Giornata mondiale del rifugiato 2017

Leo Gullotta, Red Canzian (dei Pooh) con la figlia Chiara, Moni Ovadia, Mario Incudine, il regista e coreografo Micha Van Hoecke, Peppe Servillo (storico leader degli Avion Travel): questi alcuni artisti della musica, del teatro e dello spettacolo che prenderanno parte il 19 giugno alle 20.30 alla “Giornata mondiale del rifugiato”, nella magica cornice della cavea del Teatro Greco di Siracusa. Una serata all’insegna dell’accoglienza, dell’integrazione e della convivenza, che vedrà la presenza anche dell’attrice siracusana Rita Abela, degli allievi dell’Accademia dell’Inda, della cantante Anita Vitale, del rappresentante dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati Antonella Basilone e della giornalista Elvira Terranova. 

Questo è l’undicesimo anno in cui la Fondazione Inda è tra i protagonisti dell’iniziativa, promossa dall’Alto commissariato delle Nazioni Unite per tenere alta l’attenzione su un fenomeno così drammatico e attuale, cercando di sensibilizzare l’opinione pubblica e invitare il pubblico a riflettere su tutti quei rifugiati e richiedenti asilo costretti a fuggire da guerre e violenze, sperando in un futuro migliore.

Come ha tenuto a sotolineare il commissario straordinario dell’Inda Pier Francesco Pinelli, “La mission della Fondazione Inda, attraverso la promozione della cultura classica, mira tra l’altro a formare cittadini consapevoli e responsabili e in questo disegno rientra la celebrazione della Giornata mondiale del rifugiato a Siracusa, uno dei territori europei più impegnati nella gestione dell’emergenza del fenomeno migratorio”.

I biglietti sono già in vendita a Palazzo Greco in corso Matteotti (dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13) e al botteghino del Teatro Greco (il lunedì  dalle ore 10 alle 18 e dal martedì alla domenica dalle 10 alle19) e i proventi della serata saranno devoluti in beneficenza. Ricordiamoci inoltre di dare il proprio benvenuto ai rifugiati scattandoci una foto con un cartello con scritto #WithRefugees, postandolo sui social media.

Alessandra Leone

 

/
Print Friendly and PDF