Mitoff continua: Guglielmino porta in scena la “Fedra” di Seneca

CATANIA - L’antico Castello Ursino, costruito nel XIII secolo da Federico II di Svevia, diventa palcoscenico per ospitare la seconda opera della rassegna Mitoff. Dalla regia di Salvatore Guglielmino in collaborazione con l’Associazione Esclarmonde, nasce “Fedra”, sabato 14 Settembre. Lo spettacolo durerà dalle ore 21:30 alle 23:00, con le musiche originali di Carmelo Siracusa. Ad aprire il sipario sarà Arianna d’Urso, che con la sua voce narrerà l’essenza della scena in una commistione perfetta di sentimenti come l’amore e la morte.

Guglielmino, artefice della produzione artistica de “La Baronessa di Carini” nella seconda metà degli anni ‘90, affiancato da MediaManagerEvents, dà alla luce un progetto dalla trama squisitamente classica e drammatica. Gli occhi verdi e carismatici di Fedra saranno quelli di Alice Ferlito, precedentemente protagonista di “La Lupa” e “Fimmina fatta in casa”. Nel cast troveremo anche Ketty Governali nei panni della nutrice e Paolo Toti Guagenti in quelli di Ippolito, del quale Fedra si innamora perdutamente. Il dramma di Fedra, matrigna di Ippolito e moglie di Teseo, porta con se la consapevolezza di un mondo odierno, avvelenato dalla ferocia e dall’avidità dei potenti. 

«In questo dramma Seneca sceglie di eliminare il tradimento della nutrice, personaggio fondamentale, e di far rivelare alla stessa madre la verità dei suoi sentimenti ad Ippolito», così racconta il regista. 


Viviana Nobile

©riproduzione riservata