Il mondo con gli occhi di M.C. Escher a Catania

Palazzo della Cultura a Catania ospita, fino al 17 settembre 2017, la straordinaria mostra “ESCHER”, promossa dal Comune di Catania, prodotta da Artemisia in collaborazione con Escher Foundation e curata da Marco Bussagli e Federico Giudiceandrea.

Straordinaria perché tale è l’artista che ne è protagonista, così come lo sono le sue opere e il modo nel quale esse sono state realizzate. Ma partiamo dal principio.

L’esposizione si apre con delle incisioni risalenti agli anni della formazione, nelle quali è evidente un’influenza proveniente da grandi esponenti dell’Art Nouveau come S.J. Mesquita (suo amico e mentore), A.H. Mackmurdo e Aubrey Beardsley, che con linee semplici e il contrasto tra chiaro e scuro (sempre caro all’artista) raffigurano elementi della natura, ispirati dai paesaggi italiani che Escher conosce tra il 1921 e il 1936. Tale è, ad esempio, la raccolta completa delle ventiquattro stampe contenute nel libello “Emblemata”, nel quale l’artista illustra dei proverbi in latino con annesso commento in olandese. Sono gli anni in cui l’artista studia forme naturali e regolarità geometrica, i due elementi che ritroviamo costantemente nelle sue opere. 

Sono gli anni vissuti in Italia (che lo stesso Escher definisce “…posto benedetto…”), quelli di Siena e Roma, dove l’artista aveva una casa/studio, ancora oggi esistente, nella quale ha prodotto la maggior parte delle opere di questi primi anni. Sono gli anni della sperimentazione, dei viaggi, anni di osservazione e scoperta. Da Roma l’artista visitò gran parte del sud Italia, del quale restò profondamente colpito per paesaggi, colori e luci, come dimostrano le incisioni raffiguranti Tropea e Fiumara, che rendono evidente come luci e ombre possano creare giochi geometrici quasi ipnotici. Dalla Calabria visitò la Sicilia in lungo e in largo, alla scoperta di Palermo, Cefalù, Segesta, per poi passare a Catania e al Monte Etna, che l’artista immortalò dopo la colata del 1928. L’orografia italiana, del tutto diversa da quella olandese, era diventata il soggetto perfetto da ritrarre. Figure immobili come le montagne o i litorali rocciosi, che divenivano mutevoli al cambiare della luce o grazie alla forza dirompente della natura. 

La Sicilia fu la sua ultima tappa italiana nel 1936, anno in cui l’artista abbandonò definitivamente il nostro Paese a causa dei suoi dissensi con il regime fascista. Escher parte alla volta della Spagna, dove visita l’Andalusia con le sue maioliche e le architetture moresche, ricche di colori e geometrie. É il periodo in cui sperimenta la tecnica della tassellatura e in cui definisce la divisione regolare del piano. Col passare del tempo sostituirà alle forme geometriche soggetti figurativi vari, mostrando come anche la natura abbia una sua geometria. 

Questi studi prenderanno forma nel lungo articolo illustrato e commissionato dalla Fondazione De Roos, del quale potrete ammirare le splendide immagini. In questi studi l’artista dimostra come la scienza e la natura convivano, in ogni cosa, quindi è possibile raffigurare forme e geometrie così come animali e piante. L’apice di questa teoria artistico/scientifica è pienamente rappresentato dall’opera “Metamorfosi II”. L’opera rappresenta il processo visivo e creativo teorizzato da Escher, secondo il quale è possibile che forme geometriche si evolvano divenendo pesci, che a loro volta diventano uccelli, i quali si trasformano in una scacchiera che gradualmente diviene la parola “metamorfosi”. Un concetto visionario ed innovativo, i cui fondamenti geometrici sono basati solo su effetti visivi e non su studi matematici reali. 

Realtà e metafisica si incontrano, distorcendo spazio, tempo e forma, come si può notare da opere come “Tre Sfere” e “Vincolo d’unione” dove la materia si deforma e si scompone, oppure in opere come “Print Gallery” dove l’effetto droste crea una sorta di “inception” del quadro dentro al quadro, o ancora in “Pozzanghera” nel quale il principio di continuità pone sullo stesso piano tre regni diversi (acqua, aria e terra).

Queste sono le caratteristiche della produzione artistica di Escher, dalla quale hanno tratto i ispirazione la maggior parte dei grafici e degli artisti degli anni a venire, come dimostrano diversi film o copertine di dischi. É la cosiddetta “eschermania”, che la città di Catania ha saputo accogliere ed interpretare in modo davvero esemplare, proponendo una mostra ben strutturata, ricca, con percorsi multimediali ed interattivi, per grandi e piccini, che non distraggono ma al contrario approfondiscono ulteriormente le tecniche visive adottate dall’artista.

