imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

MENU

INFO & CONTATTI

MENU

INFO & CONTATTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

EVENTI

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

IL TEATRO TRAGICO, NEI LAGER E LA NASCITA DEL PICCOLO TEATRO IN UN EXCURSUS IN VILLA REIMANN“PENSACI, GIACOMINO!”: AL GARIBALDI DI AVOLA UNA LACRIMA UN SORRISO, GRAZIE PIPPO PATTAVINAStanding ovation di 10 min per il debutto della Fedra (Ippolito portatore di corone) al Teatro Greco di Siracusa“Il mio onore è morto insieme a queste bestie”: registra il tutto esaurito il debutto di Aiace a SiracusaMIXOLOGY: nasce “Polara ’53” la linea di toniche e sode premium “born in Sicily”LA VOCE DEL VIOLINO: ERIKA RAGAZZI E IL FUOCO SACRO DELL’ARTETutto pronto per la 59° Stagione di rappresentazioni classiche al Teatro Greco di Siracusa (10 maggio-giugno 2024)“GIOVANNA D’ARCO”: AL “GARIBALDI” DI AVOLA URLA LA CARNE, SI INFIAMMA L’ANIMASIRACUSA: tutto pronto per gli “Stati generali del Cinema”Turismo: le Gole dell’Alcantara sperimentano quello cinofilo

“MISERICORDIA”: LA COMPASSIONE DIVENTA VERBO E CARNE

2024-03-12 15:36

Lucia Corsale

NOTE, Note TEATRO, eventi teatro, le note, le note teatro, teatro massimo siracusa, misericordia, emma dante,

“MISERICORDIA”: LA COMPASSIONE DIVENTA VERBO E CARNE

Un’esistenza condotta ai margini in cui echeggia la violenza e la sopraffazione degli uomini, senza però che sul palco gli stessi  facciano irruzione

img-20240229-wa0004.jpeg

“Misericordia” di Emma Dante, portato in scena al Teatro Massimo di Siracusa,  è una parabola del dramma esistenziale i cui toni tragici sfumano con delicatezza nella favola. La scena minimalista – quattro sedie pieghevoli e vari giocattoli – viene inondata a tratti dalla spazzatura, simbolo di quell’ambiente degradato dove Arturo, il protagonista, figlio di una prostituta, Lucia, secca come un’acciuga, è nato. La madre, però, al settimo mese di gravidanza, è stata uccisa a botte dal pappone, un falegname, “almeno  fammi sgravare” - gridava la poveretta al settimo mese di gravidanza -  ma quello imperterrito calci e pugni pure sulla pancia. Arturo (Simone Zambelli) dinoccolato, con gravi ritardi psichici e motori, da altre tre puttane viene allevato: Anna, Nuzza e Bettina (Italia Carroccio, Manuela Lo Sicco e Leonarda  Saffi). 

Arturo non parla, si picchia in testa, fa le giravolte, allarga le braccia e volteggia come se sul capo, al posto dei capelli vi fosse cresciuta una cresta. La forza degli attori è dirompente – gestualità portata all’estremo, corpi che simulano l’amplesso e quando la  parlata si riduce a suoni non se ne afferra il nesso. Nonostante l’aspro paesaggio siciliano non sia neppure abbozzato – non vi è traccia dei dirupi che degradano verso il mare, né dei campi assolati coi covoni abbandonati – il dialetto palermitano ci conduce nella terra delle meraviglie e delle contraddizioni, signore e signori, la fragilità è la nostra cifra, che il Signore non ci abbandoni. Un’esistenza condotta ai margini in cui echeggia la violenza e la sopraffazione degli uomini, senza però che sul palco gli stessi  facciano irruzione. Le donne, che inizialmente litigano tra loro, - nessuna pietà per Bettina che ruba prosciutto e sottilette dallo scomparto in alto a sinistra del frigorifero destinato alle altre – si compattano per restituire ad Arturo un po’ di comodità e decoro.  E, così, la musica, che tanto piaceva alla madre – una radiolina aveva,  ballava sempre come fosse in una balera - diventa colonna sonora della performance teatrale, del bene che può scaturire dal male.

Le note di “Ma che bel castello marcondirondirondello”,  di  “Pinocchio”,  il suono di un carillon, carezzano i sensi, senza farci distrarre neanche un po’. Le donne, per il loro Arturo, hanno raccolto un gruzzolo di denaro, - Arturo così potrà disporre di un cassetto dove riporre la biancheria, di un termosifone per scaldarsi nelle notti in cui la tempesta fa tremare il mare. Da lontano si sente la banda – appena passa Arturo nostro, vai con lei, ti condurrà a un’altra vita, è la musica che comanda -. La banda  per Arturo sarà la salvezza, da tempo ogni sera echi di musica lontana  sente alla finestra. Anna, Nuzza e Bettina, che di giorno sulle sedie sferruzzano a maglia e che all’imbrunire offrono le loro carni cadenti a chi di lì passa, confezionano dunque una nuova vita per Arturo, amore nostro, almeno hai un futuro. E Arturo, che mai ha parlato, prima di congedarsi pronuncia “Mamma” lasciando anche il pubblico senza fiato.

 

 

©riproduzione riservata

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis