imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

NEWS

NOTA CRITICA

EVENTI

INFO & CONTATTI

INFO & CONTATTI

MENU

MENU

NEWS

NOTA CRITICA

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

Il Teatro Biondo di Palermo avvia il “Progetto Itaca”MORIRE PER UN SECCHIO D’ACQUAA VINNIGNA LA VENDEMMIA NEL TERRITORIO DI MELILLI“MUORIKAMURI” È IL CONCERTO-EVENTO CON LELLO ANALFINO, ANTONIO MODICA E IL RITORNO SULLE SCENE DELLA BAND “MAS-NADA”Nelle librerie il volume "Cinema Protogiallo italiano. Da Torino alla Sicilia, la nascita di un genere (1905-1963)"Cinema di Frontiera, slitta la XXII edizione. Correale: "Difficoltà a reperire fondi"Dolce&Gabbana presentano la nuova collezione DNA con uno spot girato nei vicoli dei borghi siciliani“UNA RAGAZZA PER IL CINEMA”: Paolo Caiazzo e Francesco Monte ospiti nella Finale a TaorminaAl via la rassegna Fasola Folk Fest 2022La prima edizione del Segesta Teatro Festival infiamma l'estate siciliana

A Catania, una mostra racconta l’eruzione vulcanica del 1669

2021-08-16 09:15

Redazione

News, Notizie, notabilis, eventi, catania, sicilia, etna, mostra, eruzione 1669, museo dei saperi e delle mirabilia siciliane,

A Catania, una mostra racconta l’eruzione vulcanica del 1669

Dal 28 giugno al 30 ottobre 2021, presso il Palazzo Centrale dell'Università di Catania, una mostra ricostruisce l'eruzione dell'Etna del 1669.

dipintoeruzione-1629095789.jpg

Si chiama  “Etna 1669 – Storie di lava” la mostra allestita in occasione dei 350 anni dalla terribile eruzione che colpì Catania e diversi paesi etnei, ospitata presso il Museo dei Saperi e delle Mirabilia siciliane (Palazzo centrale dell’Università di Catania) e visitabile gratuitamente dal 28 giugno al 30 ottobre 2021.

Curata dalla Soprintendenza ai Beni culturali di Catania, frutto della collaborazione con il Sistema museale dell’Ateneo catanese e della partecipazione dell’Osservatorio Etneo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, l’esposizione fa luce sull’evento di cui ancora oggi è vivo il ricordo nell’immaginario collettivo catanese.

 

Articolato in diverse sezioni tematiche, il museo accoglie un vasto patrimonio documentale costituito da libri e collezioni pubbliche e private, con reperti che afferiscono alla paleontologia e mineralogia, alla ceramica figurata e alla petrografia. Non mancano, inoltre, opere pittoriche e antiche planimetrie che mostrano gli insediamenti urbani antecedenti all’eruzione, nonché una sezione scientifica dedicata alle moderne attività di ricerca condotte nelle aree etnee.

 

A “Muntagna” ‒ come viene soprannominato l’Etna ‒ prima ancora che la meta di visitatori provenienti da ogni parte del mondo, è il simbolo che lega a sé tutti gli abitanti del luogo, rappresentando una preziosa fonte di vita, ma anche, com’è accaduto 350 anni fa, di distruzione. 

«Per la città e l’Etna, l’eruzione del 1669 fu l’evento più importante dal punto di vista vulcanologico, ma anche storico: quell’anno viene fino ad oggi ricordato come la grande “ruina”» ha raccontato Stefano Branca, direttore dell’Ingv di Catania.

Come testimoniano le fonti, in quell’occasione furono distrutti dodici casali, interi paesi e vasti terreni fertili, con ripercussioni economiche e sanitarie su gran parte della Sicilia orientale. A essere colpiti furono prima Belpasso, Camporotondo e Misterbianco e in seguito diverse zone del capoluogo, che perse il suo ruolo di città egemone e vide circa ventisettemila abitanti abbandonare le proprie case.

La mostra, accogliendo anche alcuni oggetti salvati dalla popolazione in fuga, rappresenta, dunque, non solo un percorso artistico-vulcanologico, ma anche una riscoperta dell’identità e della memoria dei luoghi.

 

© riproduzione riservata

 

museo-1629096115.jpg

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2021 | 

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2021 | 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder