imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

MENU

INFO & CONTATTI

MENU

INFO & CONTATTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

EVENTI

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

Tutto pronto per la 59° Stagione di rappresentazioni classiche al Teatro Greco di Siracusa (10 maggio-giugno 2024)“GIOVANNA D’ARCO”: AL “GARIBALDI” DI AVOLA URLA LA CARNE, SI INFIAMMA L’ANIMASIRACUSA: tutto pronto per gli “Stati generali del Cinema”Turismo: le Gole dell’Alcantara sperimentano quello cinofiloComiso ricorda il regista Walter Manfré: una vita dedicata al teatroAlfio Neri lancia una serie di segnalibri dedicati agli articoli della CostituzioneTEATRO: in scadenza il bando per partecipare alla nuova edizione di Teatri RiflessiCINEMA: Online il bando per partecipare a BORGO Film Fest - Premio Frank Capra“MISERICORDIA”: LA COMPASSIONE DIVENTA VERBO E CARNE“ANASTASIA E LA CORTE DEI ROMANOV”: LA GUERRA, LA MORTE, L’AMORE DATOLE IN SORTE

REMINISCENCES OF A TRIBU’:CON LE TELE SPIEGATE, IL VIAGGIO NELLE ORIGINI

2023-10-24 11:13

Lucia Corsale

News, Notizie, eventi siracusa, mostra, eventi arte, ortigia, giuseppe piccione, galleria il quadrifoglio siracusa, Reminiscences of a tribe, arte tribale,

REMINISCENCES OF A TRIBU’:CON LE TELE SPIEGATE, IL VIAGGIO NELLE ORIGINI

Maschere custodi del dolore che  reclamano  salvezza a quel Dio che pretende incondizionata fede, dinanzi a un destino bieco e barbaro

img-20231023-wa0010.jpeg

Nella galleria d’arte contemporanea “Quadrifoglio” di Siracusa, la  mostra “Reminiscences of a tribe”, di Giuseppe Piccione, si pone come scandaglio della realtà multiforme, alla ricerca di un rifugio nelle viscere della terra. Una carrellata di opere figurative, in cui i colori, arzigogolo di sentimenti, giocano con una singolare geometria di fogge e che, aggrappati alla vita, avvertono sul senso imminente di morte.

Sono maschere custodi del dolore che  reclamano  salvezza a quel Dio che pretende incondizionata fede, dinanzi a un destino bieco e barbaro.  Un grido accorato, che spesso gli uomini mettono a tacere, e di cui Giuseppe Piccione si fa portavoce, consapevole che  nel proprio travaglio si specchia il tormento del mondo. Sono voci di periferia, di margine, che, dai bassifondi dell’anima, invocano aiuto, anelano la redenzione, dopo una vita condotta sul filo dell’espiazione. Non a caso, alla sua carriera artistica – condensabile nell’esposizione in ventinove mostre personali e cinquanta mostre collettive sia in Italia che all’estero – Piccione affianca il ruolo di terapeuta per individui affetti da disturbi psichiatrici  e autismo. Nei quadri, la riproposizione della medesima faccia, con attributi plastici, comunque, differenti, spicca la ricerca di tinte irreali che, protese  verso una religiosità tradizionale, restituiscono al visitatore il concetto di  spiritualità. È questo il compito che Giuseppe Piccione si prefigge inconsciamente, consapevole dello smarrimento del misticismo nella cultura di massa.

img-20231023-wa0011.jpeg

«Tra i lineamenti primitivi di quei visi, realizzati su tela e   riconducibili a una cultura animistica – dice l’artista – sono racchiuse le mie paure, le mie delusioni, le mie emozioni. L’amore per  quelle tinte, direi quasi abbaglianti, è nato nel sud Africa, dove ho trascorso la mia infanzia.  Mi sono avvalso di tecniche miste – acrilico, smalto e collage - come è nel mio stile, in omaggio, probabilmente, a quella  creatività trasmessami  da mio padre, costruttore edile, e da mia madre, abile sarta e cuoca.   Le stelle, disseminate a mo’ di cornice e che, spesso, osano incontrarsi e incastrarsi con le fattezze dei volti, sono ritagli di matrici di assegni, di fumetti, di fotografie, appartenuti alla mia famiglia e, che, dunque, costituiscono il mio bagaglio memoriale e affettivo. Ho scelto la forma di stelle perché tali astri, oltre a simboleggiare la luminosità, sono portatori di un mistero insondabile».

La mostra, inaugurata  lo scorso 13 ottobre e che  chiuderà i battenti giorno 28,  sta registrando un notevole afflusso di pubblico. Sulle tele, tra i segni di una pittura pop, rullano i tamburi, si spengono le luci, la vita fa un giro di valzer con il sacro. Venghino,  signori, venghino. Lasciate fuori  ansie e paure, salite pure sulla giostra dei colori, eccovi l’ebbrezza dell’ignoto, si ritorna alle origini.

 

 

©riproduzione riservata

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis