InCanto: viaggio catartico ai confini tra parola, suono, luce e movimento

qq-1.jpg

SIRACUSA - InCanto è una narrazione sinestetica durante la quale la parola evocativa permette di vedere la forma di un dolore tramutarsi - attraverso suono, danza e colore - in aerea luce. L’idea ha radici antichissime. Basta tornare indietro agli albori della nostra storia, alle rappresentazioni rituali che gli antichi Greci chiamavano tragedie (letteralmente “canti del capro espiatorio”) e che condensavano tutte le forme d’arte allora conosciute: poesia, musica, danza. Da quei lontani primordi sono trascorsi secoli di innovazioni e sperimentazioni ma l’idea originaria, la rappresentazione “globale”, continua a essere fonte di ispirazione. Domenica 19 Maggio all’Urban Center di Siracusa, in Via Nino Bixio 1/A alle ore 20.30 andrà in scena uno spettacolo, decisamente particolare, fatto di musica, danza, luci e parole. Sul palco le due interpreti, Ella Ciulla - autrice dei testi, e Lalla Bruschi - attrice, proporranno alcune riflessioni poetiche in un viaggio emozionale che partendo dalle radici profonde e oscure del dolore - condizione che accomuna l’intera umanità - e unisce poesia, musica, luci e danza in un linguaggio sincronico capace di esprimere adeguatamente l'intuizione poetica e di renderla comprensibile, trasportando lo spettatore all’interno di atmosfere calde e piene di sentimento e pathos. Il tutto rappresentato visivamente da cinque giovanissime danzatrici, di età che va dai sette anni in su, che, eseguendo le coreografie di Giusy Miceli, apriranno le scene in un adagio lento che muterà poi gradualmente nel finale inno festoso alla Vita, in un trionfo raggiante di luci e colori. Uno spettacolo assolutamente da non perdere.

INGRESSO su invito.

INFO: 3406012869

©riproduzione riservata