50 Top Pizza 2019 Awards: Frumento è 1° tra le pizzerie siciliane

15_FRUMENTO ACIREALE.jpg

Martedì 23 luglio 2019 presso il Teatro Mercandante di Napoli, si è tenuta la cerimonia di consegna dei riconoscimenti alle migliori 50 pizzerie d’Italia selezionate dalla guida online 50 Top Pizza 2019 ideata da LSDM e Luciano Pignataro Wine&FoodBlog. Tra i premiati c’è la pizzeria Frumento di Acireale di Emanuele Serpa e Federica Lazzaro, che si è aggiudicata il 39° posto su scala nazionale e il 1° tra le pizzerie siciliane.

A soli sei mesi di distanza dall’ultimo riconoscimento - ovvero il Premio Best in Sicily 2019 come miglior pizzeria, del quale vi avevamo parlato in un articolo precedente - Frumento di Acireale ritorna a far parlare di sé, tra la critica di settore che riconosce ad Emanuele Serpa e Federica Lazzaro ottime capacità imprenditoriali, nonostante la loro giovane età, e l’apprezzamento dei consumatori, visibile anche attraverso i canali social della pizzeria. Ad assegnare questo nuovo riconoscimento è 50 Top Pizza. Si tratta di una guida online che annualmente si aggiorna sulle migliori pizzerie italiane e del mondo. La guida è stata ideata da LSDM e Luciano Pignataro Wine&FoodBlog, e premia idee imprenditoriali originali basate sull’uso e sulla valorizzazione di prodotti locali e stagionali, fra i quali quelli a marchio europeo DOP, IGP, STG e i PAT ministeriali. Gli ispettori della guida visitano le pizzerie in anonimato, come un qualsiasi cliente, così da verificare la qualità del servizio nelle sue condizioni usuali. Tra gli elementi oggetto di valutazione troviamo: la bontà e la digeribilità della pasta; la proposta di abbinamenti presenti nel menù; le carte dei vini e delle birre, nonché la drink-list proposta in abbinamento alla pizza; la qualificazione del personale (capacità di descrivere il prodotto, di illustrare la carta dei vini e delle birre, customer care) e, infine, design e pulizia degli interni del locale. Il riconoscimento è stato assegnato ai due imprenditori siciliani proprio nella città madre della pizza, Napoli, dove si è svolta la cerimonia di premiazione, che è stata trasmessa in diretta streaming.

08_FRUMENTO ACIREALE.jpg

«Frumento – come si legge nella motivazione di assegnazione del premio - è un locale giovane che piace per la freschezza della proposta che mette insieme il buon bere miscelato, l’ampia selezione di vini, bollicine, birre e le pizze pensate come basi per accogliere ingredienti di qualità provenienti da ogni dove. Dal cavolo trunzu di Aci alla vastedda del Belice, dai salumi di suino nero dei Nebrodi al gambero rosso di Mazara, dalla porchetta di Ariccia al jamon iberico. Il menù cambia spesso per valorizzare la stagionalità degli ingredienti freschi. Può capitare di trovare il tartufo e gustarlo a scaglie su una pizza pensata per l'occasione. Oltre alla pizza sottile e rustica con grano Russello e alla napoletana con farina bianca si possono scegliere gli impasti con grano antico khorasan o con farina Enkir, coi suoi semi selvatici. Gentile il personale di sala. Buona la posizione del locale, affacciato sulla piazza Mazzini, con vista sulla Basilica di San Sebastiano».

Emanuele Serpa e Federica Lazzaro continuano a raccogliere consensi, e la loro “pizza contemporanea”, che coniuga e sublima i migliori grani antichi siciliani, le materie prime nostrane di alta qualità e una lavorazione della pasta di dichiarata scuola napoletana, non smette di stupire. Non è un caso, infatti, che, Frumento, sia segnalata all’interno della “Guida ai Ristoranti e Pizzerie di Sicilia” del 2018 e del 2019 edita da Il giornale di Sicilia; della guida online “50 top pizza” a cura di Luciano Pignataro, Barbara Guerra e Albert Sapere per il secondo anno consecutivo; della “Guida ai sapori e ai piaceri della Sicilia 2019” di Repubblica; de “I Ristoranti d’Italia 2018” dell’Espresso.

Che dire, l’eccellenza siciliana continua a far parlare di sé e non smette mai di stupire, non resta che recarsi da Frumento e provare con mano e al palato la miglior pizza siciliana del 2019.




Francesca Brancato

©riproduzione riservata