Back to All Events

Palermo: passeggiata letteraria - L'Inquisizione Spagnola a Palermo

  • Steri Palermo 61 Piazza Marina Palermo, Sicilia, 90133 Italy (map)
passeggiata letteraria.jpg

MEMORIE PALERMITANE
Homicidio di un Inquisitore
(Passeggiata letteraria)
Sulla scorta di alcuni testi letterari, che introdurranno e affronteranno il tema trattato, si rivisiterà mediante gli "occhi" di alcuni scrittori, il periodo storico e culturale dell'Inquisizione spagnola presente a Palermo dal XV sec. in poi. La finalità della passeggiata sarà quella di rievocare, attraverso la lettura di stralci di brani tratti da due opere letterarie scelte, la visione di una Palermo cinque-seicentesca con le tutte le peculiarità del tempo, approfondendone le condizioni politiche, sociali e storiche. I testi di riferimento saranno essenzialmente due, quello più romanzato e fantasioso di Luigi Natoli (William Galt) dedicato alla vicenda di "Fra Diego La Matina", uno dei più interessanti personaggi della storia dell'inquisizione siciliana, e il testo di Leonardo Sciascia "Morte dell'Inquisitore" anch'esso dedicato alla vicenda del frate di Recalmuto ma più fedele alla verità storica e documentata sul caso riguardante il religioso. 
Sulla scorta di queste due opere si riscopriranno luoghi significativi legati all'azione del tribunale dell'inquisizione del Sant'Uffizio, ripercorrendo idealmente l'ultimo episodio della vicenda umana di Fra Diego la Matina ( 1622-1658) condannato dal Tribunale il 17 marzo 1658 in quanto reo dell'assassinio del proprio inquisitore Monsignor De Cisneros, con la sentenza:
" che vivo abrugiato, fossero al vento le di lui ceneri disperse".
Prima tappa del percorso sarà proprio Palazzo Chiaramonte-Steri, sede del Tribunale dell'inquisizione dall'inizio del 1600 e fino alla sua abolizione nel 1782. All'interno del palazzo turrito adiacente al piano della Marina, si trovavano le carceri penitenziarie e le stanze delle torture. I condannati venivano indotti al pentimento ed alla redenzione con l'Atto di Fede ( autodafè), una cerimonia pubblica e plateale. A dar conforto al condannato sia durante la reclusione che poi durante la vigilia e la cerimonia dell'autodafè, erano oltre a religiosi di vari ordini monastici cittadini, dei laici appartenenti alla Real Compagnia del Santissimo Crocifisso poi detta "dei Bianchi" che si riuniva nell'omonimo Oratorio dei Bianchi, altra tappa del percorso letterario. 
Nella condanna di Fra Diego La Matina è determinante l'assassinio del suo inquisitore Monsignor De Cisneros, avvenuto il 4 aprile 1657. Le spoglie dell'inquisitore assassinato troveranno sepoltura all'interno Chiesa di Santa Maria degli Angeli conosciuta come la Gancia di Palermo, ultima tappa del percorso letterario. Proprio la cappella intitolata alla Vergine di Gaudalupe, concessa già dal 1508 alla Regione Castigliana per accogliere i prelati della Santa Inquisizione spagnola, è ancor oggi luogo sepolcrale di Juan Lopez de Cisneros.  
Durante gli anni dell'Inquisizione in Sicilia furono inquisiti migliaia di persone, ma solo un uomo osò ribellarsi al suo inquisitore, per lui il popolo vide ancora una volta " U Sant'Ufficiu a cavaddu", per lui ancora una volta si disse che "Lu roggiu di lu San’Uffizio nun cunsigna mai" ma quel giorno, per il suo atto assassino, l'orologio dello Steri fu fermato. 
Tutto questo però non bastò per ottenere la liberazione del popolo siciliano dall'inquisizione.
PUNTO DI INCONTRO: : PIAZZA MARINA (davanti allo Steri). 
Durata: circa 3 ore. 
Quota di partecipazione: € 15,00 a persona ( quota comprensiva di Guida Autorizzata multilingue, contributo per la Chiesa della Gancia e biglietto Carceri dello Steri).  
INIZIATIVA SOLO SU PRENOTAZIONE chiamando il 3384512011/3387228775
www.viviapalermo.com
Annotazione: Per le passeggiata si consiglia abbigliamento comodo e scarpe adatte alle camminate. La data programmata può subire variazioni per cause impreviste e/o avverse condizioni meteo. La passeggiata si effettuerà a raggiungimento a di un minimo di 15 partecipanti. Eventuali costi di ingressi in siti a pagamento, oltre quello a S. Maria degli Angeli (Gancia) e delle Carceri dello Steri già compresi e inseriti nel programma, restano a carico dei partecipanti.