imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

MENU

INFO & CONTATTI

MENU

INFO & CONTATTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

EVENTI

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

IL TEATRO TRAGICO, NEI LAGER E LA NASCITA DEL PICCOLO TEATRO IN UN EXCURSUS IN VILLA REIMANN“PENSACI, GIACOMINO!”: AL GARIBALDI DI AVOLA UNA LACRIMA UN SORRISO, GRAZIE PIPPO PATTAVINAStanding ovation di 10 min per il debutto della Fedra (Ippolito portatore di corone) al Teatro Greco di Siracusa“Il mio onore è morto insieme a queste bestie”: registra il tutto esaurito il debutto di Aiace a SiracusaMIXOLOGY: nasce “Polara ’53” la linea di toniche e sode premium “born in Sicily”LA VOCE DEL VIOLINO: ERIKA RAGAZZI E IL FUOCO SACRO DELL’ARTETutto pronto per la 59° Stagione di rappresentazioni classiche al Teatro Greco di Siracusa (10 maggio-giugno 2024)“GIOVANNA D’ARCO”: AL “GARIBALDI” DI AVOLA URLA LA CARNE, SI INFIAMMA L’ANIMASIRACUSA: tutto pronto per gli “Stati generali del Cinema”Turismo: le Gole dell’Alcantara sperimentano quello cinofilo

“H DI ELENA”: TRA LE PAGINE DEL ROMANZO, TRE DONNE, TRE GENERAZIONI E IL RISPETTO DELLE CONVENZIONI

2023-11-14 11:08

Lucia Corsale

NOTE, Note LIBRI, eventi siracusa, romanzo, siracusa, eventi libri, presentazione libro, villa reimann siracusa, h di helena, romanzo giallo, le note libro,

“H DI ELENA”: TRA LE PAGINE DEL ROMANZO, TRE DONNE, TRE GENERAZIONI E IL RISPETTO DELLE CONVENZIONI

Un romanzo ambientato in Sicilia, che racconta la storia di tre generazioni e dei cambiamenti di una terra

whatsapp-image-2023-11-14-at-11.52.21-(4).jpeg

Il romanzo “H di Elena”, di Paolo Sarcià, edito da Sampognaro & pupi, presentato nella biblioteca di Villa Reimann, è uno scandaglio sull’universo  femminile negli anni del dopo guerra, a dispetto della verità, a beneficio dell’apparenza. A disquisire sul libro, dopo l’introduzione di Irene Gionfriddo, presidente della sezione locale della Fildis, è stata Daniela Tralongo, editore della suddetta casa editrice; le  letture sono state affidate all’attrice Desirè Giarratana. Nel libro – come è stato evidenziato - le protagoniste -  Helena (la figlioletta), Marilù (la madre), Titina (la nonna) -  incarnano tre diverse generazioni la cui evoluzione, che va di pari passo con quella della loro terra, la Sicilia, fa ipotizzare, inizialmente, un’unica direzione.

Siamo negli anni compresi tra il 1945 e il 1960, e i personaggi, dunque, agiscono in quell’isola, crogiolo di meraviglie, e alveo di contraddizioni, dove la montagna dall’alto della sua imponenza e supponenza occhieggia al mare, la desolata pianura fa pendant con l’amena collina, e dalla stratificazione di culture nascono creature dagli occhi cerulei e capelli d’oro o con la carnagione olivastra e sguardi di brace. Un luogo, dunque, dove il parlato si fa traslato, sopperito da una  gestualità teatrale.  È, dunque, quella Trinacria in cui ci si muove con lentezza, lo scirocco è una cappa opprimente, e l’omertà si traduce in nun sacciu nenti. È il versante orientale della Sicilia che l’autore, avvocato penalista, tratta con deferenza e confidenza, perché, dal suo ventre è stato  generato e in quelle zolle arse dal sole  le sue radici vi ha piantato. Il territorio prevalentemente battuto è quello che da Avola si estende verso Siracusa, una macchia dove Marilù, che vive con la madre, Titina,  dopo l’incontro fortuito con un soldato delle truppe alleate, - comu fu  e comu nun fu - restò prena. Un fatto scandaloso, che bisogna ammucciare, per non fare passare la ragazza per grannissima svergognata. La madre, perciò,  è disposta a mbrugghiari  che la creatura, quando nascerà, è figghia so’, ma i conti spesso non tornano e suo marito non è ancora tornato dalla guerra. Una gravidanza, dunque, sarebbe impensabile, non sia mai lei la sdisonorata, assai meglio dire che Marilù vittima di violenza fu, da parte di un uomo che la prese cu priputenza. Un espediente letterario che, in ossequio alla mentalità diffusa, diventa tradimento della giurisprudenza, in una Sicilia dove la legge mai è perfetta scienza. La descrizione degli avvenimenti - di cui Desirè Giarratana ha offerto un’ottima interpretazione - è spesso scenografica - ha sottolineato Daniela Tralongo, -  lo stile raffinato e mai banale non ha bisogno di abbellimenti. I lettori si chiederanno come andrà a finire, se la giustizia muoverà i primi passi o la sete di vendetta potrà placarsi. Il giudizio sull’accaduto resterà forse sospeso, nessuno si azzardi a pronunciarlo,  sarà per sempre vilipeso.

 

 

©riproduzione riservata

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis