imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

MENU

INFO & CONTATTI

MENU

INFO & CONTATTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

EVENTI

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

IL TEATRO TRAGICO, NEI LAGER E LA NASCITA DEL PICCOLO TEATRO IN UN EXCURSUS IN VILLA REIMANN“PENSACI, GIACOMINO!”: AL GARIBALDI DI AVOLA UNA LACRIMA UN SORRISO, GRAZIE PIPPO PATTAVINAStanding ovation di 10 min per il debutto della Fedra (Ippolito portatore di corone) al Teatro Greco di Siracusa“Il mio onore è morto insieme a queste bestie”: registra il tutto esaurito il debutto di Aiace a SiracusaMIXOLOGY: nasce “Polara ’53” la linea di toniche e sode premium “born in Sicily”LA VOCE DEL VIOLINO: ERIKA RAGAZZI E IL FUOCO SACRO DELL’ARTETutto pronto per la 59° Stagione di rappresentazioni classiche al Teatro Greco di Siracusa (10 maggio-giugno 2024)“GIOVANNA D’ARCO”: AL “GARIBALDI” DI AVOLA URLA LA CARNE, SI INFIAMMA L’ANIMASIRACUSA: tutto pronto per gli “Stati generali del Cinema”Turismo: le Gole dell’Alcantara sperimentano quello cinofilo

Standing ovation di 10 min per il debutto della Fedra (Ippolito portatore di corone) al Teatro Greco di Siracu

2024-05-12 16:03

Francesca Brancato

NOTE, Note TEATRO, teatro greco siracusa, siracusa, fondazione inda, 59 stagione di rappresentazioni classiche siracusa, Fedra (Ippolito portatore di corona), verità, onore, giustizia, il ruolo delle donne,

Standing ovation di 10 min per il debutto della Fedra (Ippolito portatore di corone) al Teatro Greco di Siracusa

Il calore del pubblico e il giusto riconosciemnto alle maestranze dell'INDA

8933-whatsapp-image-2024-05-12-at-12.50.23.jpeg

In una serata ricca di emozioni e lunghi applausi si è svolto ieri il debutto di Fedra (Ippolito portatore di corone) di Euripide per la regia di Paul Curran, che ha visto un altro record di presenze di pubblico, fra personalità cittadine, turisti e i tantissimi studenti, accorsi per assistere alla messa in scena del seconda tragedia, nella traduzione di Nicola Crocetti, alla 59° Stagione di Rappresentazioni classiche al Teatro Greco di Siracusa. Oggi, domenica 12, dalle 09.00, si è svolta invece l'inaugurazione della XXVIII edizione del Festival Internazionale del Teatro Classico dei Giovani a Palazzolo Acreide, con oltre 2mila studenti da tutta Europa, per esibirsi, fino al 4 giugno, sul palco del Teatro di Akrai.

Come affermato in precedenza dal regista Curran: «L’antica narrazione di Fedra riecheggia con sorprendente attualità nel contesto odierno. Questa storia senza tempo fa luce sulle ansie contemporanee legate alla salute mentale e sui pericoli derivanti da ossessioni malsane e incontrollabili». Ed è proprio così. Se volessimo sintetizzare, potremmo dire che le tre parole chiave di questa tragedia sono: LEALTÀ - VERITÀ - ONORE, in un contesto dove il ruolo della donna e il valore della giustizia la fanno da padrone.

5640-whatsapp-image-2024-05-12-at-12.50.22.jpeg

Ma partiamo dal principio. La scena è dominata dalla grande testa bianca di una dea alta sei metri, che nel corso dello spettacolo cambia faccia, grazie anche un bellissimo gioco di video mapping, attraverso il quale si racconta ciò che in scena non può essere mostrato. Ad aprire la narrazione la dea Afrodite (la bellissima Ilaria Genatiempo), che sin da subito mostra la sua avversione per Ippolito (il giovane Riccardo Livermore), che ha osato offendere lei e il suo culto, affermando di non credere nell’amore né nell’onestà delle donne, e preferendole Artemide la dea della Caccia e simbolo di purezza e rettitudine.

Allo stesso tempo, dopo la falsa notizia della presunta morte di Teseo, Fedra (interpretata da Alessandra Salamida) viene colpita dal dardo di Amore e, per volere di Afrodite, si consuma nel suo sentimento taciuto nei confronti del figliastro. Ella afferma che è destino degli uomini soffrire e che «Una cosa soltanto è preferibile alla vita: conservare uh animo retto a giusto!» preferendo perciò soffrire in silenzio piuttosto che arrecare offesa al letto matrimoniale e agli Dei. Ma dietro l’insistenza delle donne e della nutrice (una bravissima Gaia Aprea), Fedra rivela loro il suo segreto segnando, così, la sua fine. Esse decidono, infatti, di aiutare la giovane padrona, per far sì che anche Ippolito possa innamorarsi di lei, ma dopo avere parlato con lui e avergli fatto giurare silenzio davanti agli Dei, Ippolito, deridendola e respingendola, non solo rifiuta Fedra, ma sottolinea come le donne siano infide e inutili per l’uomo, di quanto sia preferibile una donna stupida che una intelligente, perché quest’ultima è decisamente più pericolosa e, infine, che l’unica vita possibile è quella retta e giusta, professata dal culto di Artemide. Tutto è compiuto: Fedra si allontana dalle donne e decide di porre fine alla sua vita impiccandosi, ma prima di fare ciò lascia uno scritto, che accusa Ippolito di averle usato violenza e avere violato il letto del padre.

whatsapp-image-2024-05-12-at-12.49.48.jpeg

Improvvisamente fa ritorno Teseo (un mirabile Alessandro Albertin, la cui interpretazione riporta, finalmente, il tono poetico della tragedia in scena) che viene subito informato dei fatti e, senza fare alcuna verifica, si convince della veridicità delle parole di Fedra, provocando la morte di Ippolito, prima condannandolo all’esilio, poi malendicendolo. La casa di Teseo è segnata dalla sventura. In pochi attimi si consuma anche la seconda disgrazia della storia, che vede Ippolito protagonista di una violenta manifestazione divina, che lo condurrà alla morte.

Dopo un inizio stentato e in un gioco di verità nascoste, vendette e rincorse alla giustizia, la messa in scena di Fedra coinvolge emotivamente tutto il pubblico e si guadagna ben 10 minuti di calorosi applausi. È chiaramente un successo. Una menzione d’onore va fatta all’interpretazione di Giovanna Di Rauso e Marcello Gravina, nei panni rispettivamente della dea Artemide e del messaggero. Bellissimi anche i costumi delle Corifee e del coro di donne di Trezene. Ultima menzione d’onore va all’INDA, che quest’anno ha deciso di rendere il giusto omaggio alle maestranze coinvolte nella realizzazione degli spettacoli, facendo godere anche loro del calore del pubblico in scena. Chapeau!

 

 

©riproduzione riservata 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis