentina faremo un breve excursus storico dell' estetica fino ai giorni nostri, osservando il culto dell’immagine nella sua evoluzione e nei suoi effetti sul nostro modo di essere ed apparire. Trovato il filo che unisce il concetto di bellezza con la gioia, la narrazione del sé, la cura e l’autenticità, ne dipaneremo i grovigli e inizieremo a sperimentare colori, forme e linee del nostro corpo. Scopriremo strumenti per riconoscersi e valorizzarsi in totale autenticità e armonia con se stesse e con gli altri.

🎯 Valentina Coccia nasce a Roma nel 1977 e si laurea in Scienze Politiche. Dopo una lunga parentesi nel mondo aziendale del marketing e della comunicazione che la vede lavorare in Italia e all’estero si dedica ad un percorso da free-lance come Consulente per lo Sviluppo delle Identità Culturali.
La sua passione è la Narrazione della Bellezza, che esercita con vari strumenti e linguaggi, dalla fotografia alla scrittura, dai laboratori nelle scuole agli incontri dedicati ai saper fare femminili.
Nel 2013 fonda Beauty Will Save The World: un blog dedicato alla Bellezza come Cura dell’Identità di persone, luoghi, popoli. BWSTW.BeautyWillSaveTheWorld
Il Laboratorio di Consapevolezza Estetica fa parte del grande progetto #BWSTW e propone la riscoperta dell'estetica come racconto del sé, come atto di gentilezza, nella sua etimologia più autentica come filosofia del bello sia esso naturale, artistico e scientifico. E’ convinta che la Bellezza sia un balsamo per l’anima, in grado di salvare le persone, riqualificare i luoghi, muovere al progresso umanitario, in definitiva, salvare il mondo.

➡️ Libera tutti è un progetto di FARM CULTURAL PARK vincitore del bando Prendi Parte! Agire e pensare creativo ideato dalla DGAAP del Mibac
➡️ Per saperne di più contattaci.
Tel. 0922 34534
Mail: liberatuttiproject@gmail.com.

View Event →
Ragusa: mostra fotografica "Mediterraneum collection"
Nov
11
to Dec 2

Ragusa: mostra fotografica "Mediterraneum collection"

  • fondazione Teatro Garibaldi - ex Convento del Carmine (map)
  • Google Calendar ICS
mediterraneum collection.jpg

Domenica 11 novembre 2018, alle ore 17,30, si svolgerà il vernissage della prima mostra fotografica MEDITERRANEUM COLLECTION, composta da oltre cinquanta opere di maestri e autori italiani e stranieri donate all'archivio fotografico "Mediterraneum Collection", (tra questi gli italiani Ferdinando Scianna, Mario Cresci, Nino Migliori, Lisetta Carmi, Giovanni Chiaramonte, Piergiorgio Branzi, Francesco Cito, Ilaria Abbiento, Tony Gentile, Giuseppe Leone, Gabriele Croppi, Roberto Strano, Pino Ninfa, Roberta Baldaro, Nuccia Cammara e gli stranieri Frank Horvat, Carlos Freire, Pep Escoda, Antigone Kourakou, Fang Tong, Ramon Giner, Anastasia Cherniyavsky, Meeri Matilda Koutaniemi, Gabin Ben Avraham).

L'ingresso sarà gratuito.

La mostra resterà aperta al pubblico fino a domenica 2 dicembre 2018 (finissage) presso le sale espositive dell'ex Convento del Carmine (Piazza Matteotti, Modica), messe a disposizione dalla Fondazione Teatro Garibaldi di Modica.
Successivamente l’esposizione verrà trasferita a Catania presso la Galleria di Arte Moderna ubicata presso l’ex Convento di Santa Chiara di pertinenza dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Catania, rimanendo aperta al pubblico da venerdì 7 dicembre 2018 fino a domenica 6 gennaio 2019.

Nell’ambito dell'evento verrà pubblicata la prima edizione del Catalogo degli Autori le cui opere fanno parte della “Mediterraneum Collection” che riporterà il logo degli enti e delle aziende sostenitrici.

COME DA CALENDARIO: 
LUNEDI' LA STRUTTURA E' CHIUSA.
LA MOSTRA RESTERÀ APERTA AL PUBBLICO DA MARTEDI' A VENERDI' (ORE 16:00/20:00),
SABATO (ORE 16:00/21:00) e
DOMENICA (ORE 10:00/13:00 e 16:00/21:00).

View Event →