Se non l’avete ancora visitata fatelo!

 

 

Francesca Brancato

Chagall e Missoni sono i protagonisti dell'estate di Noto

A Noto presso l'Ex Convento Ragusa, fino all'1 ottobre 2017, sarà possibile visitare la mostra "Marc Chagall, Ottavio Missoni. Sogno e colore" curata da Luca Missoni con la direzione artistica di Laura Pallavicini e Giovanni Lettini. Un progetto di Contemplazioni srl., con il patrocinio dell'UNESCO e della Città di Noto, in collaborazione con la Fondazione Ottavio e Rosita Missoni.

Due uomini, due artisti, entrambi hanno vissuto il periodo del cosiddetto "secolo breve", con le sue rivoluzioni e le sue spinte, entrambi artisti amanti del colore (appunto!), però apparentemente distanti. Ma allora quali son i punti di connessione fra i due?

Bisogna dire che già da un un punto di vista biografico e culturale i due vivono esperienze simili. Entrambi vivono la discriminazione in età giovanile, entrambi costretti all'esilio, a viaggiare, cosa che li segnerà profondamente. Entrambi trasportano all'interno della propria arte la vita, le esperienze, i ricordi, le sensazioni e le emozioni che albergano nel loro animo. Il profondo attaccamento verso gli anni infantili e della giovinezza, che entrambi gli artisti dimostrano di avere, caratterizza le loro opere dal linguaggio semplice ed intuitivo, quindi di facile comprensione per chi guarda.

Senza dubbio i colori hanno un ruolo centrale, perché Ottavio Missoni di colori e stoffe si occupava nell'azienda creata insieme alla moglie Rosita, e la sua mastria consisteva, appunto, nel saper giocare con le geometrie e i colri, in modo da creare movimento e vita all'interno delle sue trame. Nelle sue stoffe oltre al gioco di luce e colore, vediamo i ricordi dell'infanzia, con i colori della sua terra natia la Dlmazia, il blu del mare, il rosso dei tramonti, il giallo e l'ocra della sabbia e delle rocce. Chagall dal canto suo esprimeva le proprie emozioni con il colore, sempre vivo e vibrante sia nelle acqueforti che nei quadri, che come sappiamo rappresentano la realtà che egli stesso viveva fatta di amore, di religione e poi la guerra, l'esilio, l'America. I colori come sentimenti, come espressione della gioia di vivere, della volontà di superare il dolore, come vediamo in "Les Amoureux sur fond jaune", il dipinto del 1910 protagonista della seconda sala dell'esposizione.

In secondo luogo potremmo dire che questi due uomini sono accomunati sal sogno, perché esso ha un ruolo predominante lungo il corso della loro storia artistica. I quadri di Chagall dipingono una realtà alterata, quasi ovattata, i suoi sono quadri e disegni che potrebbero essere utilizzati come illustrazioni di un libro di fiabe. La dimenzione onirica è evidente all'interno delle sue opere, che trasmettono sempre un certo senso di leggerezza e tranquillità. Per quanto riguarda Missoni i suoi schizzi preparatori e i suoi progetti sembrano quasi i disegni di un bambino che sogna di diventare, un giorno, un grande impreditore tessile, con i suoi colori e le sue forme particolari. Noi sappiamo che quel sogno si è ampiamete realizzato e che i progetti di Ottavio e Rosita sono stati egregiamente portati avanti da tutta la famiglia.

All'interno della mostra sono presenti arazzi e schizzi preparatori, risalenti agli anni '70, realizzati da Ottavio Missoni, oltre tre installazioni di stoffa e di Marc Chagall 100 acqueforti del ciclo "La Bibbia" , la sierie coloratissima di litografie, mai esposta prima, e il quadro proveniente da una collezione privata. La mostra si sposta inoltre nelle strade del centro storico della città di Noto, con un grande gomitolo, delle installazioni visive e un grande vaso decorato in mosaico.

Una mostra interattiva, che fa risaltare due figure artistiche fondamentali del '900, viste da una prospettiva differente, nuova, accattivante. Un'esposizione piccola che regala grandi emozioni, che stimola l'intelletto e la fantasia del visitatore, molto adatta ai bambini e ai più giovani. Sicuramente un'operazione riuscita.

Francesca Brancato