imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

MENU

INFO & CONTATTI

MENU

INFO & CONTATTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

EVENTI

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

Dopo appena un anno dalla nomina, la Sovrintendente dell'INDA Valeria Told rassegna le dimissioniVino Connect Sicilia: dai banchi alle vigneTeatro in Sicilia. Prosegue l’attività di Rete Latitudini con due spettacoli prodotti da Nave Argo“FINO ALL’ULTIMO RAGGIO DI LUNA”: LA SPERANZA È UNA FIAMMELLA, MA LA VITA È SEMPRE BELLA“PICCOLE DONNE”: TEATRO, MUSICA E LETTERATURA, UNA VERA GODURIAMUSEI SICILIA: aumento dei costi di ingresso con il nuovo annoSICILIA IN TAVOLA: “50 Top Italy” svela la classifica dei migliori cannoli sicilianiLinguaglossa: polemica per la decisione di ridimensionare la Biblioteca Comunale “Antonino Gullo”“Scale del Gusto” rilancia l’antica ricetta dello "Sfogliato Ragusano"Un anno ricco alla FILDIS di Siracusa: momento di bilanci e confronti

“PICCOLE DONNE”: TEATRO, MUSICA E LETTERATURA, UNA VERA GODURIA

2024-01-24 16:13

Lucia Corsale

NOTE, Note TEATRO,

“PICCOLE DONNE”: TEATRO, MUSICA E LETTERATURA, UNA VERA GODURIA

Ispirandosi all’omonimo romanzo di Louisa May Alcott, la compagnia teatrale “Cuore di Argante” porta in scena al teatro “Garibaldi” di Avola (la cui d

img-20240123-wa0099.jpeg

Ispirandosi all’omonimo romanzo di Louisa May Alcott, la compagnia teatrale “Cuore di Argante” porta in scena al teatro “Garibaldi” di Avola (la cui direttrice artistica è Tatiana Alescio) il musical “Piccole donne”, avamposto di etica nella società americana di metà ‘800 e valore aggiunto nel processo di crescita e di formazione dell’individuo. Il  palco del “Garibaldi”, trasformato in una casa in  stile coloniale di Concord, ha ospitato, dunque, le sorelle March, Jo, Meg, Beth, ed Amy e la madre,  Margaret Marmee Curtis (Rita Abela), che, in assenza del marito, cappellano presso l’esercito statunitense durante la guerra civile, riveste il ruolo  di capofamiglia. In una società per niente democratica, in cui lo schiavismo costituiva le fondamenta del tessuto sociale e di quello economico, Marmee anela la libertà per le  figlie,   un  impeto di aspettative,  perché l’indipendenza  economica – mie care – è importante quanto quella morale. Con spirito di abnegazione, così, le sorelle maggiori si adoperano per aiutare la famiglia, i sacrifici son tanti, ma vuoi mettere la soddisfazione?

Meg lavora come istitutrice presso una famiglia del vicinato, Jo assiste l’anziana e irascibile prozia March - una ricca vedova che vive in una grande casa - Beth aiuta nelle faccende domestiche e la piccola Amy – com’è giusto che sia - va a scuola. Lo spettacolo prende il là con un monologo, quello di “Marmee”, che decanta le doti della domestica, Hannah Mullet la quale, prima del rovesciamento di fortuna, crebbe le sue figlie, e che è diventata una di famiglia. Marmee, prooolissaaa nel descrivere le figlie, chiede spesso al pubblico: «Mi sto dilungando troppo?». 

«Sìììììììììììì» è il coro dei bambini, che non le fanno alcuno sconto. Sullo sfondo troneggia un albero di Natale che, addobbato e luccicante, simboleggia la vita e traccia l’arco temporale. La vicenda, infatti, prende il via in tale festività, e si conclude dopo un anno esatto: «Attenzione! Non è un tempo astratto». E quando la prozia dà loro dei soldini, irrompe la felicità, è un canto “Un dollaro, un dollaro, cosa ci comprerò?” per adulti e per bambini. Ma le quattro sorelle, assai assennate, decidono di rinunciarvi – molto meglio le pantofole per nostra madre,  si sentirà più sollevata. Ed ecco che a calcare la scena, udite, udite,  arriva Laurie che, nipote del ricco vicino di casa, Lorenz, ha sempre ammirato le sorelle March, qualcosa di più per Jo, e chi lo sa. L’arrivo del telegramma – il papà è gravemente malato, Dio, Dio, cosa sarà mai stato? – getta la famiglia nello sconforto, dove troveremo i soldi?, ma Jo con un’alzata di ingegno si taglia i capelli e dà alla madre il provento, come darle torto? E tra i viaggi in Europa di Laurie ed Amy, di Jo, che a New York pubblica i suoi racconti in un giornale locale, e la malattia che si porta via Beth, ritorna il padre, veli bianchi e fiori d’arancio, la vita oltre la morte, l’arte ne è lo slancio.

 

 

©riproduzione riservata

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis