imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

MENU

INFO & CONTATTI

MENU

INFO & CONTATTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

EVENTI

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

IL TEATRO TRAGICO, NEI LAGER E LA NASCITA DEL PICCOLO TEATRO IN UN EXCURSUS IN VILLA REIMANN“PENSACI, GIACOMINO!”: AL GARIBALDI DI AVOLA UNA LACRIMA UN SORRISO, GRAZIE PIPPO PATTAVINAStanding ovation di 10 min per il debutto della Fedra (Ippolito portatore di corone) al Teatro Greco di Siracusa“Il mio onore è morto insieme a queste bestie”: registra il tutto esaurito il debutto di Aiace a SiracusaMIXOLOGY: nasce “Polara ’53” la linea di toniche e sode premium “born in Sicily”LA VOCE DEL VIOLINO: ERIKA RAGAZZI E IL FUOCO SACRO DELL’ARTETutto pronto per la 59° Stagione di rappresentazioni classiche al Teatro Greco di Siracusa (10 maggio-giugno 2024)“GIOVANNA D’ARCO”: AL “GARIBALDI” DI AVOLA URLA LA CARNE, SI INFIAMMA L’ANIMASIRACUSA: tutto pronto per gli “Stati generali del Cinema”Turismo: le Gole dell’Alcantara sperimentano quello cinofilo

“PENSACI, GIACOMINO!”: AL GARIBALDI DI AVOLA UNA LACRIMA UN SORRISO, GRAZIE PIPPO PATTAVINA

2024-05-16 11:23

Lucia Corsale

NOTE, Note TEATRO, eventi teatro, eventi siracusa, luigi pirandello, teatro garibaldi avola, le note teatro, pensaci, giacomino,

“PENSACI, GIACOMINO!”: AL GARIBALDI DI AVOLA UNA LACRIMA UN SORRISO, GRAZIE PIPPO PATTAVINA

Lo spettacolo, tratto dall'omonima novella di PIrandello, ha incantato il pubblico del Garibaldi di Avola

img-20240505-wa0021.jpeg

Tratto dall’omonima novella di  Luigi Pirandello, lo spettacolo  “Pensaci, Giacomino!”, la cui prima trasposizione teatrale risale al 1916, è stato rappresentato nella sua tradizionale versione agro-dolce al “Garibaldi” di Avola – direttore artistico Tatiana Alescio – con un grandioso Pippo Pattavina. La commedia, divisa in tre atti, ed in cui emergono con prepotenza i topoi pirandelliani – l’incapacità dello Stato, quella  società che è una pupazzata, i paradossi, le maschere e le crisi di identità dell’individuo –  è ambientata in una nicuzza città della provincia dove insistono un liceo e qualche domicilio. Il preside, il Cavaliere Diana, che non transige sulla disciplina,  rimprovera l’anziano professor Toti (Pattavina), ormai privo di  autorità, per aver consentito l’accesso fortuito di un giovinastro, ma quegli, cadendo sempre in piedi, non è mica un disastro.

«Mi dia un temperino, per fare un taglio ad un nostro dito, ne uscirebbe sangue, preciso però all’acqua, non come quello dei ragazzi che hanno il fuoco dentro» come dire non voglio capire e, dunque, non sento. Ne nasce, dunque, una discussione, e il preside, impettito, vorrebbe che l’altro andasse in pensione – diciamolo pure – perché lo ritiene ormai rimbambito. Ma il professor Toti si appella allo Stato – quel grandissimo disgraziato – e grida vendetta: prenderà in moglie una giovane donna, per far sì che il  Governo, quando la morte verrà a trovarlo, le paghi il vitalizio, riprendendo a pagare così dall’inizio. Il professor Toti, dunque, si reca a casa del custode del liceo, Cinquemani: ha intenzione di sposare  sua figlia, Lillina, una ragazza di 16 anni molto carina. Lillina pensa che il professore sia lì per mettere una buona parola, aspetta un figlio da Giacomino, ma al papà come glielo dico? Il professore troverà un lavoro in banca al giovane e tutti e quattro, lui, Lillina, Giacomino e Ninì il bambino, andranno a vivere sotto lo stesso tetto, non è un’idea da poco, ma un ottimo progetto. Ma Lillina è in preda alla malinconia, Giacomino non torna a casa da qualche giorno, mica è colpa mia. E mannaggia alle convenzioni sociali che bruciano come sulla ferita il sale, e mannaggia alla maldicenza che sputa giudizi e condanna l’indecenza. A causa di tale situazione, i genitori di Lillina sono vergognati, non possono più mettere il naso fuori dalla porta, non vanno biasimati. Anche  Giacomino è in imbarazzo,  si è trovato una nuova fidanzata, un’orfana, amica di Rosaria, no, non è pazzo. Riusciranno i due ziti a ricongiungersi per il resto della loro vita? Sembrerebbe di no, ma Toti lo minaccia di andare con Ninì dalla sua nuova conquista, di fargli perdere il posto in Banca, e Giacomino di fronte al figlioletto, lo abbraccia, no, non è un essere abietto. Uno spettacolo di grande levatura che ha chiuso, almeno per la sezione prosa, il cartellone degli eventi 2024  del teatro “Garibaldi” di Avola organizzato di concerto con l’amministrazione comunale, in primis il sindaco, Rossana Cannata, e l’assessore allo Spettacolo, Debora Rossitto.

 

 

©riproduzione riservata

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis