Granita di mandorle: latte o panetto?

Come tutte le granite siciliane, quella di mandorle ha origini antiche che risalgono alla dominazione araba e alla diffusione di questo frutto a guscio così presente nella pasticceria dell'isola. Come per tutte le granite ne esistono svariate versioni, con preparazioni e brioches d'accompagnamento diverse. Tutto dipende dalla città in cui ci si trova. Messina e Avola (patria della mandorla) prediligono la preparazione con mandorle spellate, dalle quali si ricava il famoso e dolcissimo latte. Catania e Siracusa mantengono la pellicina marrone e preparano la granita partendo dal più ricco panetto. La differenza sta nel risultato finale, direte voi? A nostro parere sono bunissime entrambe le versioni: la prima cremosa e candida, con qualche pezzetto di mandorla qua e la, nel caso in cui il latte fosse preparato in casa, la secoda corposa e succulenta, profumata, ricca, da leccarsi i baffi. Per fugare ogni dubbio vi riveliamo entrambe le ricette e lasceremo a voi l'arduo compito di dover decidere quale delle due è meglio consumare durante la colazione o per una gustosa merenda made in Sicily.

GRANITA PREPARATA CON LATTE DI MANDORLA:

Ingredienti

⦁ 250 gr di mandorle del tipo "Pizzuta di Avola"

⦁ 650 ml di acqua

⦁ 100 gr di zucchero semolato

Preparazione

Si parte dalle mandorle, che vanno sbollentate in acqua per qualche minuto e poi pelate, una ad una. Ovviamente se non avete questa pazienza o non avete tempo potete partire dalla stessa quantità di mandorle già spellate, ma non salate. Una volta fatto questo tritatele nel mixer e avvolgete la granella così ottenuta in un panno o un canovaccio di cotone. Lasciate questo fagotto in ammollo nell'acqua, per circa sei ore, e strizzatelo di tanto in tanto. Il liquido ottenuto sarà il vostro latte di mandorle, al quale aggiungerete lo zucchero. Ponete il latte in un contenitore e in contenitore dentro al frigorifero. Dopo un'oretta spostate il contenitore in freezer e lasciatelo per, almeno, tre ore, rimestando la granita con i rebbi della forchetta. Se desiderate una consistenza più cremosa o notate che la vostra granita si sia cristallizzata troppo, passate il tutto con il mini pimer. Una volta raggiunta la consistenza desiderata potrete consumare la granita di mandorle.

GRANITA PREPARATA CON IL PANETTO DI MANDORLA O PASTA REALE:

Ingredienti

⦁ 200 gr di pasta di mandorle (se potete procuratevene una artigianale e noterete la differenza)

⦁ 1 lt di acqua

⦁ 100 gr di zucchero semolato

Procedimento

Bisogna sciogliere il panetto con l'acqua, che va aggiunta filo in modo da non creare grumetti. Si mescola con una frusta, fino ad ottenere un composto omogeneo e liscio. Lo zucchero va aggiunto a piccole dosi, in modo da far mantecare per bene il panetto ed ottenere la giusta cremosità. Fatto ciò, riponete tutto in un contenitore e poi nel freezer pr qualche ora. Ricordatevi sempre di rimescolare con una forchetta in modo da sgranare la granita.

Unico obbligo che vi imponiamo è quello di accompagnare la granita di mandorle con una morbida e profumata brioche, che sia con il tuppo o nella versione classica non importa, è la granita che ve lo chiede. La granita può essere conservata in freezer circa un mese e se trovate il panetto già zuccherato non ne aggiungete di altro. Non abbiamo dubbi che queste ricette vi conquisteranno e che in questo modo porterete un po' di Sicilia nelle vostre case.

Francesca Brancato