imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

MENU

INFO & CONTATTI

MENU

INFO & CONTATTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

EVENTI

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

A OTTOBRE AVRÀ INIZIO LA NUOVA PROGRAMMAZIONE DELLA FONDAZIONE TEATRO GARIBALDI DI MODICANaxosLegge, consegnato a Laura Anello il premio Tela di Penelope per “Le Vie dei Tesori”“RADICI”: IL DIALETTO SICILIANO, TRA IPER LINGUA E AFFETTOPRESSO L'AREA ARCHEOLOGICA DI SANTA VENERA AL POZZO, ECCO “LA CURA” DEL CORO LIRICO SICILIANOCINEMA: Marzamemi perde il Cinema di FrontieraPremio Elio vittorni e Premio Lombardi tutti al femminile in questa edizione 2023LIBRI: AL PREMIO VITTORINI TRE FINALISTI E UNA MENZIONE SPECIALEGala dei numeri primi, Scialacori - Notte bianca e RadiciLa Sicilia come "regione gastronomica d'Europa"? A deciderlo una commissione in visita a RagusaModica: Palazzo De Leva diventerà un sito culturale aperto al pubblico

AMBIENTE E MARE: UN PROGETTO TRA SICILIA E TUNISIA PER RIMBOSCHIRE LE PRATERIE DI POSIDONIA OCEANICA E RIPRIST

2022-02-21 11:25

Redazione

News, Notizie, notabilis, eventi benessere, mare, regione siciliana, Mare Mediterraneo, posidonia, tunisia, riforestazione subacquea,

AMBIENTE E MARE: UN PROGETTO TRA SICILIA E TUNISIA PER RIMBOSCHIRE LE PRATERIE DI POSIDONIA OCEANICA E RIPRISTINARE GLI HABITAT MARINI

Favorire il rimboschimento di praterie di posidonia oceanica e realizzare barriere protettive ecocompatibili per consentirne la proliferazione

conferenza-stampa-presentazione.jpeg

L’obiettivo, a cui punta il progetto “Metodologie innovative e azioni di rafforzamento per proteggere l'ambiente mediterraneo” predisposto nell’ambito del programma Italia-Tunisia, punta al miglioramento dell’ambiente marino grazie ad una partnership internazionale. 
Studi, analisi ma anche la scelta dei materiali saranno il focus di riferimento del progetto, che vede come capofila l’Arpa Sicilia, con il dipartimento Arpa mare, e come partner l’Institut Supérieur de Biotechnologie de Sidi Thabet, l’Università di Catania con due dipartimenti coinvolti, la Faculté des Sciences di Tunisi, la Ecole Supérieure des Ingénieurs de Medjez El Bab, la Mediterraneo Consulting e il FLAG Golfi di Castellammare e Carini.

Al Palazzo della Cultura di Modica si è svolta la presentazione delle fasi progettuali principali alla presenza dei rappresentanti dei partner, alcuni dei quali, come quelli tunisini, collegati online, e della Regione Siciliana, che sarà autorità di gestione del progetto. Tra gli interventi quello di Emanuela Valiante, coordinatrice del segretariato tecnico congiunto del Progetto Italia-Tunisia, in rappresentanza della Regione, la quale ha dichiarato: «Il progetto si sviluppa nell'ambito della politica di vicinato dell'Unione Europea e si pone inoltre come progetto ponte rispetto alla nuova programmazione, nella quale la protezione ambientale è uno dei cardini strategici».

 

Sono intervenuti inoltre il direttore di Arpa divisione Mare Vincenzo Ruvolo e il coordinatore Paolo Ferlisi della Mediterraneo Consulting: «Il progetto mira al rinforzo e al recupero dell'ambiente mediterraneo - ha spiegato Ruvolo - attraverso il trasferimento a paesi con habitat marino uguale al nostro di attività già realizzate in ambito europeo. Dunque con l'aiuto dei partner tunisini e dell'Università di Catania si procederà, individuate le aree adatte, al reimpianto della posidonia in situ e alla realizzazione di opere di protezione che consentano il mantenimento dell'impianto nel tempo. Verranno utilizzati allo scopo materiali innovativi, prodotti di rifiuto che vengono riciclati e riutilizzati nel rispetto dell'ambiente. Il progetto dunque non si limiterà all'implementazione di un'opera di pregio, la barriera di posidonia, ma è finalizzato anche all'arricchimento della fauna ittica». 

 

Il progetto guarda anche al futuro, come spiegato da Paolo Ferlisi: «Si cercherà di creare anche delle best practices per calibrare gli interventi nel mare, il progetto ha dunque una valenza strategica, oltre che scientifica, e siamo sicuri che i suoi risultati continueranno a permanere anche oltre il termine delle attività. L'idea è infatti quella di attuare interventi mirati perché il progetto possa reggersi da solo anche oltre il termine delle attività ed espandersi nell'area transfrontaliera, in termini di studi scientifici e know how accumulato.»

La regressione delle praterie di posidonia oceanica provoca infatti evidenti squilibri nella dinamica costiere con un graduale declino degli stock ittici di specie pregiate per la piccola pesca. Le attività del progetto punteranno quindi a trasferire un modello di recupero che rappresenta un passo importante per garantire l'inversione dei processi di impoverimento che attualmente interessano fortemente le coste tunisine. Va infine sottolineato che l’uso di materiali biopolimerici brevettati, nonché la progettazione e l'installazione di strutture protettive del sito di reimpianto che svolgono anche la funzione di attrarre specie pregiate, rappresenteranno elementi innovativi dell'idea progettuale.
 

 

©riproduzione riservata 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis