imageimage.jpegimage.jpeg
image-764
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

NOTA CRITICA

NEWS

NEWS

EVENTI

MENU

INFO & CONTATTI

INFO & CONTATTI

MENU

NOTA CRITICA

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

image-766

INTERVISTE

Le nostre interviste inedite

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram

“Dai bisogni ai sogni alla locanda del Samaritano”: il teatro per favorire l’integrazione e superare le

2020-10-02 18:35

Redazione

News, Notizie, eventi, catania, teatro, laboratori, Mediterraneo Sicilia Europa, Dai bisogni ai sogni nella Locanda del Samaritano,

“Dai bisogni ai sogni alla locanda del Samaritano”: il teatro per favorire l’integrazione e superare le discriminazioni

Teatro e integrazione giovanile: “Dai bisogni ai sogni nella Locanda del Samaritano”

emmaavernaemariosirica-1601652434.JPG

In alcuni casi l’arte può divenire uno strumento per aiutare i più deboli, favorendo per esempio l’integrazione dei migranti e mettendo in campo nuove forme di socialità. È quanto sta accadendo con il corso di recitazione tenuto da Raffaele Furno e rivolto agli ospiti migranti della Locanda del Samaritano di Catania. Il laboratorio, attivo dal mese di marzo 2020, si concluderà il prossimo dicembre con uno spettacolo dal titolo My home is where my heart is.

L’iniziativa fa parte del progetto “Dai bisogni ai sogni nella Locanda del Samaritano”, finanziato dall’Unione Buddhista Italiana e promosso dall’associazione Mediterraneo Sicilia Europa, che si propone l’obiettivo di superare le discriminazioni di razza, censo, cultura, religione e orientamento sessuale, attraverso progetti culturali e formativi nel territorio regionale.

 

Molte delle attività che la Onlus ha realizzato nel capoluogo etneo sono state portate avanti insieme alla Locanda del Samaritano Catania, grazie anche alla passione di padre Mario Sirica. In concerto, le due realtà hanno già creato uno sportello d’ascolto e consulenza psicologica per i migranti e i residenti in difficoltà e sono state promotrici di iniziative di orientamento scolastico, professionale e di corsi di formazione, di sostegno e di assistenza allo studio rivolte ai migranti. Hanno inoltre dato vita a corsi e laboratori per permettere agli studenti di conoscere le proprie attitudini e incoraggiarne creatività, positività e autoriflessione. Si inserisce proprio in quest’ambito il progetto “Dai bisogni ai sogni nella Locanda del Samaritano”,  riguardante soprattutto la povertà educativa e sociale degli adulti, causa in molti casi di difficoltà nel riuscire a integrarsi.

L’iniziativa è la seconda a essere stata finanziata dall’Unione Buddhista Italiana: nel 2018 si era infatti realizzato il progetto “L’inclusione passa dai banchi di scuola”, che prevedeva corsi di formazione per minori migranti non accompagnati. Per portarlo avanti, l’associazione si era avvalsa della collaborazione del Centro di formazione professionale Oda (Opera diocesana assistenza).

 

«L’associazione basa la sua attività su quattro dimensioni operative: “Apprendere per comprendere”, ovvero per acquisire le competenze necessarie per vivere nel mondo di oggi. “Apprendere per essere”, ovvero per rafforzare la motivazione, la stima in sé stessi e nelle proprie capacità, coltivando aspirazioni per il futuro e maturando, allo stesso tempo, la capacità di controllare i propri sentimenti anche nelle situazioni di difficoltà e di stress.“Apprendere per vivere assieme”, cioè sviluppare la capacità di relazione interpersonale e sociale, di cooperazione, comunicazione, empatia, negoziazione. Infine, “Apprendere per condurre una vita autonoma e attiva”, cioè rafforzare le possibilità di vita, la salute, l’integrità e la sicurezza, come condizioni funzionali all’educazione» ha raccontato Emma Averna, presidente della onlus Mediterraneo Sicilia Europa.

 

© riproduzione riservata

Leggi le altre interviste

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder