On air: in onda l’interpretazione di Enzo Gabriele Lanza

“Una progettualità carica del fotodinamismo dei fratelli Bragaglia. Una progettualità carica del fotodinamismo di Etienne Jules Marey e di Eadweard Muybridge. Una lezione fotografica antica con la visione della contemporaneità quella che Enzo ci propone con le sue immagini. Nelle fotografie maggiormente cariche di colore e dinamicità Enzo ci regala le cose migliori. Tra queste le immagini caratterizzate da ritmo e fisicità sono quelle che segnalerei come punto di partenza per visioni sempre maggiormente fotodinamiche, ma non prive di quel pathos fondamentale per una lettura emozionale dell’immagine stessa”.
Così ha scritto il noto fotografo italiano Maurizio Galimberti nella sua introduzione al libro “On air” di Enzo Gabriele Lanza, il quale dal 10 al 25 settembre espone alcuni suoi lavori alla Fototeca siracusana, in Piazza San Giuseppe 3.
Un ricco lavoro e viaggio di indagine tra palchi musicali e concerti da cui prende spunto questa mostra. Lanza è un artista che vuole uscire dai luoghi comuni alla ricerca di una quarta dimensione, quella temporale, che si sposa in perfetta sintonia con il mondo della musica.
La fotografia è un’arte antica; dai primi anni del 900, l’epoca delle prime sperimentazioni dei fratelli Bragaglia, fino a oggi, gli strumenti della fotografia sono cambiati, ma per fortuna non è cambiato, e ci si augura non svanirà mai, l’istinto degli artisti e il proprio modo, ogni volta unico, di vedere l’universo e punti di vista diversi.
Alessandra Leone