La Sicilia fucina di maestri orafi? Vi presentiamo l’artigiano di Gangi, Fabio Ballistreri

ballistreri-maestro-orafo-di-gangi-400x210.jpg

Lo stile - È ormai noto che la moda ai giorni nostri non è soltanto un atto del vivere sociale o un “dress-code" da rispettare a seconda del contesto, ma è soprattutto una forma d’arte. Tra i settori della moda non ci sono solo la pelletteria, l’haute-couture e calzature, ma anche i gioielli. Oggi vorremmo menzionare un artista siciliano molto noto nel palermitano, che si occupa di lavorare metalli preziosi per creare preziosissimi gioielli handmade: Fabio Ballistreri.

Maestro orafo artigiano dal 1990, Fabio ha scoperto la sua passione per i metalli quando vide per la prima volta un anziano orafo vicino la sua casa a Palermo, intento a lavorare le pietre preziose. Da lì ha cominciato a lavorare in proprio, componendo le sue creazioni con tecniche antiche come la fusione, o utilizzando strumenti come il cuneo, il martello, il traforo o le lime. 

«Attraverso questi strumenti, piegando e saldando il metallo man mano riesco a realizzare il mio gioiello», afferma Ballistreri, «mi affascina la fusione in terra di fonderia e in osso di seppia». 

20190819_183317.jpg

Ultimamente Fabio, il cui laboratorio si trova nella parte bassa del comune di Gangi, predilige lavorare metalli preziosi come l’oro ed il platino, ma ha un debole per i metalli non preziosi ed sta riscoprendo il fascino dei minerali grezzi, dedicandogli la collezione “Linea Terra”. Avventurina, aragonite, cristallo di rocca, agata, sodalite sono solo alcune delle gemme utilizzate dal maestro orafo in combinato con l’argento e altri metalli. Tutti i gioielli sono pezzi unici, poiché in ogni creazione il metallo abbraccia e avvolge le curve e gli angoli della singola pietra che variano a seconda del minerale o della gemma scelta.

Nonostante in Sicilia il lavoro artigianale non venga sempre valorizzato e apprezzato come merita, il mastro orafo di Gangi ha tutta l’intenzione di proseguire la sua strada, sperimentando, studiando ed elaborando nuove tecniche orafe e nuovi materiali. «La mia passione, le mie radici ed il coinvolgimento personale di ogni mio lavoro, la mia scelta di continuare a rimanere nella mia terra nonostante tutto esprimono tutta la mia sicilianitudine» afferma Ballistreri, il cui obiettivo è quello di portare questa sua arte fuori dai confini siciliani. 



Viviana Nobile

©riproduzione riservata