imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

MENU

INFO & CONTATTI

MENU

INFO & CONTATTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

EVENTI

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

Dopo appena un anno dalla nomina, la Sovrintendente dell'INDA Valeria Told rassegna le dimissioniVino Connect Sicilia: dai banchi alle vigneTeatro in Sicilia. Prosegue l’attività di Rete Latitudini con due spettacoli prodotti da Nave Argo“FINO ALL’ULTIMO RAGGIO DI LUNA”: LA SPERANZA È UNA FIAMMELLA, MA LA VITA È SEMPRE BELLA“PICCOLE DONNE”: TEATRO, MUSICA E LETTERATURA, UNA VERA GODURIAMUSEI SICILIA: aumento dei costi di ingresso con il nuovo annoSICILIA IN TAVOLA: “50 Top Italy” svela la classifica dei migliori cannoli sicilianiLinguaglossa: polemica per la decisione di ridimensionare la Biblioteca Comunale “Antonino Gullo”“Scale del Gusto” rilancia l’antica ricetta dello "Sfogliato Ragusano"Un anno ricco alla FILDIS di Siracusa: momento di bilanci e confronti

“RADICI”: IL DIALETTO SICILIANO, TRA IPER LINGUA E AFFETTO

2023-09-13 16:46

Lucia Corsale

News, Notizie, eventi siracusa, museo etnografico nunzio bruno, dialetto siciliano, convegno, lingua italiana, eventi floridia, lingua siciliana,

“RADICI”: IL DIALETTO SICILIANO, TRA IPER LINGUA E AFFETTO

Il convegno di studi “Radici”, svoltosi nei locali del museo “Nunzio Bruno” a Floridia, è divenuto occasione per scandagliare il nostro dialetto e ric

img-20230911-wa0006.jpeg

Il convegno di studi “Radici”, svoltosi nei locali del museo “Nunzio Bruno” a Floridia, è divenuto occasione per scandagliare il nostro dialetto e ricostruire l’identità siciliana,  minacciata, dall’imperante inglese, che anche altre realtà profana.

A porgere i saluti sono stati gli organizzatori del convegno,  Maria Serena Spada, assessore alla Cultura del Comune di Floridia, e Cetty Bruno, direttrice del suddetto museo. Entrambe, nel manifestare la propria soddisfazione per la bontà dell’evento e lo spessore dei relatori, hanno evidenziato come la buona riuscita delle varie attività organizzate sia frutto di un consolidato sistema di rete.  

Giuseppe Implatini, esperto nella catalogazione dei Beni D.E.A della Soprintendenza, ha evidenziato che, nonostante dall’Unità d’Italia, l’italiano sia la lingua nazionale, e dunque, deputata ad esprimere il concetto, di fatto, il siciliano così come gli altri dialetti siano il registro linguistico degli affetti. 

Salvo Sequenzia, semiologo, si è soffermato sulla “Lingua lippusa. La lingua siciliana come iper-lingua.” Già Dante, nel suo De Vulgari Eloquenzia, ha detto, attribuisce dignità di lingua  al volgare italiano, nella fattispecie dialetto siciliano, definendolo: illustre, curiale, cardinale e aulico.

Il volgare siciliano, inoltre, è una lingua molto prestigiosa, visto che lo stesso Dante identifica nella scuola federiciana il primo esempio di scuola poetica in Italia. Il siciliano, dunque, non solo non è un dialetto, ma una lingua e, addirittura, iperlingua.

Corrado Di Pietro, etnoantropologo, ha posto la sua attenzione su: Malamùri. Le parole che cantano. Malamùri, che proviene da malo e amore e che può assumere quali significati quelli di cattivo umore o amore malato, ha detto, è la cifra distintiva dei poeti romantici e decadenti, i quali avevano una concezione malinconica della vita. Malamùri è anche il titolo di una canzone di Olivia Sellerio, lu malamuri ca t’arrivota e annagghia l’ali, alliscia li penni e supra ‘a cuda jetta lu sali, nonché di un film del 2016. 

Mario Lonero, etnoantropologo, si è soffermato su: Spartenza. Parole di addii, parole dei carrettieri. 

Poiché l’italiano, a causa dell’invadenza dell’inglese, sta diventando un dialetto europeo, ha esordito, occorre valorizzare i dialetti e, in particolare, vista la sua storia, quello siciliano. Non solo il siciliano è ricco di vocaboli, ma anche di gerghi, negli ambiti che attengono soprattutto all’agricoltura e al mestiere di carrettiere.

Paolino Uccello, etnoantropologo, si è concentrato sul Cuntu. Parole che evocano, guariscono e che salvano. Il cuntu, preceduto sempre da un aneddoto, ha premesso, costituiva motivo di riunione  della famiglia e di incontro per un’intera comunità. Tra i personaggi che popolavano i cunti, figurava quello di mamma Rabecca la cui ipotizzata presenza serviva a  vietare ai bambini di aggirarsi nei pressi di una grotta o di una cisterna.

Ad arricchire il convegno di studi sono state le letture sceniche di Maria Lucia Riccioli e di Maria Burgio, la  cui passione per il siciliano è il frutto di un amore per le usanze e di tanta dedizione, nonché i  “Curamuni”, un duo la cui musica popolare, connubio tra canzone d’autore e tradizione, è un viaggio nella Sicilia terra di emozioni.

 

 

©riproduzione riservata

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis