imageimage.jpegimage.jpeg
image-764
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

NOTA CRITICA

NEWS

NEWS

EVENTI

MENU

INFO & CONTATTI

INFO & CONTATTI

MENU

NOTA CRITICA

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

image-766

INTERVISTE

Le nostre interviste inedite

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram

Palermo tra le quattro città italiane del "Google Grand Tour"

2017-06-10 15:52

Redazione

News, palermo, roma, google cultural institute, google grand tour, tecnologia, amit sood, mountain view, larry page, google, venezia, siena, video, cardboard tours, street view,

Palermo tra le quattro città italiane del "Google Grand Tour"

NEWS "La tecnologia che noi mettiamo a disposizione delle istituzioni e delle comunità locali ci pe

NEWS

image-asset-1579713006.jpegimage-asset-1579713006.jpeg

"La tecnologia che noi mettiamo a disposizione delle istituzioni e delle comunità locali ci permette oggi di far vivere a tutti esperienze che un tempo erano solo delle elite". 

Queste le parole di Amit Sood, fondatore e direttore di Google Arts and Culture, piattaforma che il gruppo di Mountain View ha lanciato per gli amanti della cultura, consentendo di scoprire tantissime opere d'arte e documenti tra musei, archivi e organizzazioni, tra curiosità, tradizioni e storia di cui l’Italia è ricchissima. Con il progetto "Grand Tour" di Google si vuole infatti valorizzare il territorio italiano, grazie alla tecnologiadel colosso inventato da Larry Page e Sergey Brin, e al racconto delle istituzioni culturali partner del Google Cultural Institute. 

Quattro le città di questo viaggio così particolare: Venezia, Siena, Roma e Palermo, che potranno essere scoperte attraverso 7 cardboard tours, 25 video, 38 mostre digitali, oltre 1300 tra immagini, fotografie e video, oltre a 21 Tour con tecnologia Street View.

"Con questo progetto - continua Sood, che è nato e cresciuto in India - per la prima volta raccontiamo un'idea e questo è stato possibile grazie ai partner, perché noi ci occupiamo di tecnologia, ma sono loro ad avere la competenza culturale, a dirci quali storie raccontare”. Come catturare allora l’attenzione del visitatore con un’esperienza virtuale di questo tipo? "Mi sono interrogato a lungo su questo aspetto: se penso a un bambino di 10 anni di Bombay che potrà assistere alla festa del Redentore di Venezia, o ammirare un quadro del Canaletto, immagino che per lui possa essere un'esperienza più che soddisfacente, ma le cose cambiano se chi si immerge nell'esperienza virtuale è a venti minuti dal museo. Credo che in ogni caso sia un'esperienza complementare rispetto a quella reale, aiutando possibilmente a capire meglio l'opera".

image-asset-1579713006.jpegimage-asset-1579713006.jpeg

La città di Palermo è presente nell'itinerario, con il suo Teatro Massimo, il più grande edificio teatrale lirico d'Italia e uno dei più grandi d'Europa; il Castello della Zisa, costruito dai Normanni nel 1164 e che può vantarsi di un sistema di ventilazione assolutamente innovativo per l’epoca, in quanto attraverso canne di ventilazione, finestre esterne e altri “trucchetti” geniali stabilivano un flusso continuo di aria; gli esempi di architettura arabo-normanna, tra edifici, palazzi, moschee, giardini, fontane e monumenti assolutamente splendidi e con determinate caratteristiche, secondo il volere dei sovrani normanni di emulare lo sfarzo di Bisanzio; le diverse espressioni dello stile Liberty, il quale tra fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento si sviluppò nella città siciliana con la realizzazione di teatri, ville e palazzi borghesi, tra facciate ondulate con motivi che rimandano ai rampicanti e vetrate che rendono le superfici luminose e dai colori unici;  i mercati storici della città, facendo non solo scoprire la loro storia, ma anche ivari piatti tipici dello street food, come la milza, le panelle, le crocché e lo sfincione.

Insomma… La Sicilia senza dubbio è ricchissima di tradizioni senza tempo e Palermo ne è un esempio. Osservare da vicino capolavori ad altissima risoluzione grazie il "Grand Tour" di Google è una possibilità importante, che sposa in maniera assolutamente armonica il passato, il presente e il futuro.

Alessandra Leone

 

 

Leggi le altre interviste

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder