imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

MENU

INFO & CONTATTI

MENU

INFO & CONTATTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

EVENTI

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

L'allegoria d'Amore di Peparini merita il lungo applauso del Teatro Grecop di SiracusaAl Teatro Greco di Siracusa Giuliano Peparini presenta "Horai. Le quattro stagioni" con Eleonora Abbagnato e Giuseppe SartoriAl via la stagione turistica 2024 del Sistema Rete Museale IbleiTutto pronto per la stagione "InTeatroAperto" a Modica, fra musica, arte e spettacoloGrandi applausi per il debutto del Miles Gloriosus tutto al femminile di Muscato al teatro Greco di Siracusa“SEPARATI IN CASA, MA NON TROPPO”: LA COMMEDIA FA IL PIENO, LA BENEFICENZA È GIA' SOLLIEVOIL TEATRO TRAGICO, NEI LAGER E LA NASCITA DEL PICCOLO TEATRO IN UN EXCURSUS IN VILLA REIMANN“PENSACI, GIACOMINO!”: AL GARIBALDI DI AVOLA UNA LACRIMA UN SORRISO, GRAZIE PIPPO PATTAVINAStanding ovation di 10 min per il debutto della Fedra (Ippolito portatore di corone) al Teatro Greco di Siracusa“Il mio onore è morto insieme a queste bestie”: registra il tutto esaurito il debutto di Aiace a Siracusa

La pioggia non ha fermato il debutto de “La Pace” di Aristofane al Teatro Greco di Siracusa

2023-06-11 12:54

Francesca Brancato

NOTE, Note TEATRO, teatro greco siracusa, fondazione inda, commedia, stagione 2023, la pace aistofane, giuseppe battiston, elena polic greco, massimo verdastro,

La pioggia non ha fermato il debutto de “La Pace” di Aristofane al Teatro Greco di Siracusa

Anticipata anche la Stagione 2024: Aiace di Sofocle, Fedra (Ippolito portatore di corona) di Euripide e Miles Gloriosus di Plauto L’opera di Aristofan

Anticipata anche la Stagione 2024: Aiace di Sofocle, Fedra (Ippolito portatore di corona) di Euripide e Miles Gloriosus di Plauto

161130114-73bc2a0b-2560-42bc-b0d5-2c03f1546f32.jpeg

L’opera di Aristofane, del 421 a.C., arriva sulle scene del Teatro Greco di Siracusa dopo oltre un secolo di attività, in prima assoluta.

La trama simbolica e fortemente antimilitarista, sfrutta le guerre del Peloponneso come escamotage per il tema principale (e quanto mai attuale) della commedia: la guerra è una montagna di merda!

Tra lo scarabeo stercorario volante e il globo di specchi che segna la separazione fra mondo ultraterreno (l’Olimpo) e quello degli uomini, dove le città greche si annientano a vicenda, a farla da padrone sono i giochi di potere degli Dei, notoriamente superiori e insensibili alle sofferenze terrene, che giocano letteralmente con il destino degli uomini. Su tutti domina la presenza costante di Zeus «PEtonante» che con fulmini e saette tuona su Dei e Greci, ricordando che la sua volontà è superiore ad ogni cosa, ma che essa non si basa sulla giustizia, bensì sul capriccio: per Zeus i Greci sono liberi di annientarsi a vicenda, al punto che lui e tutti gli Dei dell’Olimpo partono, come per una vacanza, lasciando tutti in balìa di Pòlemos (Patrizio Cigliano) e Kaos e delle loro trame distruttive. 

È proprio in favore delle città greche si muove Trigeo il vignaiolo (un simpaticissimo Giuseppe Battiston), che raggiunge l’Olimpo e per mezzo di adulazioni e buon cibo riesce a convincere Ermes (un magistrale Massimo Verdastro) a divenire “il Salvatore” dell’umanità.

pace-inda-780x470.jpeg

E l’umanità? Le città greche arrivano in scena come un “esercito” di contadini, simili ai mangiatori di fagioli ritratti da Van Gogh, sbandati e stanchi. La loro rivalsa arriva quando decidono di prendere in mano la propria fortuna «correggendo» il proprio destino e liberando La Dea Pace dalle spire del male. Questa, arriva come un angelo disceso dal cielo, senza volto, senza voce, troppo adirata con gli uomini per essere stata da loro dimenticata. In scena con lei anche Opera e Teoria, la prima andrà in sposa a Trigeo, mentre la seconda farà il suo ritorno in Parlamento (una schiera di senza volto in giacca e cravatta, che come un’ombra si aggira prima fra il pubblico e poi fra le città Greche). Un compromesso, che mette tutti d’accordo e diffonde un’ondata di euforìa, che porterà all’istituzione della Festa della Dea, con banchetti, sacrifici e canti.

Tutto bene quel che finisce bene, lieto fine, spente le luci, si chiude il sipario…e se non fosse così? Se l'opera di Aristofane avesse lo scopo di lasciarci tutti con l’amaro in bocca? Guerra e caos continueranno a girare fra noi, nonostante gli sforzi, i compromessi, i sacrifici. Il clima da musical di Broadway (le musiche sono di Patrizio Maria D’Artista) lascia presto il posto a toni più seri, quando La Pace finalmente mostra il suo volto (quello di un’eccellente Elena Polic Greco) e con un monologo finale si rivolge direttamente al pubblico, per ricordare come l’uomo da merce e mercante debba tornare alla terra, raccogliendone i frutti e vivendo in armonia con essa.

Mai messaggio può ritenersi più contemporaneo, se pensiamo agli eventi climatici e politici recenti (di cui si fa menzione, nemmeno troppo velata, nell’adattamento testuale di Nicola Cadoni) e guardando al lungo applauso degli oltre 4mila spettatori intervenuti, possiamo solo consigliarvi di non perdere lo spettacolo, che sarà in replica fino al 23 giugno prossimo. 

Anticipazioni anche per la stagione 2024 al Teatro Greco di Siracusa, dove saranno messi in scena, dal 10 maggio al 29 giugno, Aiace di Sofocle, Fedra (Ippolito portatore di corona) di Euripide e, per la prima volta in assoluto al Teatro Greco di Siracusa, Miles gloriosus di Plauto.

 

 

©riproduzione riservata

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis