imageimage.jpegimage.jpeg
image-1
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

EVENTI

NOTA CRITICA

NEWS

INFO & CONTATTI

MENU

EVENTI

NOTA CRITICA

NEWS

MENU

INFO & CONTATTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

image-766

INTERVISTE

Le nostre interviste inedite

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram

Lapidarium di Alesa Arconidea: apre il museo che testimonia l’antica storia di Tusa

2020-10-30 14:20

Redazione

News, Notizie, notabilis, eventi, arte, messina, archeologia, Lapidarium Lesa Arconidea, Parco Archeologico di Tindari,

Lapidarium di Alesa Arconidea: apre il museo che testimonia l’antica storia di Tusa

Tutto pronto per l'inaugurazione del Lapidarium di Alesa Arconidea (ME)

1000x700-halaesa-ceres-20150315-halesa-011017-1604068805.jpg

In un momento particolarmente complesso per l’intero settore della cultura, una notizia positiva arriva da Tusa (ME), dove domani 31 ottobre 2020, presso il complesso di Santa Maria delle Palate, sarà inaugurato il Lapidarium di Alesa Arconidea, l’antica città siculo-greca che lì sorgeva. La cerimonia di inaugurazione avrà luogo alle ore 16.30 e si svolgerà alla presenza dell’Assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà; del Direttore del Parco Archeologico di Tindari, Salvatore Gueli; del Sindaco di Tusa, Luigi Miceli e della Direttrice del Parco Archeologico di Naxos-Taormina, Gabriella Tigano.

 

Il lapidario è stato allestito nel piano inferiore di uno degli edifici rurali appartenenti al complesso della fattoria fortificata Di Salvo, risalente all’Ottocento e sorta in sostituzione dell’ormai fatiscente convento cinquecentesco dei padri francescani, struttura di cui permangono oggi poche testimonianze. L’ambiente è stato adattato a spazio espositivo grazie a un percorso che ha incluso e valorizzato anche il passaggio coperto tra la Chiesa di Santa Maria delle Palate e l’Antiquarium, secondo un’idea progettuale di Museo Diffuso.

Il museo, grazie alle testimonianze e alle epigrafi che vi sono esposte, custodisce la memoria documentale relativa alle tappe storiche dell’antico centro: l’epoca che va dal momento della sua fondazione (nel V secolo a.C.) alla sua distruzione, avvenuta a opera di eventi tellurici (nel IV sec. d.C.); ma anche il periodo successivo, quando la città divenne sede vescovile, fino all’invasione araba dell’isola. Lo spazio espositivo è stato predisposto secondo un itinerario cronologico, nel quale le epigrafi sono collocate con funzione, oltre che scientifica, anche didattica e divulgativa, supportata da un apparato esplicativo, con pannelli e didascalie.

 

Il direttore del Parco Archeologico di Tindari, Salvatore Gueli, ha sottolineato il ruolo decisivo che la collaborazione tra più enti ha avuto nella realizzazione del progetto: «Il Museo, con il corposo repertorio delle 40 epigrafi greche e latine, incise o dipinte su pietra, è frutto di un intenso rapporto di collaborazioni stabilite sul territorio tra enti che, a diverso titolo, si sono succeduti nella gestione del sito di Alesa nel corso degli ultimi anni. Tra questi figurano: la Soprintendenza BB.CC.AA. di Messina, il Parco Archeologico dei Nebrodi Occidentali, il Polo Regionale di Messina per i Siti Culturali, il Museo delle Tradizioni Silvo-Pastorali di Mistretta, il Parco Archeologico di Tindari. Proprio per queste relazioni, che rimangono attive, il Lapidarium di Alesa si candida a ricoprire un ruolo centrale nella divulgazione della conoscenza e valorizzazione di tutta l’area».

 

Informazioni:

Il Lapidarium sarà aperto al pubblico dal martedì alla domenica dalle ore 9.00 alle 16.30. L’ingresso, previa prenotazione attraverso l’App https://youline.laculturariparte.html, è gratuito.

 

© riproduzione riservata

Leggi le altre interviste

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder