Mission: tra domande e riflessioni

Tanti spunti di riflessione e domande da portarsi a casa, quali la ricerca della verità più profonda, la possibilità di redimersi e cambiare vita, se esiste e quale sia la risposta al male. Sono interrogativi importanti e seri quelli scaturiti dal film del 1986 “Mission”, diretto magistralmente dal regista inglese Roland Joffé, vincitore del Festival di Cannes e diventato famoso soprattutto per le musiche del maestro Ennio Morricone.

Sabato 9 luglio, nello splendido scenario delle Latomie dei Cappuccini di Siracusa, l’Istituto Superiore di Scienze Religiose San Metodio, in collaborazione con Kairos, Erga Group e il Comune di Siracusa, ha organizzato un incontro intitolato “Mission. Tra musica e teologia”, che ha consentito al pubblico di riflettere sui messaggi teologici e sul valore artistico-musicale dell’opera.

Un film che dopo anni dall’uscita nelle sale cinematografiche affascina, toglie il fiato alla vista della bellezza di luoghi incontaminati, fa ancora pensare e lascia con l’amaro in bocca, se si pensa che la storia è tratta da eventi storici realmente accaduti nel 1700. La vicenda personale di un saggio maestro gesuita (Jeremy Irons) e del suo confratello, una volta violento persecutore degli indigeni e finalmente convertito (Robert De Niro), consente di gettare uno sguardo sull’avventura dei missionari nelle reducciones degli Indios Guaranì, ancora allo stato selvaggio, e alle ingiustizie subite per la sete di potere.

La serata, oltre agli interventi di don Luca Saraceno, parroco della Chiesa Madre di Solarino e docente di Filosofia all’Istituto San Metodio, e della dottoressa Mariangela Maresca, docente di Metodologia dello studio del San Metodio, ha visto anche scorrere alcune tra le sequenze più significative del film, impreziosita dalla performance del maestro Corrado Genovese e di Stefania Cannata, che hanno suonato dal vivo alcuni celebri brani del film e hanno contribuito a rendere ancora più magica l’atmosfera. Una bellissima serata, che ha arricchito ed emozionato i presenti.

Alessandra Leone