imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

MENU

INFO & CONTATTI

MENU

INFO & CONTATTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

EVENTI

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

Il libro che raccoglie alcuni saggi di Sebastiano Aglianò "Italiani da Dante a Vittorini" verrà presentato a SiracusaTeatri Riflessi 8: una novità per tutti i corti semifinalistiAbaCt: dalle tragedie classiche dell’INDA all’animazione digitale, gli studenti incontrano i professionistiTEATRO “GARIBALDI” DI AVOLA: “DUE CUORI E UNA CUCCIA”: TANTO AMORE E QUALCHE SCARAMUCCIAMelilli: un femminicidio d’altri tempi“RACCONTI NELLA RETE”, TRA PROSA E SUGGESTIONI, UN’OVAZIONE“ITRIA”: IL RICHIAMO A “I FATTI DI AVOLA”, ANCORA UN RECLAMO“RACCONTI NELLA RETE”, RAGGIUNGE SIRACUSATesta 'i Tùrchi: la tradizione di carnevale di Castelbuono“NON CI FACCIAMO RICONOSCERE”: GENERAZIONI ALLO SPECCHIO, IL RIFLESSO DEI CINQUANTENNI

TEATRO “GARIBALDI” DI AVOLA: “DUE CUORI E UNA CUCCIA”: TANTO AMORE E QUALCHE SCARAMUCCIA

2023-03-14 09:56

Lucia Corsale

NOTE, Note TEATRO, eventi teatro, eventi siracusa, teatro garibaldi avola, lilli e il vagabondo, fiabe, teatro per ragazzi,

TEATRO “GARIBALDI” DI AVOLA: “DUE CUORI E UNA CUCCIA”: TANTO AMORE E QUALCHE SCARAMUCCIA

La storia di affetti e scondinzolii cara ai bambini di tutte le età, arriva in teatro

Lo spettacolo “Due cuori e una cuccia”, trasposizione teatrale del cartone animato “Lilli e il vagabondo”, e che è stato  allestito dalla compagnia “Trinaura”, delinea due mondi contrapposti, ma è il trait-d’union dell’amore corrisposto. A calcare la scena del  teatro “Garibaldi” di Avola, al cospetto, in più turni e giornate, degli alunni delle scuole elementari, sono: la stessa Tatiana Alescio, che interpreta Lilli e  Tesoro e che, oltre a essere la regista,  è anche direttore artistico del suddetto teatro; Giuseppe Orto, che impersona Biagio e Gianni Caro; Mary Accolla, il cui ruolo è Fido, e che ha realizzato anche i costumi; Lucia Giudice che ritrae Wisky e Tony; Rosalba Cosentino,  nei panni di Gilda e della  zia Sara.

img-20230310-wa0125.jpeg

Il sipario si alza su un quadretto familiare borghese in cui Gianni Caro e la moglie, Tesoro - appellativi stucchevoli  di una classe sociale in cui lo stile discorsivo appare squalificante, quasi pregiudizievole - coccolano la nuova arrivata, Lilli, un cavalier King Spaniel, la cui vita, tra alterne vicende, è, comunque, fortunata. E Lilli di qua, e Lilli di là, sei, Lilli, la nostra bambina, eccoti il collare con la medaglietta, oh, sei diventata una signorina. Ma da un bel dì, Tesoro e Gianni Caro cominciano a comportarsi con Lilli in modo strano.

Lilli con la  pelliccia bianca e beige,  si dà convegno con i cani vicini, Biagio, uno schnauzer – meticcio, Whisky, uno Scottish terrier, Fido uno Chieu de Saint Hubert, e racconta loro come son diventati i suoi padroncini. Gianni caro dice a Tesoro che non può badare tutto il giorno a quel cane e che nelle sue condizioni deve fare attenzione. Povera Lilli, sigh, in quella dimora dove la realtà è edulcorata e la vita soltanto per le gioie sembra tarata, mai l’avevano chiamata cane, che idee balzane! Ma Fido l’avverte: “Sta per arrivare la cicogna, porterà, certo, un marmocchio, che scalogna!”; e Biagio, il vagabondo, rintuzza: “I bambini sono distruttori di focolari, parlo per esperienza, vedrai; e, poi, nel vitto e nell’alloggio ci farai le spese, ti daranno la carne una volta al mese, rimpiazzeranno la tua cuccia con la culla, altro che amore, diverrai una cosuccia”. Nel frattempo, Tesoro ha voglia di anguria, ma in dicembre, l’albero di Natale ne  è testimone, c’è penuria. Arrivano, dunque, le doglie, e nasce “Stellina mia” che, a dispetto del nome è un maschio e tante cure raccoglie. E così il piccolo pubblico in visibilio, dinanzi ad un’adunata di cani che pare un gran concilio, fa eco all’abbaio di Biagio che, a volte ululo altre convulso, è un gran randagio. Ma la svolta la segna una partenza, Tesoro e Gianni Caro lasciano Lilli e bimbo dalla zia Sara, che sarà mai, un po’ di pazienza. Ne succedono di tutti i colori, Lilli, aggredita dai gatti della zia Sara viene dalla stessa accusata; Lilli finisce in strada e dagli accalappiacani viene sequestrata; Lilli incontra Biagio che salva Stellina mia da un topo malvagio. E come in ogni favola che si rispetti l’amore non tarda a produrre i suoi effetti. Eh, sì, la libertà è un cielo di stelle, palpita il cuore,  brividi sul pelame, ops, sulla pelle!

 

©riproduzione riservata 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder