imageimage.jpegimage.jpeg
image-764
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

NOTA CRITICA

NEWS

NEWS

EVENTI

MENU

INFO & CONTATTI

INFO & CONTATTI

MENU

NOTA CRITICA

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

image-766

INTERVISTE

Le nostre interviste inedite

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram

Il saluto a Pippo Saraceno, giornalista siracusano

2020-06-22 18:16

Aldo Mantineo

News, Notizie,

Il saluto a Pippo Saraceno, giornalista siracusano

Pippo Saraceno, giornalista, fotoreporter e volto siracusano di grande importanza. Il saluto di Notabilis.

Fatico, sinceramente, anche solo a immaginare di non vederlo più allo stadio, immancabilmente dietro la porta del portiere della squadra avversaria, per provare a immortalare i goal del “suo” Siracusa. Fatico allo stesso modo a pensare che il prossimo 13 dicembre non sia più prima in Cattedrale, poi sul sagrato, infine alla basilica di Santa Lucia per documentare la festa della Patrona. Fatico a immaginare di non poterlo più incontrare per strada - anche se negli ultimi tempi era stato costretto a diradare considerevolmente le sue uscite - sempre con la sua macchina fotografica tra le mani.

pippo-saraceno-1592837786.jpg

Se penso a Pippo Saraceno non posso non pensare a quelle macchine che lo hanno accompagnato in quel formidabile racconto di circa settant’anni di storia di Siracusa.

Ieri pomeriggio Pippo Saraceno se n’è andato quando ormai mancava davvero poco al traguardo dei 92 anni. Un galantuomo d’altri tempi, uomo dotato di straordinarie doti morali, affabile, sinceramente generoso ma anche con uno straordinario senso dell’umorismo. Con i suoi scatti ha raccontato tutti i grandi e piccoli avvenimenti di quella Siracusa alla quale era profondamente legato e che ha visto - e documentato - cambiare e trasformarsi.

Con la schiettezza che gli era propria e con l’autorevolezza che gli veniva unanimemente riconosciuta da tutti, non soltanto nel composito mondo dell’informazione, Pippo Saraceno non è stato soltanto il decano dei fotografi ma anche un vero punto di riferimento per tanti che - nei diversi ruoli - negli ultimi cinquant’anni e più hanno attraversato il mondo dell’informazione.

Quel suo racconto per immagini della quotidianità che ha alimentato giorno dopo giorno, alcuni anni fa gli valse anche la decisione dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia di iscriverlo, ad honorem, all’albo dei pubblicisti. Un riconoscimento meritato per quelle decine e decine di anni trascorsi nella sempre difficile trincea della quotidianità per documentare avvenimenti straordinari, a cominciare dal prodigio della Lacrimazione della Madonnina (tanto che la sua foto divenne quella ufficiale utilizzata per la stampa dei primi “santini” dopo l’accertamento del miracolo) passando per la visita in città di Papa Giovanni Paolo II e per quelle di Capi di Stato e di Governo e senza mai perdere di vista l’importanza della quotidianità, il gusto di scoprire l’aspetto meno visibile di una vicenda apparentemente trascurabile.

Uomo di saggezza straordinaria, ha saputo tenere botta anche quando la vita lo ha messo duramente alla prova privandolo di alcuni dei suoi affetti più cari. 

Adesso la sua corsa terrena si è arrestata. A Rosamaria, Fiorenza e Fabio mancherà d’ora in avanti il papà, ma sarà lo stesso anche per chiunque lo abbia conosciuto e per chi ha avuto il privilegio di poterlo frequentare, di potergli lavorare accanto. Mancherà ma forse, a ben vedere, a bordo campo allo stadio o sul sagrato della Cattedrale Pippo Saraceno ci sarà sempre. Naturalmente con la sua macchina fotografica tra le mani. 

 

 

Courtesy of www.ilcamminodisiracusa.it 

Leggi le altre interviste

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder