imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

MENU

INFO & CONTATTI

MENU

INFO & CONTATTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

EVENTI

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

Nel siracusano nasce il progetto "STREET BOOK - AUTORE IN CAMPER"L'allegoria d'Amore di Peparini merita il lungo applauso del Teatro Grecop di SiracusaAl Teatro Greco di Siracusa Giuliano Peparini presenta "Horai. Le quattro stagioni" con Eleonora Abbagnato e Giuseppe SartoriAl via la stagione turistica 2024 del Sistema Rete Museale IbleiTutto pronto per la stagione "InTeatroAperto" a Modica, fra musica, arte e spettacoloGrandi applausi per il debutto del Miles Gloriosus tutto al femminile di Muscato al teatro Greco di Siracusa“SEPARATI IN CASA, MA NON TROPPO”: LA COMMEDIA FA IL PIENO, LA BENEFICENZA È GIA' SOLLIEVOIL TEATRO TRAGICO, NEI LAGER E LA NASCITA DEL PICCOLO TEATRO IN UN EXCURSUS IN VILLA REIMANN“PENSACI, GIACOMINO!”: AL GARIBALDI DI AVOLA UNA LACRIMA UN SORRISO, GRAZIE PIPPO PATTAVINAStanding ovation di 10 min per il debutto della Fedra (Ippolito portatore di corone) al Teatro Greco di Siracusa

Medea torna al Teatro Greco di Siracusa, in uno spettacolo a cavallo tra antico e moderno

2023-06-23 21:15

Francesca Brancato

NOTE, Note TEATRO, laura marinoni, euripide, eventi teatro, siracusa, medea, fondazione inda, teatro greco di siracusa, estate 2023, antico e moderno, estate siracusa,

Medea torna al Teatro Greco di Siracusa, in uno spettacolo a cavallo tra antico e moderno

Ultima replica sabato 24 giugno 2023

 

 

 

La maga, principessa della Colchide, discendente del Dio Sole, Medea è tornata al Teatro Greco di Siracusa. 

 

 

 

La maga, principessa della Colchide, discendente del Dio Sole, Medea è tornata al Teatro Greco di Siracusa, per la regia di Federico Tiezzi e la traduzione di Massimo Fusillo. Colei che un tempo sacrificò tutto per la gloria di Giasone (Alessandro Averone), diventa oggi una donna del Novecento, all'interno di un dramma borghese, dove assistiamo ad una separazione e alle conseguenze tragiche che questa comporta.

Dopo averlo aiutato a conquistare il Vello d'oro, voltando le spalle alla sua famiglia, Medea lo segue fino a Corinto, dove Giasone sceglie di legarsi e allearsi con Creonte, sposandone la figlia. Si apre così la scena su Laura Marinoni (nei panni di Medea, vestita di piume blu, alla maniera dei barbari), tornata ancora una volta sul palcoscenico aretuseo, in un ruolo dalla potenza innegabile, forse non espressa nel modo più incisivo.

 

Credits: foto di Franca Centaro

alessandro-averone-giasone_laura-marinoni-medea_foto-aliffi.jpeg

Il turbamento interiore della protagonista viene portato in scena, a metà strada tra pathos antico e flusso di coscienza moderno. Medea pensa e si strugge, a causa del tradimento subìto e dell’amara sorte che l’attende, unica via possibile per uscire dalla stretta in cui è stata confinata per volere dell’uomo, Giasone, al quale vanno tutte le colpe. La figura di questa donna è scomoda. Straniera in terra greca, intrusa in una casa che non accoglie né lei né i suoi figli. Una casa che la esilia, Lei che non può più tornare in Colchide, Lei che ha tradito il padre e ucciso il fratello. Lei che ha utilizzato l’arte magica e ogni stratagemma per favorire Giasone e il suo destino, ora è sola, abbandonata. Incapace di guardare negli occhi i suoi stessi figli, simbolo di un amore che non esiste più, sostituito da uno più giovane, di comodo, che porterà potere e ricchezza al bastardo che una volta era suo marito. Medea diventa il simbolo di quella che oggi definiremmo "sindrome di alienazione genitoriale”. Furono gli allievi di Freud a chiamarla, appunto, “sindrome di Medea”, per tentare di rendere razionale ciò che non può essere razionalizzato: l'omicidio dei figli.

 

Credits: foto di Aliffi

È in quel momento che il cuore in tumulto di Medea perde il controllo, al punto da scegliere la morte come risoluzione del tradimento subìto. Non una vendetta, ma una ricerca di giustizia, uno scontro fra cultura barbara e grecità, arti oscure e giustizia, la stessa a cui le chiedono di appellarsi le ancelle (portate in scena da un coro eccellente). Allo sgretolarsi della casa di Creonte, corrisponde l’avanzamento della follia di Medea. Il tutto in un crescendo, magistralmente espresso dalle musiche di Silvia Colasanti, con voci bianche, canti in aramaico, fino ad arrivare all’apice del pathos sulle note di “This bitter Earth” di Max Richter e Dinah Washington e ad alcuni frammenti tratti dai “Kindertotenlieder” di Malher, utilizzati nel momento in cui, fuori dalle scene, i figli di Medea e Giasone perderanno la vita per mano della loro stessa madre. Così come accadeva nell’antica Grecia, la Morte non compare mai in scena, ma aleggia come un’ombra, fino a tingere di rosso sangue il λογεῖον (parlatoio), che tra lamenti e pianti verrà spazzato, più volte, dal coro delle ancelle.

coro_foto-aliffi.jpeg

Moderno e antico si rincorrono nella messa in scena, lo vediamo nei dialoghi, nei costumi e nella scenografia, al punto che nella villa neoclassica, dove marmi bianchi e neri la fanno da padrone, entra in scena una gru fuori contesto (carro del Dio Sole, deus ex machina), che porterà Medea nella terra di Egeo.

Degne di nota le interpretazioni del pedagogo (Riccardo Livermore) e del nunzio donna (una bravissima Sandra Toffolatti). Le scene sono firmate da Marco Rossi, i costumi da Giovanna Buzzi. Nel cast anche: Debora Zuin, Roberto Latini, Alessandro Averone, Luigi Tabita, Francesca Ciocchetti e Simona Cartia. Con la partecipazione degli allievi dell'Accademia d'arte del dramma antico.

 

Credits: foto di Aliffi

 

 

©riproduzione riservata

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis