imageimage.jpegimage.jpeg
image-1
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

NEWS

NOTA CRITICA

EVENTI

INFO & CONTATTI

INFO & CONTATTI

MENU

MENU

NEWS

NOTA CRITICA

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

TEATRO: Tutto pronto per la stagione 2022 al Teatro Massimo di PalermoUn soffiatore di vetro unico nel suo genere: la storia di Giorgio Comandé e dei suoi oggetti scientificiDopo quasi due anni è il tempo delle risposte e non delle chiacchiere. Dura presa di posizione degli editori librai sicilianiNuova medaglia d'oro per la Grappa dell’Etna della Distilleria Russo SicilianoIl siracusano Daniel Mauceri scelto per rappresentare l'arte pupara siciliana nel MondoMOSTRE: tra ricerca e recupero della memoria, a Modica le “costellazioni” di Rossana TaorminaLa metafora ne "L’olivo e l’olivastro" di Vincenzo ConsoloUna sede-archivio per l'associazione Ragusani nel MondoMUSICA: Johan Sebastian Punk in uscita il nuovo singolo "Vivo nello scandalo"La Scala dei Turchi imbrattata di rosso. Amministrazione e volontari intervengono e la riportano al suo splendore originario

La Scala dei Turchi imbrattata di rosso. Amministrazione e volontari intervengono e la riportano al suo splend

2022-01-11 16:05

Francesca Brancato

News, Notizie, regione siciliana, agrigento, scala dei turchi, realmonte, disastro ambientale, cittadinanza attiva, vandalismo, scala dei turchi rossa,

La Scala dei Turchi imbrattata di rosso. Amministrazione e volontari intervengono e la riportano al suo splendore originario

Dopo lo scandalo e il "quasi" disastro naturale, amministrazione comunale e volontari si sono mossi per ripulire la celebre scogliera

scala-dei-turchi-rossa.jpeg

Uno dei luoghi più belli e unici della Sicilia, meta di migliaia di visitatori da ogni parte del mondo, al punto da essere stato proposto per la candidatura come patrimonio Unesco. Amato da artisti e scrittori, luogo ricco di suggestioni e immortalato da ogni profilo social, la Scala dei turchi di Realmonte (AG) è uno dei simboli che rappresenta la Sicilia nel mondo.

Per questo e altri motivi lo sfregio inferto a questo tesoro naturalistico, è stato uno squarcio nel cuore dei siciliani, nonché un atto ignobile.

Ma facciamo un passo indietro. 

Nella notta tra l'8 e il 9 gennaios corso, alcuni ignoti, che possiamo definire dei veri epropri vandali, si sono arrampicati sulla marna rocciosa imbrattando di rosso il candido promontorio, detto la Scala dei Turchi, bene sottoposto a vincolo paesaggistico, situato al confine tra Realmonte e Porto Empedocle, in provincia di Agrigento. Scoperto lo scempio, sul posto, invece del commissario Montalbano, si sono recati i carabinieri che hanno avviato immediatamente le indagini, avvelendosi delle prove del circuito di video sorveglianza poste sul luogo. Il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, ha quindi aperto un'inchiesta: il reato ipotizzato a carico di ignoti è di danneggiamento di beni avente valore paesaggistico. Nelle ore successive alla scoperta dell'atto, dalla Regione Siciliana si è parlato di «un atto di vandalismo vigliacco». Un sopralluogo compiuto dai tecnici della Soprintendenza ai Beni culturali di Agrigento, ha stabilito che la sostanza rossa usata per sfregiare la bianca scogliera fosse polvere di ossido di ferro, un materiale che si colora di rosso a contatto con l'acqua, spesso usato nei lavori edili. Questa circostanza potrebbe avvalorare l'ipotesi di un gesto dimostrativo, più che la volontà di deturpare irrimediabilmente uno dei tesori naturalistici della Sicilia, per accendere nuovamente l'attenzione su una vicenda controversa: la Scala dei Turchi è stata infatti al centro di un contenzioso giudiziario, che aveva portato anche al sequestro del sito da parte della magistratura. Infatti, la famiglia Sciabbarrà direttamente coinvolta nella querelle giudiziaria, si è anche dichiarata disposta a cedere le particelle di sua proprietà a condizione che venga istituita una riserva naturale. A questo punto l'ipotesi più accreditata è che la Scala dei Turchi venga acquisita definitivamente e interamente al patrimonio della Regione impegnata, da anni, nella tutela e nella salvaguardia dell'integrità di questo meraviglioso angolo di Sicilia.

pxb_3552640_50d623d5004a7783706c8aead42c8cd6.jpg

Dopo questo atto, che resta comunque ignobile, i tecnici della Soprintendenza e numerosi volontari si sono messi subito a lavoro per ripulire il sito, aspirando la polvere, per poi ripulire l'area con l'aiuto di una idropulitrice. Dopo lo sfregio, l'immediato ripristino dei luoghi, in tempi che possiamo definire record. Un esempio di cittadinanza attiva degno di nota e meritevole del plauso di tutti. 

Il tutto è avvenuto nella soddisfazione generale, espressa dal responsabile regionale della Protezione Civile, Salvo Cocina, e dal Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci. 

 

 

©riproduzione riservata 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2021 | 

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2021 | 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis

Come creare un sito web con Flazio